Ordina qui l'edizione estiva

Dì di sì, anche tu

È tempo di celebrare l'amore e di dare a tutti lo stesso diritto di sposarsi.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[1. Giugno 2007] È alta stagione per i matrimoni. Mentre i fiori di maggio diventano rigogliosi, gli alberi verdi e la maggior parte delle persone lascia che sempre più indumenti cadano a tempo con il sole e la temperatura, il sangue scorre nelle vene dei norvegesi e noi ci arrendiamo all'amore.

Quando le coppie norvegesi manifestano il loro amore in questo modo, non stanno solo prendendo un impegno romantico l'una con l'altra. Stipulano inoltre un partenariato finanziariamente vincolante, che conferisce loro diritti e obblighi legali l'uno rispetto all'altro e come unità nei confronti della società in generale. Il matrimonio include, tra le altre cose, il diritto di ereditare l'uno dall'altro, di essere tassato congiuntamente, di sedere in proprietà indivisa, i diritti sui figli comuni, di adottare e di sposarsi in chiesa. Molti di questi diritti sono concessi anche a coloro che oggi stringono unioni omosessuali in Norvegia. Da quando la legge è stata adottata e introdotta nel 1993, agli omosessuali in coppia sono stati concessi in gran parte gli stessi diritti degli eterosessuali sposati.

La forza dell'amore non è determinata dal fatto che gli amanti siano dello stesso sesso. Ma il grado di diritti sì. Il diritto di camminare lungo la navata per sposarsi in chiesa, il diritto di adottare un bambino o di essere inseminati artificialmente è l'essenza stessa della convivenza per molte coppie norvegesi. Attualmente, questi piaceri sono illegali per le coppie dello stesso sesso. Quando ora il governo sottopone in consultazione la proposta di un diritto matrimoniale comune per eterosessuali e omosessuali, i sentimenti sono forti e la battaglia per l'opinione pubblica feroce. Il sacerdote studente Øyvind Benestad ha raccolto oltre 10.000 firme per impedire alle coppie gay e lesbiche di ottenere gli stessi diritti degli eterosessuali. Le forze che si battono per un diritto matrimoniale comune hanno finora raccolto lo stesso numero di firme sul sito sija.no.

Anche se il diritto di chinare il capo davanti a Dio o di rimanere incinta non è il sogno di tutti, il divieto a lesbiche e gay di avere l'opportunità di farlo è di per sé una manifestazione di un sistema discriminatorio. Per coloro che entrano in relazioni romantiche e impegnate con i loro prescelti dello stesso sesso, questo è un promemoria cristallino che la loro convivenza è vista come inferiore al matrimonio eterosessuale.

Tali promemoria non sono degni della società. L'amore tra due persone che si amano è ugualmente bello, ugualmente vincolante e ugualmente fragile, sia che i due siano dello stesso sesso o di sesso opposto. Una legge sul matrimonio congiunto dovrebbe essere una cosa ovvia.

Potrebbe piacerti anche