Ordina qui l'edizione estiva

REACH – che cos'è adesso?

Siamo sempre più circondati da sostanze chimiche che minacciano la nostra salute. REACH dovrebbe fare qualcosa al riguardo. Il pericolo è che REACH venga salvato come se avesse partorito un topo.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Sappiamo poco in modo inquietante su come le diverse sostanze chimiche influenzino l'ambiente che ci circonda e, in definitiva, i nostri stessi corpi. Ognuno di noi non ha la possibilità di orientarsi nel diluvio di informazioni sanitarie – in parte contraddittorie. Le agenzie – pubbliche e private – che hanno il compito di notificare le sostanze chimiche pericolose per la salute, non hanno una corretta visione d'insieme del diluvio di sostanze chimiche. Ci sono anche solo alcune delle sostanze chimiche di cui oggi conosciamo gli effetti, soprattutto non gli effetti a lungo termine sull'ambiente e sulla salute.

È passato molto tempo da quando le persone si sono rese conto che le "vecchie" tossine ambientali come i PCB e il DDT fanno parte delle catene alimentari dell'Artico e si accumulano negli uccelli, negli animali e nelle persone che vivono lì, nonostante il fatto che queste sostanze chimiche siano utilizzate molto più a sud . Ma anche nuove tossine ambientali come i ritardanti di fiamma bromurati si accumulano nelle volpi polari e negli orsi polari.

I politici ambientalisti di SV ne sono colpiti

Nemmeno i politici SV riescono a voltare le spalle all'ambiente chimico. Ciò è diventato evidente quando il vice leader di SV Henriette Westhrin, ora segretario di stato presso il Ministero dell'Ambiente, e Ingvild Vaggen Malvik, rappresentante parlamentare impegnato per l'ambiente di SV, hanno fatto analizzare il loro sangue per 94 diverse tossine ambientali dal professor Terje Sagvolden lo scorso autunno. Il professore ha trovato 22 tossine ambientali nel sangue di Henriette Westhrin e 27 in Ingvild Vaggen Malvik.

Il World Wildlife Fund ha effettuato lo stesso test su 13 dei ministri della protezione ambientale dell'UE e, rispetto a loro, i due politici SV avevano valori più bassi di PCB, pesticidi clorurati e ammorbidenti per plastica (ftalati) nel sangue. Questo è il vantaggio di essere cresciuti e vissuti in un paese relativamente scarsamente popolato.

Al contrario, avevano molti più ritardanti di fiamma bromurati, una sostanza che ha ricevuto una crescente attenzione perché è un cosiddetto disgregatore ormonale. È una sostanza che si trova nei forni a pannelli, nei PC, nei telefoni cellulari, nei vestiti e nei mobili. Quindi la vita all'aria aperta non è da disprezzare, se non si ha paura dell'acqua potabile contaminata da piombo nei ruscelli dopo decenni di caccia all'alce e al gallo cedrone.

La primavera silenziosa

Le autorità sanitarie avvertono di tanto in tanto che bisogna mangiare meno pesce e cozze quando gli inquinanti locali diventano troppo alti. Il mercurio e alcuni altri metalli pesanti possono causare malformazioni congenite ed è probabile che la crescente incidenza del cancro sia correlata al carico complessivo di sempre più tossine ambientali.

Mezzo secolo fa, Rachel Carson ha acceso una torcia con il suo libro sulla "primavera silenziosa" – una primavera dove il canto degli uccelli si ferma. Ad oggi, non ci sono contromisure sistematiche contro questo sviluppo.

Ma quattro anni fa, l'UE ha avviato un ampio lavoro per mettere in atto disposizioni che possano fornire una migliore panoramica di quali composti chimici l'industria rilascia su di noi, che sono più preoccupanti per la nostra salute e per l'ambiente in Europa – e come si può ottenere sbarazzarsi delle sostanze chimiche che sono più problematiche.

Il nome è RAGGIUNGERE

Lo schema si chiama REACH (Registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche) ed è stato inserito nell'agenda dell'UE attraverso un libro bianco della Commissione europea nel 2001. Una prima proposta di testo legale è stata presentata nel maggio 2001 e una versione ridotta nell'ottobre dello stesso anno. REACH ha innescato un feroce dibattito in cui le aziende chimiche si scontrano con ambientalisti e autorità sanitarie. (Vedi numero precedente di Ny Tid)

REACH significa che devono essere create le cosiddette schede tecniche HMS per tutte le sostanze chimiche vendute, ovvero brevi informazioni sulle condizioni di salute, ambiente e sicurezza rivolte agli utilizzatori della sostanza.

Se viene prodotta o importata più di una tonnellata all'anno della sostanza, questa deve essere registrata in un registro centrale (Agenzia per le sostanze chimiche). La registrazione richiede che il fabbricante o l'importatore spieghi quali effetti ha la sostanza (anche sotto forma di risultati di test), come la sostanza è etichettata e come dovrebbe essere utilizzata per garantire un'adeguata sicurezza.

Più è, più è severo

I requisiti per i test aumentano quanto maggiori sono le quantità prodotte o importate. Quando la quantità supera le dieci tonnellate all'anno, è necessario che il fabbricante o l'importatore prepari una relazione sulla sicurezza chimica più completa (Chemical Safety Report, CSR). Il rapporto deve tenere conto della sicurezza dei lavoratori e dei consumatori, dei possibili rischi per la salute durante la manipolazione e l'utilizzo del prodotto – e attraverso l'influenza indiretta attraverso gli effetti ambientali. Occorre tenere conto a parte della misura in cui la sostanza si decompone in natura e se si accumula aumentando la concentrazione lungo la catena alimentare.

Quando la quantità supera le 100 tonnellate all'anno, la sostanza deve essere esaminata e valutata da un ente pubblico nel paese in cui la sostanza è prodotta o importata.

Qualcosa deve essere approvato prima dell'uso

Quattro gruppi di sostanze chimiche richiedono un'approvazione speciale:

  • n prodotti chimici cancerogeni,
  • n sostanze chimiche che danneggiano il materiale genetico o la capacità di avere figli sani,
  • n sostanze chimiche che non si decompongono in natura, ma si accumulano in concentrazioni sempre maggiori lungo la catena alimentare,
  • n sostanze chimiche che alterano gli ormoni

Tali sostanze chimiche possono essere utilizzate solo se approvate e indipendentemente dalle quantità da utilizzare. È la Commissione europea che approva, ma questo deve essere fatto in collaborazione con le autorità nazionali.

La battaglia per REACH

Ma REACH può essere salvato come dare alla luce un topo. L'industria chimica in Europa e negli Stati Uniti ha fischiato. Spaventano i politici che temono più la perdita di quote di mercato e l'aumento della disoccupazione che gli effetti a lungo termine sull'ambiente e sulla salute.

Sia la Commissione europea che i capi di governo dell'UE hanno fatto degli sforzi per garantire la competitività una priorità assoluta. La bozza originale del regolamento REACH è indebolita su diversi punti, ed è incerto cosa accadrà quando il Parlamento europeo e il Consiglio dei ministri dell'UE prenderanno la decisione finale su cosa sarà REACH nei prossimi mesi.

Potrebbe piacerti anche