Ordina qui l'edizione estiva

Caratteristica norvegese

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

The White Birch, Mira Craig e Minor Majority ci offrono tre approcci molto diversi all'anno musicale norvegese 2006, e a loro modo dimostrano che vale la pena mantenere le loro caratteristiche distintive invece di cercare di indovinare cosa vogliono le persone.

Sussurro basso

"Vuoi / Il tuo cuore silenzioso da mostrare", canta Ola Fløttum nella band di Oslo The White Birch, e con il suo quarto album dal debutto di basso profilo Autoritratto (1996), il gruppo mostra come la frugalità sia una virtù, anche nella musica. Vieni a prendere aria (Racing Junior/Sonet 2006) è un disco di basso profilo, caratterizzato da voci sussurrate, strumentazione spartana e melodie vagamente scintillanti. L'album sarà pubblicato in Europa dalla German Glitterhouse Records e The White Birch dovrebbe avere tutte le opportunità per acquisire un pubblico devoto su base europea.

I White Birch sono nati come una rock band più rumorosa all'indomani dell'esplosione del grunge e dell'hardcore degli anni '1990. Il lento sottogenere "slowcore" è stato per molto tempo un riferimento naturale, caratterizzato com'era da melodie sciroppose, mormorii vaghi e riff di chitarra esplosivi. La band ha anche preso il nome da un album della band slowcore americana Codeine. Ora The White Birch, d'altra parte, è più legato agli umori atmosferici dell'islandese Sigur Rós e alla magnifica malinconia dei Coldplay, senza che sembri plagio o post-diluizione.

Il cambiamento di stile per The White Birch è stato probabilmente preso quando Ola Fløttum ha pubblicato l'album solista Questi giorni sono difficili da ignorare (Racing Junior 2001) con lo pseudonimo di Portrait Of David. In retrospettiva, questo album si distingue come l'esame pratico di Fløttum nella malinconia introversa; dieci brani eseguiti con pochissimi strumenti – e con un minimalismo quasi alla Erik Satie negli arrangiamenti. L'album era un po' troppo tranquillo e toccante per questo recensore, ma non c'è dubbio che sia stato importante per l'ulteriore sviluppo di The White Birch. Il trio è apparso come una nuova band su La stella è solo un sole (Racing Junior 2002), e nel record di quest'anno la metamorfosi di Fløttum e dei suoi compari Ulf Rogde e HC Almendingen è completa.

Carnevale di genere

La strada verso l'obiettivo non è stata facile nemmeno per la norvegese-americana Mira Craig, ma fortunatamente sembra che sia immune da ogni suggerimento di compromessi artistici e confini di genere definiti. L'album d'esordio Guarda guarda! (Homemade Records/Bonnier Amigo 2006) presenta qualcosa di così raro come artista norvegese che è impossibile ikke decidere. È difficile dire che il disco sia "perfetto", un destino che tocca alla maggior parte dei dischi là fuori. Perché nonostante alcuni errori, questa è musica visionaria, innovativa e quasi fastidiosamente ostinata. Se hai ascoltato la canzone rivoluzionaria "Boogeyman" con il suo mix di calypso, hip-hop e abbaiare arrabbiato, o hai visto Mira scuotersi come una puzzola di ghiaccio in Islanda – accompagnata da feroci break drum'n'bass – nel video di "Headhunted", sai di cosa sto parlando. Questa è musica che ami o odi, e il disco norvegese più audace da quando Serena-Maneesh ha debuttato con le loro megalomani sinfonie noise la scorsa estate. Fornisce indicazioni sulla musica folk norvegese e giapponese, e spesso ricorda più Kate Bush e Dollie Deluxe che modelli di ruolo più ovvi nell'hip-hop e nell'r&b. Una nuova parola d'ordine: quando Mira Craig apre bocca, devi ascoltare.

Eterne malinconie

Pål Angelskår in Minor Majority rimane più nel quartiere di The White Birch, ma la musica è più tradizionale malinconia autunnale norvegese nell'area intorno a Leonard Cohen e Neil Young. Stati d'animo irritati e testi strappalacrime da soli non sono sufficienti, ma da quando Angelskår ha debuttato con la band Reverend Lovejoy nel 1999, ha dimostrato di essere un cantautore particolarmente forte e coerente. In Reverend Lovejoy, Angelskår ha condiviso le responsabilità di scrittura delle canzoni con Jens Herman Ruge, ma il formato è diventato rapidamente troppo piccolo per dare sfogo alle canzoni che tirava fuori dalla manica, e dal 2001 Minor Majority è cresciuto da un progetto parallelo a una storia di successo con European tour, un disco d'oro e un concerto Rockefeller tutto esaurito. La grande svolta, sia commerciale che artistica, è arrivata con l'album Su per te e per me (Big Dipper 2004) e il successo "She Gave Me Away", e l'album è stato pubblicato anche in Europa. SU Motivi per restare in giro (Big Dipper/Sonet 2006) continua e sviluppa il sempre più noto universo musicale degli Angelskår. Nel corso della sua carriera, le sue canzoni sono state onorate con un'immagine sonora cristallina, grazie in gran parte al sottovalutato pilota di manopole Andreas Berczelly, e proprio questa distanza dall'estetica lofi logora di cui spesso sono vittime band simili è probabilmente parte del segreto dietro i Minor Majority che ora fiutano seriamente la massima divisione rock in Norvegia.

Potrebbe piacerti anche