Ordina qui l'edizione estiva

Perché abbiamo votato come abbiamo fatto!

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il consiglio comunale di Oslo ha deciso il 07.12.05 che gli USA potranno costruire la loro nuova ambasciata a Husebyskogen. La stragrande maggioranza delle persone che si preoccupano delle fortune e del benessere della città ha dichiarato che la questione è stata difficile. Il sottoscritto e la maggioranza del gruppo del consiglio comunale di SV a Oslo hanno votato contro la proposta di piano urbanistico, e abbiamo spiegato le ragioni della nostra posizione lungo il percorso. Alcuni hanno tuttavia affermato che la nostra opposizione all'ambasciata di Husebyskogen ha a che fare con la nostra presunta "relazione odiosa" con gli Stati Uniti.

Ho letto ogni singolo documento del caso, ho visitato l'area cinque volte e ho partecipato a innumerevoli incontri, sia all'interno che all'esterno del municipio. Posso assicurarvi che la posizione mia e del mio gruppo sulla questione era basata sui fatti. Abbiamo votato contro la localizzazione dell'ambasciata degli Stati Uniti a Husebyskogen perché il sito è regolamentato e Usato come zona libera e fa parte del Piano Verde per il comune di Oslo. 31 organi di consultazione su 32 hanno sconsigliato lo sviluppo dell'area, compresi tre dipartimenti specialistici pesanti. Il sito è anche vicino a Njårdhallen, che molti bambini usano quotidianamente, quindi un edificio dell'ambasciata potrebbe esporre questi bambini al rischio di terrorismo.

È assurdo pensare che la mia/nostra posizione è stata causata da un rapporto odioso con gli Stati Uniti. È vero che SV è stata a lungo critica nei confronti di alcune parti della politica estera, commerciale, militare e ambientale degli Stati Uniti. Critichiamo inoltre molto la mancanza di rispetto da parte degli Stati Uniti nei confronti dell'ordinamento giuridico internazionale e degli accordi internazionali, come l'accordo di Kyoto. Tuttavia, la nostra critica si è sempre basata su principi di giustizia e diritto. Proprio questi principi sono alla base della nostra opposizione alla costruzione di un'ambasciata in una zona franca. I bambini di Oslo hanno il diritto di mantenere i loro polmoni verdi. Le generazioni future pretendono che i politici della città vedano oltre il loro naso e si lascino alle spalle una città che respira. La giustizia impone anche che una vita a Huseby abbia lo stesso valore di una vita a Drammenveien.

Allo stesso tempo suggerisce un rispetto per gli accordi internazionali che gli Stati Uniti possono costruire la propria ambasciata in un sito sicuro all'interno o intorno alla tribuna principale. Tuttavia, la Convenzione di Vienna non richiede che le ambasciate debbano essere situate nelle capitali e gli stessi americani hanno visitato siti al di fuori dei confini di Oslo. Ho quindi presentato cinque diversi appezzamenti di terreno che potrebbero essere buoni appezzamenti di ambasciata.

Non essere d'accordo su una questione è un diritto legittimo. Ma il dibattito trae vantaggio dal fatto che ci relazioniamo obiettivamente gli uni con gli altri e non ci attribuiamo motivi che non hanno radici nella realtà.

Akhtar Chaudhry, leader della fazione del Consiglio comunale di Oslo (SV).

Potrebbe piacerti anche