Teatro della crudeltà

La rivoluzione che ha congelato

La rivoluzione che ha congelato




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[Bielorussia] – Chivje Bielorussia, Chivje Bielorussia! ("Viva la Bielorussia!"), gridano i freddi manifestanti. La mattina di mercoledì 22 marzo diverse migliaia di persone si trovavano in piazza Oktober, proprio nel centro di Minsk. Sotto la vecchia bandiera bianca e rossa – non quella verde del presidente – gridano libertà ("svoboda").

Per diversi giorni hanno sfidato il freddo pungente e molti hanno allestito tende in mezzo alla piazza.

Il tempo è stato una sorpresa per la maggior parte dei bielorussi. Lunedì 20 marzo i maggiori quotidiani bielorussi hanno scritto che “la natura ha fatto una controrivoluzione” il giorno prima, quando una forte tempesta di neve ha colpito i manifestanti.

- Dio ha sostenuto il popolo bielorusso, ha detto il presidente rieletto, Alexander Lukashenko, riguardo al clima freddo che si è abbattuto su Minsk. – Da nessuna parte a Minsk si è verificata una bufera di neve così forte come in Piazza Ottobre, ha detto il presidente.

Il giorno successivo, lo ha annunciato la televisione bielorussa

nelle stazioni che la temperatura sarebbe scesa fino a dieci gradi sotto zero.

- In Bielorussia fa troppo freddo per fare una rivoluzione, dice a Ny Tid uno dei manifestanti, Sergej (21).

Cerca di scaldarsi sventolando la bandiera norvegese.

- Vogliamo solo vivere in un paese normale, come la Norvegia. Il presidente non ci lascia respirare, dice.

Nonostante il freddo, la manifestazione continua. Una di quelle che si rifiuta di lasciare il posto è la studentessa Olga (19). Ammette che è improbabile che vincano la battaglia, ma crede che sia importante che riescano a farsi ascoltare.

- Quando siamo qui, proviamo la stessa sensazione di calore come se vivessimo in un paese libero, dice Olga.

Per la maggior parte dei bielorussi non è stata una sorpresa che l'uomo chiamato "babka" (piccolo padre) abbia vinto le elezioni. La domanda era piuttosto come avrebbe vinto. Avrebbe scelto una "vittoria europea", dove avrebbe ottenuto circa il 53% dei voti, o una "vittoria asiatica", dove avrebbe ottenuto circa il 90% dei voti?

Con una maggioranza dell’83%, non ci sono dubbi su ciò che ha scelto.

- Non abbiamo bisogno di una rivoluzione, vogliamo solo vivere in pace, dice a Ny Tid un'insegnante bielorussa, Maja Kacasevil (56). Non è sola.

Nelle ultime quattro settimane il presidente ha condotto una grande campagna per la “stabilità”. Al posto delle immagini del presidente, grandi manifesti di giovani e anziani bielorussi caratterizzano il paesaggio urbano. "Per un futuro pacifico" o "Per un futuro sano" sono stati gli slogan.

Ciò ha risuonato in una società ancora caratterizzata dalla Seconda Guerra Mondiale e dall’Unione Sovietica

il crollo del sindacato. Solo negli ultimi anni la popolazione è cresciuta fino a raggiungere un livello simile a quello precedente alla precedente guerra mondiale.

- Non abbiamo bisogno della democrazia occidentale. Abbiamo bisogno di cibo e di una vita normale. Il presidente è riuscito a darcelo, dice Kacasevil.

Molti si aspettavano che Lukashenko avrebbe represso duramente i manifestanti. Per il momento, però, ha lasciato in pace i manifestanti, presumibilmente sotto la pressione del presidente russo Vladimir Putin. Tuttavia gli arresti dell'opposizione sono già iniziati e i manifestanti hanno affermato al Ny Tid che sono stati arrestati 400 oppositori.

Il principale candidato dell'opposizione, Alexander Milinkevij, ha nuovamente chiesto ai manifestanti di non abbandonare la speranza.

Potrebbe piacerti anche