Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Marx oggi

Una relazione non dogmatica con le opere di Marx può fornire importanti prospettive sul capitalismo di oggi.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Dalla caduta del muro nel 1989, il marxismo è rimasto latente come approccio teorico alla società e come formulazione politica pratica. Invece, il neoliberismo si è affermato come ideologia e linea guida prevalenti nella politica economica – con portata globale. Altre tradizioni, come la socialdemocrazia, sono state notevolmente indebolite dagli anni '1980, anche se abbiamo assistito a un'offensiva con l'idea della "terza via" in Inghilterra, e anche i socialdemocratici sono stati al governo nel continente. Tuttavia, questo non ha portato a un accordo fondamentale con il neoliberismo, è piuttosto il caso che la socialdemocrazia ha dovuto adattarsi al neoliberismo.

Una domanda che sollevo in questo articolo è se i pensieri e le teorie di Karl Marx possano comunque avere una rilevanza significativa nella situazione globale odierna. Non mi sto concentrando qui sul marxismo come tradizione teorica, ci sono ancora un certo numero di direzioni che sono vive. Torniamo piuttosto al creatore, lo stesso Marx, e diamo uno sguardo più da vicino ai suoi pensieri sul sistema capitalista. La mia tesi è che questo è tutt'altro che un pensiero obsoleto. Credo che un rapporto non dogmatico con le opere di Marx possa fornire importanti prospettive sull'oggi

il capitalismo.

alienazione

I primi scritti di Marx riguardavano l'alienazione, in quelli che vengono chiamati i primi scritti politico-filosofici di Marx o i manoscritti di Parigi. Qui Marx si concentra sul bisogno dell'uomo di realizzare pienamente se stesso attraverso il lavoro come impresa. Il lavoro è ciò che plasma l'uomo. Successivamente, Marx si è concentrato anche sull'alienazione nel lavoro Capitale. È quando l'attività lavorativa viene distorta attraverso il lavoro in fabbrica, quando il lavoratore

- annuncio pubblicitario -

diventa solo un lavoratore parziale in un tutto più ampio e non ha alcuna relazione con il proprio prodotto, che si verifica l'alienazione. Successivamente, altri hanno ripreso il concetto di materializzazione di Marx, incluso l'ungherese Georg Luckacs, che vede il capitalismo come un sistema economico che crea relazioni materializzate tra persone anche al di fuori della sfera della produzione.

Penso che anche il concetto di alienazione e realizzazione abbia una grande rilevanza in relazione alla società occidentale moderna (o postmoderna) di oggi. Oggi più che mai, la forza lavoro è diventata una merce, e le persone escono e entrano in posti di lavoro più spesso di prima e non hanno la stessa affiliazione con l'azienda. Alcuni hanno certamente avuto maggiori opportunità di auto-espressione attraverso il loro lavoro, ad esempio molti accademici, ma molti ancora lottano con un lavoro relativamente poco interessante, monotono o unilaterale.

Società dei consumi

Potremmo anche concentrarci sulla società dei consumi di oggi e, ad esempio, esaminare l'attività sociale nei nostri numerosi centri commerciali. Questi stanno dominando sempre più la vita sociale in molte città, si basano solo sui consumi e hanno spostato i luoghi di incontro passati, dove c'era spazio per lo scambio pubblico di opinioni e dialoghi. Se fai una passeggiata il sabato in un centro commerciale, sei attratto da una miriade di persone, suoni, luci e impressioni, e difficilmente riesco a immaginare un concetto che descriva questo meglio di quello dell'alienazione. Marx era preoccupato per l'alienazione associata al business del capitale. Era naturalmente preoccupato per il capitale industriale e non per il capitale di consumo, ma è chiaro che il legame tra capitale e alienazione è rilevante anche oggi.

