Ordina qui l'edizione estiva

Compassione

Quando la soggettività è la migliore garanzia di un tutto oggettivo.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[7. Aprile 2006] Non importa se professi Dio o Allah. Ci sono parti del messaggio cristiano della Pasqua che dovresti comunque portare con te. La carità dovrebbe logicamente renderti un'umanista, una femminista e un'antirazzista. Si tratta di giustizia e comprensione per le altre persone. E per noi giornalisti: un promemoria che le prospettive di tutte le persone sono una parte uguale della verità.

La conferenza Skup per i giornalisti ha portato Robert Fisk come relatore principale il fine settimana prima di Pasqua. È visto come un giornalista controverso e rappresentante di un cosiddetto metodo soggettivo. Ha un background in quanto il corrispondente dal Medio Oriente dell'Independent per quasi 30 anni esce dal branco dei giornalisti quando cerca materiale per i propri casi. Non è seduto nella stanza d'albergo e non sta viaggiando con l'esercito americano. Fisk viaggia con i suoi amici iracheni e parla con i civili per le strade. Pertanto, i suoi casi sono interpretati come angolati, soggettivi e controversi. Fisk è spesso in contrasto con la richiesta di obiettività giornalistica.

La sua conferenza ha sottolineato mostrando che è il cosiddetto giornalismo oggettivo che ci impedisce di vedere la verità. Non è lui, ma il resto della stampa, che segue angoli fissi sui loro casi. La richiesta di obiettività viene utilizzata per impedirci di andare in profondità e raccontare come gli individui percepiscono la verità. Usiamo il linguaggio di chi detiene il potere e descriviamo gli abusi degli altri in modo più dettagliato del nostro. Lasciamo che siano i soldati alleati a decidere dove andare e cosa vedere. Altre angolazioni raramente riguardano altre storie, ma se dovremmo guardare le nostre azioni da destra o da sinistra.

Quindi Fisk trova il suo senso soggettivo di giustizia e guarda le azioni dell'Occidente dall'esterno. Capovolge questioni familiari, per scoprire se ciò che diamo per scontato potrebbe essere sbagliato. Fisk parla con l'uomo e la donna della strada e trasmette le loro prospettive. Questa è carità, quella.

Potrebbe piacerti anche