Teatro della crudeltà

Il basso profilo della Cina all'OMC

La Cina sembra stranamente assente e silenziosa a un incontro commerciale che si svolge in Cina.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il silenzio della Cina su questo argomento ha diverse ragioni. Tra l'altro, la Cina ha poca esperienza nella conduzione di negoziati internazionali. La Cina è diventata membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) nel 2001 ed è uno dei membri più recenti dell'OMC. Pertanto, la Cina lascia altri paesi grandi e poveri con economie in crescita come l'India e il Brasile a gestire i difficili negoziati. Tra i 149 membri del WTO che si riuniscono a Hong Kong, spicca la Cina, che appare come un grande e incerto ibrido. Pur essendo un nuovo membro dell'OMC e avendo la più grande popolazione rurale del mondo, il paese è cresciuto fino a diventare la sesta economia più grande del mondo.

La Cina è anche una delle economie più orientate alle esportazioni e non vuole apparire come un colosso minaccioso. La Cina vuole che il mondo veda il Paese come una sfida e un’opportunità, non come una minaccia per il mercato globale. Il basso profilo della Cina non è ugualmente popolare tra tutti, e il rappresentante commerciale statunitense Rob Portman ha criticato aspramente il ruolo evasivo della Cina. "Credo che la Cina, che è un attore importante nel commercio mondiale globale, abbia la responsabilità di partecipare più attivamente ai negoziati", afferma.

Sostiene il libero scambio

“La Cina sostiene il libero scambio. La Cina ha beneficiato enormemente delle riforme economiche a cui abbiamo assistito negli ultimi vent’anni. Oggi il commercio estero è molto importante per la Cina", afferma Ren Yifeng, ricercatore presso Società cinese per gli studi sull'OMC. Ma nonostante i tentativi del Paese di procedere con cautela, il commercio di esportazione della Cina è stato accusato di una serie di problemi globali. Le critiche provengono soprattutto dalla lobby industriale del Congresso americano. Questi accusano la Cina di consolidare la propria valuta a un livello così debole che l’industria americana non può competere.

Da parte sua, la Cina ritiene che il Paese sia esposto a misure protezionistiche. Durante i negoziati di adesione del 2001, la Cina ha dovuto accettare un’adesione condizionata fino al 2015, e fino ad allora la Cina ha lo status di “economia non di mercato” (economia non di mercato, NME.) Pechino ritiene che l'UE e gli Stati Uniti stiano sfruttando lo status di NME della Cina per introdurre più facilmente misure punitive con accuse di dumping di merci. Quando un membro dell'OMC deve determinare il prezzo normale di un prodotto di esportazione da NME, può utilizzare un altro paese come proxy per determinare il prezzo normale. Se il prezzo all’esportazione cinese è inferiore al prezzo normale in un determinato paese, la Cina può essere accusata di dumping. La Cina ritiene che il principio stesso sia ingiusto e che si debba fare un confronto tra i prezzi delle esportazioni cinesi e i prezzi dello stesso prodotto sul mercato cinese. Dei 2500 casi di dumping presentati all'OMC dal 1995, 386 erano contro la Cina, in 272 casi sono stati accolti denunce.

Rivolgiti a Hester

La Cina ha una popolazione rurale di 800 milioni di abitanti, composta principalmente da piccoli agricoltori. Ecco perché i paesi poveri sostengono la richiesta che i paesi ricchi non sovvenzionino i propri agricoltori, ma per la Cina è più importante facilitare le esportazioni industriali. Le esportazioni di prodotti agricoli rappresentano il XNUMX% del commercio estero totale della Cina. Le esportazioni di manufatti, d’altro canto, sono il vero motore dell’industria cinese in rapida crescita e rappresentano la maggior parte del commercio estero cinese. Anche la Cina è in una fase di cambiamento e l’innalzamento del tenore di vita delle zone rurali è una priorità per il governo. Ciò incontrerà difficoltà finché i paesi ricchi perseguiranno una politica restrittiva sulle importazioni agricole.

Esperti cinesi come Yifeng ritengono che la Cina non voglia scegliere tra il sostegno alle richieste dei paesi ricchi per mercati più aperti nell’industria e nel settore dei servizi, da un lato, e le richieste dei paesi poveri per l’eliminazione dei sussidi agricoli e delle tariffe sui prodotti agricoli. l'altro. La Cina vuole cavalcare due cavalli ed entrambi sottolineano la sua posizione di leader per i paesi poveri, ma allo stesso tempo non vogliono pestare i piedi a importanti partner commerciali. La Cina vuole entrambe le cose, e quindi c’è da aspettarsi che continui a svolgere un ruolo muto nei negoziati dell’OMC che si stanno svolgendo nel suo paese.

La Cina è membro del gruppo G20, un gruppo di grandi paesi poveri con economie in crescita. Altri membri sono India e Brasile, e questi due paesi hanno finora guidato il G20. La Cina sembra contenta di lasciare che questi continuino a farsi carico del peso maggiore. L’unica cosa certa è che la Cina continuerà a sostenere il libero scambio. "Stiamo costruendo una società più armoniosa, il che significa un maggiore grado di perequazione nella crescita economica. Questo processo è accelerato più dall’aumento del libero scambio che dal suo collasso”, afferma Yifeng.

Potrebbe piacerti anche