La luce di Nyon arriva fino ai bordi esterni dimenticati


VISIONI CHE TI REEL: I potenti cortometraggi Wound e Diary of Cattle dimostrano che il 50 ° anniversario di quest'anno Visions du Reel ha la vitalità e la volontà di esplorare i confini esterni.

Young è un critico cinematografico regolare per la Modern Times Review.
E-mail: neilyounggb@gmail.com
Pubblicato: 2019-12-04
Ferita / diario di bestiame
Regisør: Arthur Sukiasyan David Darmadi Lidia Afrilita
(Armenia / Indonesia)

Visions du Reel (VdR), uno dei festival di documentari più antichi e influenti in Europa, quest'anno ha celebrato il suo 50 ° anniversario. Era la seconda volta che VdR veniva lanciato sotto la guida della francese Emilie Bujes, la sesta direttrice artistica sin dall'inizio. Il primo direttore artistico di Visions du Reel fu Moritz de Hadeln (nato a Exeter, Inghilterra), che insieme a sua moglie Erika fondò il festival nel 1969. Dieci anni dopo, passò al timone e alla fine si assunse la responsabilità di altri festival cinematografici - rispettivamente a Locarno, Berlino (dove è stato direttore di Berlino per oltre 20 anni) e Venezia. Sotto la guida di de Hadel, il Festival del documentario internazionale di Nyon è diventato famoso per aver mostrato film prodotti dietro la cortina di ferro, in un momento in cui le storie non filtrate all'interno dell'Unione Sovietica raramente raggiungevano la comunità internazionale.

realismo

Il festival del cinema è stato rilanciato con il suo nome attuale nel 1995 - con una celebrazione di nove giorni nella piccola città svizzera ...


Caro lettore. Devi essere abbonato (69 SEK / mese) per leggere altri articoli oggi. Torna domani o accedi se hai un abbonamento.


Chiudi


Abbonamento NOK 195 quarti