Teatro della crudeltà

Razzismo strategico

Teppisti in giacche di pelle nera stanno devastando le strade di Mosca.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[paura della xenofobia] Una mattina di primavera in Russia non è fatta di gioia per il sole che splende o per la natura che fiorisce, ma di notizie su chi è stato ucciso durante la notte perché quella persona "puzzava un po'" di non slavo. Fino all'anno scorso, i mascalzoni si accontentavano di picchiare i non schiavi. Se qualcuno è morto, è stato per le percosse che hanno ricevuto. Ora vengono pugnalati con un coltello.

L'atrio della metropolitana sotto Piazza Pushkin brulica di agenti di polizia in uniforme e in borghese. A nessuna vecchia signora è consentito srotolare un poster anti-Putin senza permesso. Qui, nel pieno del centro di Mosca, la vigilia di Pasqua ortodossa, il 21 aprile, è stata uccisa con un preciso colpo al cuore la studentessa diciassettenne moscovita Vigen Abramjants. Gli autori erano un gruppo di delinquenti vestiti con giacche di pelle nera.

Vigen Abramjants era armeno e aveva capelli neri come l'ebano, capelli ondulati e un naso aquilino – quindi era uno tshurka, una persona di colore. Chiunque abbia i capelli neri e il naso aquilino è uno tshurka. Che siano ortodossi, musulmani o altro. Vigen stava andando alla messa di Pasqua quando è stato ucciso, gli armeni sono ortodossi.

Essere un azerbaigiano è ancora peggio che essere un Churka nella Russia di oggi. Gli azeri sono odiati per la loro pelle scura e perché vendono verdure al mercato. A proposito, sono intelligenti: offrono buoni prezzi. Eppure la gente li odia.

A marzo, il tetto del mercato Basman di Mosca è crollato sugli sfortunati venditori. Perirono oltre 30 azeri. Mosca è una città dove non solo i teppisti e i giovani dei bassifondi soffrono di xenofobia, ma anche le autorità. Non concedevano nemmeno un giorno di lutto a coloro che erano stati schiacciati a morte. È come se dicessero: era giusto e ragionevole che questi maledetti Churkas, questi sporchi azeri, questi luridi Cheburek andassero insieme.

Lasciatemi spiegare cos'è un Cheburek: è un termine fortemente dispregiativo per gli asiatici dell'ex Unione Sovietica, cioè tagiki, uzbeki, turkmeni, kazaki e kirghisi. I kirghisi sono eccellenti spazzini stradali. Ripuliscono molto meglio della nostra varietà servile e alcolizzata, ma la ricompensa è essere picchiati o uccisi.

In breve: "La Russia per i russi" è lo slogan principale del nostro tempo. Il razzismo russo è diventato così diffuso e così sfacciato che la banda di furfanti in giacca di pelle che ha ucciso Vigen Abramjants proprio davanti agli occhi della folla e della polizia è semplicemente salita sul treno successivo e se ne è andata per la sua strada. Non sono ancora stati arrestati.

Nessuno può dubitare che la ricerca non sia stata particolarmente intensa. È noto che la polizia russa mostra solidarietà a coloro che danno la caccia ai Churkas, agli azeri e ad altri neri. Non cercano nemmeno di nascondere le loro simpatie. Questo vale anche per chi ha davvero la pelle nera. Questi vengono picchiati e uccisi allo stesso modo degli altri tshurka, sia che siano nati in Russia da padri neri e madri russe o che provengano da lontano.

Nelle ultime settimane la lotta dei razzisti russi contro la differenza ha cominciato ad estendersi anche agli omosessuali. Nella notte del 1° maggio, furfanti ed estremisti ortodossi hanno bloccato l'uscita di un locale gay. Hanno gridato slogan come “via gli spazzini” e “no ai pervertiti”.

Tutti si chiedono chi sarà il prossimo. Che tipo di caratteristiche diventeranno la base per il prossimo giro di percosse o il prossimo omicidio? Stiamo andando giù in un buco nero. Ora è chiaro che le autorità deliberatamente non agiscono. Per questo motivo si parla sempre più apertamente che la "lotta contro la xenofobia" sarà il tema principale della prossima campagna elettorale presidenziale. Perché in Russia tutte le campagne elettorali si basano sulla creazione di un nemico che si dice di voler combattere. Così è stato nel 2000, quando Putin è stato eletto per la prima volta: per assicurarsi la sua vittoria elettorale è iniziata la seconda guerra cecena. Così è stato anche nel 2004. Quando il principale nemico erano gli oligarchi.

Ecco perché oso fare una previsione: quest’anno e il prossimo le autorità promuoveranno il razzismo russo. Nel 2008, con l'avvicinarsi delle elezioni, il presidente dimostrerà come "schiaccia il male". Ma prima sarà impossibile sconfiggere questo mostro. Andrà fuori controllo.

Anna Politkovskaja era giornalista della Novaja Gazeta di Mosca e scriveva esclusivamente per Ny Tid.

Teksten sto på trykk i Ny Tid den 12. mai 2006

Potrebbe piacerti anche