Ordina qui l'edizione estiva

Le culture uccidono

Non so a quale cultura Vebjørn Selbekk pensi di appartenere, ma direi che è estranea alla Norvegia.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[mentalità da gregge] Le persone che evadono dalla loro cultura tendono a diventare strenui difensori della Cultura, indipendentemente dal tipo di cultura – è l'idea stessa che siamo tutti prodotti di una cultura specifica che viene difesa. Essi stessi rompono con la loro cultura, insistono sul fatto di essere individui e criticano gli altri perché appartengono alla cultura sbagliata o alla Cultura nel modo sbagliato.

Vebjørn Selbekk, ad esempio, si è trasformato da fanatico omofobo e anti-musulmano dell'ala cristiana di estrema destra a un radicale culturale ribelle che si erge sulle barricate per la libertà di espressione, benedetto dal capo della stampa Per Edgar Kokkvold della Norwegian Press Association . È un miracolo. Due anni fa, Selbekk ha sostenuto il rafforzamento della clausola sulla blasfemia per proteggere i sentimenti religiosi dei cristiani. Ora vuole che venga rimosso, perché teme che dietro di esso si nascondano i musulmani.

Nel libro Threatened by Islamists, Selbekk appare come un caloroso difensore della "nostra" cultura, come se islam e cristianesimo non fossero parenti più stretti del secolarismo e della religione. L'estate scorsa, l'editore Selbekk ha scritto sul suo quotidiano Magazinet che "non è necessario essere particolarmente intelligenti o molto istruiti per capire che l'omosessualità è qualcosa di innaturale", mentre prima dell'estate di quest'anno ha definito "reazionarie" le opinioni dei musulmani sull'omosessualità. . Senza arrossire, Selbekk cita anche l'olandese Theo van Gogh e Ayaan Hirsi Ali come modelli, ma potrebbe avere più ragione di quanto pensi. Come documenta il giornalista Ian Buruma nel suo recente libro, Murder in Amsterdam: The Death of Theo van Gogh and the Limits of Tolerance, tutti e tre gli attori centrali del dramma hanno subito radicali cambiamenti di personalità negli anni prima dell'assassinio enormemente imprudente di Olanda. massimo eretico.

Ayaan Hirsi Ali era quella che Selbekk chiamerebbe una "fondamentalista islamista" molto tempo dopo aver rotto con la sua famiglia e molto tempo dopo essere arrivata nei Paesi Bassi. È stata socialdemocratica e ultraliberalista, e ora lavora in un think tank neoconservatore negli Stati Uniti. Van Gogh è cresciuto in un sobborgo dell'alta borghesia, bianco e calvinista, ma in seguito si è trasformato nel ribelle che ha osato chiamare i musulmani "cacciacapre" quando tutti gli altri tacevano.

L'assassino Mohammed Bouyeri era un prodotto della cultura olandese tanto quanto gli altri due, riempiendo la maggior parte della sua giovinezza con droghe e cattiva musica pop. Era un cosiddetto berbero, non arabo, del Marocco, e solo un anno prima dell'omicidio si era convertito a una visione del mondo che era estranea alla sua famiglia. Le sue esperienze formative sono state due: il padre degradato nella vita lavorativa perché “straniero” e il circolo giovanile locale che è stato chiuso. Ma non padroneggiava l'arabo e non andava in moschea. Non gli piaceva la politica estera americana e condannava l'uccisione di civili l'11 settembre 2001. La sua unica ragazza era un burbero mezzo olandese e mezzo tunisino in minigonna.

Selbekk, van Gogh, Hirsi Ali e Bouyeri sono tutti esempi di pecore che hanno lasciato il gregge, e forse proprio per questo insistono sul fatto che quelle rimaste indietro sono un gregge, e non un gruppo altrettanto confuso di singoli animali disparati. Da lontano, anche Dan Børge Akerø può fingere di essere un agnellino appena nato. A proposito, Selbekk non è una pecora, ma una volpe che ora ha fatto credere a tutti che il suo cristianesimo e la sua democrazia possono essere riconciliati. ■

Potrebbe piacerti anche