Valore aggiunto e dividendi

Potremmo approfondire gli studi di Marx sul Capitale e le sue magistrali descrizioni del rapporto tra il valore d'uso della merce e il valore di scambio nel primo libro. Un punto principale di Marx è che il lavoro è una merce speciale che produce un (valore di scambio) maggiore di quello necessario per ripristinarlo (riprodurlo). Si produce così un plusvalore che spetta al capitalista e sul quale si basa l'intero sistema capitalista. Marx lo chiamava sfruttamento del capitale da parte dei lavoratori. Se ampliamo la prospettiva del capitalismo globale, non c'è dubbio che oggi si sta verificando uno sfruttamento economico su larga scala dei lavoratori, attraverso l'uso di manodopera a basso costo da parte delle multinazionali nei paesi in via di sviluppo. Questo sfruttamento non è in ritardo rispetto a quella che era la situazione nel capitalismo emergente dei tempi di Marx.

Intrinseco al capitalismo, c'è anche una pressione di accumulo, descrive Marx in Capital, come il sistema deve costantemente generare nuovo valore aggiunto per sopravvivere. Ciò crea una forte pressione competitiva e alti e bassi ciclici, con ricorrenti crisi economiche. È chiaro che questo sistema ha una forte dinamica e un aspetto del capitalismo è che può generare una maggiore prosperità economica. Anche Marx era a conoscenza di questi aspetti del capitalismo e riteneva importante svilupparlo ulteriormente in una società comunista.

Capitalismo tentacolare

Oggi, tuttavia, è più che chiaro che la pressione competitiva crea grossi problemi. Ci ha dato una vita lavorativa più dura con la massiccia espulsione di coloro che non affrontano la pressione, ha causato grandi disuguaglianze sociali a livello globale e nel tempo grandi problemi ecologici (di cui Marx all'epoca non si occupava). Il sistema funziona senza alcun piano o obiettivo generale, la forza trainante è la massimizzazione del profitto della singola impresa, anche se si potrebbe dire che gli stati sociali hanno fissato un obiettivo per il sistema; la crescita economica fornisce una maggiore prosperità materiale a un numero sempre maggiore di persone. Eppure c'è motivo di preoccupazione, la variante neoliberista del capitalismo è "in crescita selvaggia", senza direzione, e se non vengono messe in atto normative significative a livello globale, non è certo che l'affermazione di Marx del movimento intrinseco del capitalismo verso il collasso sia così ueffen.

Questa affermazione o tesi fu coniata dal capitalismo europeo del XIX secolo e molti hanno trascurato Marx su questo punto. Hanno sottolineato che il capitalismo ha appena dominato le sue crisi e ha assicurato una forte crescita nella classe operaia. E, è vero, qui Marx aveva torto, ma, come ho detto, guardando la situazione globale di oggi, il quadro potrebbe essere diverso. Molti qui credono anche che il capitalismo, con il suo grande potenziale innovativo, eviterà tale destino; resta da vedere.

Materialismo storico

Infine, vorrei sottolineare la famosa teoria della storia di Marx, sul materialismo storico. In breve, è che le condizioni materiali, tecnologiche ed economiche sono le forze motrici più interne nello sviluppo della storia, mentre le condizioni politiche, religiose e ideologiche (la sovrastruttura) giocano un ruolo secondario. Questo è stato interpretato da molti come una forma di riduzionismo, che tutto si riduce ai movimenti dell'economia. Questo non era il punto di vista di Marx, per lui era un'interazione, sebbene l'economia fosse in definitiva cruciale.

Si chiede se il materialismo storico possa ancora dimostrarsi praticabile. Non ci sono quasi fattori che offrano un dinamismo maggiore del legame tra uno sviluppo tecnologico espansivo e una variante neoliberista aggressiva dell'economia di mercato. Vediamo, ad esempio, come gli stati nazionali debbano riportare i passaporti nei tentativi di controllare l'economia di mercato, in che modo il capitalismo di consumo produca nuovi stili di vita, stili di vita, modi di pensare e così via.

L'ultima spina

Tutto sommato, questo dovrebbe indicare che Marx non è privo di significato oggi. Man mano che l'umore dell'alleluia neoliberista si attenua gradualmente e i principali complessi problematici come il divario di classe globale, la povertà, i problemi di salute, le crisi ecologiche e l'alienazione diventano seri, Marx può comunque compiere l'ultimo passo.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato