Ordina qui l'edizione estiva

Condizioni illegali

I teppisti del mare ottengono un buon aiuto sia con lo scarico del pesce che con il carburante extra sulla cresta di Reykjanes.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[pesca piratesca] Ora la guardia costiera islandese può documentare che il peschereccio dei pirati "Carmen" ha caricato del pesce nella nave congelatore "Polestar". Il peschereccio è registrato in Georgia e il congelatore a Panama. La nave congelatore "Polestar" è stata immediatamente inserita nella lista nera dalla Commissione per la pesca nell'Atlantico nord-orientale (NEAFC). Ciò significa che ora è indesiderato in tutte le porte NEAFC. Ci crederesti.

Ma Greenpeace può dimostrare che due dei peggiori della flotta pirata nell'aprile di quest'anno hanno ricevuto aiuti nei porti ai quali, secondo le autorità, non hanno accesso.

L'11 aprile "Rosita" era a Fredrikstad e ha imbarcato attrezzature provenienti dalla Germania, e nei giorni dal 2 al 4 aprile "Dolphin" era nella capitale faroese Tórshavn e ha ricevuto rifornimenti.

- Questo dimostra che ci sono tre paesi che avrebbero dovuto reagire e respingere due pescherecci da traino che erano nelle liste nere da anni. È scandaloso che paesi come la Norvegia non dispongano di un sistema che garantisca la cessazione di tali violazioni degli obblighi internazionali, afferma Truls Gulowsen di Greenpeace.

- La lista nera della NEAFC è chiara e quando puoi documentare che un peschereccio con licenza legale rifornisce la flotta pirata, verrà immediatamente inserito nella lista nera. Non c'è tolleranza per il contatto con la flotta pirata, sottolinea Kjartan Hoydal, che dirige il segretariato della NEAFC a Londra.

Ma i pescherecci pirata non solo vengono aiutati a sbarazzarsi del pesce illegale, ma vengono anche riforniti di carburante. Il capitano del peschereccio faroese "Enniberg", Sonny Johannessen, può raccontare, tra l'altro, di navi petrolifere che inizialmente dicevano di non poter aiutare con il carburante per la barca "Enniberg", ma che erano ancora sul campo a rifornire altre barche di petrolio , una settimana dopo .

- La mia impressione è che i pescherecci da traino legali acquistino abbastanza petrolio da consentire loro di pompare petrolio nei pescherecci da traino pirata, dice Johannessen. E aggiunge che ciò che vedono sul campo suggerisce che la lista nera non funziona.

L'addetto alle informazioni della guardia costiera islandese, Dagmar Sigurðardóttir, afferma che l'Islanda sta facendo il possibile per rivelare ciò che sta accadendo sulla cresta di Reykjanes, e la NEAFC è stata immediatamente informata dell'incidente con "Polestar" e "Carmen".

Potrebbe piacerti anche