Ordina qui l'edizione estiva

Convivenza forzata in Bosnia?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Su diversi temi, Ny Tid ha pubblicato un'ottima serie di articoli sulla Bosnia-Erzegovina in relazione al decimo anniversario del massacro di Srebrenica. Arne Johan Vetlesen accusa Thorvald Stoltenberg di essere d'accordo con gli estremisti serbi perché Stoltenberg ha affermato "Non puoi costringere le persone a vivere insieme". A Ny Tid il 26 agosto, Stoltenberg riceve il sostegno di Gunnar Garbo che scrive "Ma ovviamente Stoltenberg aveva ragione. Non puoi FORZARE le persone a vivere insieme”.

Ma in Bosnia ed Erzegovina i gruppi etnici vivevano effettivamente insieme. L'antropologo sociale norvegese Tone Bringa soggiornò prima della guerra del 1992-1995 in un villaggio a nord di Sarajevo dove la gente era o croata o musulmana (intervista a Klassekampen 05.09.1995). Nel villaggio vicino erano musulmani e serbi. I gruppi etnici vivevano uno accanto all'altro e interagivano. Ma differivano l'uno dall'altro per religione (ovviamente), abbigliamento, nomi e tipi di casa. E c'erano certamente delle contraddizioni e non una piena armonia. Ma vivevano insieme. Quando la guerra è arrivata in questi villaggi, altri hanno raccontato come i serbi estremisti abbiano costretto i serbi dei villaggi a partecipare allo sfollamento e al massacro dei loro vicini croati o musulmani. Anche croati e musulmani estremisti hanno fatto lo stesso, ma non si può presumere che siano stati i serbi a dare inizio e ad aprire la strada in questo processo. E la coercizione non equivaleva a costringere le persone a vivere insieme. No, sono stati gli estremisti assetati di potere a separare le persone. Pertanto, Vetlesen ha assolutamente ragione sul fatto che la posizione di Stoltenberg (e di Garbo) fosse più vicina a coloro che volevano separare i popoli che a coloro che volevano mantenere una Bosnia-Erzegovina multietnica.

Vidar Eng, manager di Tromsø SV

Potrebbe piacerti anche