Ordina qui l'edizione estiva

Cosa vuoi, Hillary?

Sempre più persone si chiedono fino a che punto Hillary Clinton sia disposta a spingersi a destra per pescare voti.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[usa] Hillary Rodham Clinton è supremamente rinominata per un nuovo mandato al Senato.

La preparazione di una possibile campagna elettorale presidenziale per Hillary Clinton nel 2008 è in pieno svolgimento.

Il discorso di accettazione della senatrice alla convention del partito statale che si è svolta a Buffalo, New York, nel maggio di quest'anno, è stato visto come la conferma della sua candidatura che i delegati stavano aspettando.

L'enfasi nel discorso non era sulle questioni locali, nonostante Clinton rappresenti lo stato di New York al Senato. Invece, si è scagliata contro il presidente George W. Bush, la sua negligenza per l'ambiente, la condizione della classe lavoratrice e, non ultima, la "disastrosa politica estera" dell'amministrazione Bush. Il risultato non si è fatto attendere:

standing ovation e parole di lode dalla maggior parte delle ali della festa.

Nuova faccia

Tuttavia, i liberali sono preoccupati. Affermano che Clinton, nel tentativo di raggiungere un gruppo più ampio di elettori, si è spostata così nettamente a destra che rischia di perdere il proprio fondamento politico. Tra le altre cose, viene indicato il suo sostegno all'invasione dell'Iraq e la sua nascente amicizia con l'arciconservatore magnate dei media Rupert Murdoch.

La scorsa settimana, è stata letteralmente fischiata giù dal palco durante una convention liberale a New York, a causa della sua opposizione al ritiro delle truppe americane dall'Iraq. Questo è solo uno dei numerosi problemi in cui Clinton è in rotta di collisione con il suo stesso partito. Ha definito l'aborto – per il quale in precedenza è stata una forte sostenitrice – "una scelta tragica". Ha presentato al Senato un disegno di legge contro l'incendio delle bandiere e ha esercitato intense pressioni per vietare i videogiochi violenti. Questa è una politica del tutto inaccettabile per l'ex fedele ala liberale del Partito Democratico. Anche gli analisti politici centrali mettono in dubbio il nuovo volto politico di Clinton.

Richard Cohen sul Washington Post ha sfidato la possibile candidata presidenziale alla leadership: "Sa almeno in cosa crede? Sappiamo cosa crede? Hillary, aiutaci. Chi diavolo sei?"

Tuttavia, un sondaggio della Quinnipiac University a maggio ha mostrato che un enorme 81% degli elettori democratici di New York pensava che Clinton stesse facendo un ottimo lavoro. Questo, unito a un superbo vantaggio finanziario rispetto ad altri possibili candidati, suggerisce che può contare sul diventare la principale candidata democratica prima delle primarie del 2008. Finora in questa campagna elettorale ha raccolto 20 milioni di dollari, ovvero 120 milioni di corone. Ma la situazione finanziaria della Clinton può creare mormorii anche in patria: dopo che l'US Comptroller's Office ha recentemente annunciato che la Clinton ha un patrimonio di 50 milioni di dollari, ovvero 300 milioni di corone norvegesi, la base liberale l'ha accusata di essere entrata a far parte della politica classe superiore.

Ad oggi, tuttavia, può contare sul sostegno di quasi il 40 per cento degli elettori democratici. È molto avanti rispetto agli ex candidati alla presidenza e alla vicepresidenza John Kerry e John Edwards, che ricevono rispettivamente il 14 e il 13 per cento del sostegno.

Tuttavia, la popolazione è divisa. Un sondaggio pubblicato dalla compagnia televisiva ABC a maggio ha mostrato che il 38% ha pensato di votare per lei, mentre un enorme 57% ha pensato di votare per il possibile candidato repubblicano, il senatore John McCain dell'Arizona. Anche gli elettori indipendenti sosterranno McCain su Clinton. Per conquistare i repubblicani, deve continuare il suo delicato equilibrio di pescare voti tra gli elettori centristi senza offendere la sua stessa base liberale. Il problema non è minore alla luce del fatto che gli Stati Uniti hanno elettori più dichiaratamente conservatori che liberali.

Anche i democratici in diversi stati oscillanti, come il Missouri, sono scettici. La leadership del partito qui teme che Clinton sia troppo cortese e tenga conferenze nel suo stile e quindi non sia abbastanza eleggibile. Pertanto, la maggioranza potrebbe piuttosto arrivare a sostenere un candidato repubblicano. E se i Democratici perdono lì, potrebbe significare che almeno altri 30 stati oscillanti seguiranno l'esempio. Allora la battaglia per la Casa Bianca sarà persa. I sondaggi finora mostrano che Clinton ha un sostegno sicuro solo in 16-17 stati.

Caratteristiche vincenti

Tuttavia, gli strateghi politici di entrambi i partiti sottolineano le qualità vincenti uniche di Clinton. Due esempi che lo illustrano: in un concerto commemorativo al Madison Square Garden dopo l'11 settembre 2001, è stata, come la scorsa settimana, fischiata giù dal palco. I soccorritori e le famiglie delle vittime non hanno ritenuto che fosse il momento di delineare un vero liberale. Oggi, tuttavia, la pipa ha assunto un suono diverso e Clinton ha quasi raggiunto lo status di eroe come forse il più importante sostenitore di questo gruppo a Washington DC. Ha una posizione simile tra l'influente popolazione ebraica di New York. Dopo essere stata inizialmente massacrata per il suo sostegno a uno stato palestinese, ha portato una delegazione in un viaggio di alto profilo in Israele. Quando è tornata a New York, anche questo gruppo aveva cambiato la propria percezione di lei.

Inoltre, Hillary Clinton ha dalla sua parte la macchina del partito democratico. L'ex candidato presidenziale e attuale leader del partito Howard Dean ha lavorato intensamente per rafforzare i team locali in tutti gli stati, una strategia elaborata dai soci di Clinton. Lo stesso gruppo ha assicurato al marito Bill due mandati alla Casa Bianca e quindi dovrebbe sapere cosa stanno facendo.

Prima il potere, poi i marchi

Gli strateghi inoltre non credono che le posizioni controverse di Clinton sulla questione irachena o l'opposizione al matrimonio gay indeboliranno le sue possibilità. Il Partito Democratico è davvero consapevole della posta in gioco e la maggior parte dei gruppi di interesse nel partito ha affermato di essere disposta a buttare via i propri articoli di marca a favore di una vittoria democratica questa volta. Le questioni del marchio possono essere concentrate dopo che il partito ha ripreso il potere, dice. La sua cerchia ristretta, dove i gay e le lesbiche sono ben rappresentati, lo assicurerà sicuramente.

Prima del 2008, il primo obiettivo è riprendere il controllo del Congresso e del Senato nelle elezioni autunnali. I democratici hanno motivo di essere ottimisti. I sondaggi indicano che sono sulla buona strada per conquistare i 15 seggi necessari per ottenere la maggioranza. Solo nello stato di New York è probabile che i democratici riconquistino tre o quattro seggi, e i sondaggi mostrano la stessa tendenza in altri stati oscillanti. Il Senato potrebbe essere una sfida più dura, perché solo un terzo dei seggi sarà eletto in questo turno.

In ogni caso, pochi dubitano che Clinton possa diventare la figura democratica più centrale nei prossimi due anni, nonostante l'opposizione sparpagliata. Un consigliere centrale del Pd la mette così: "Se pensi che lei ha solo il dieci per cento di possibilità, più almeno il 20 per cento.

Mai sottovalutare un Clinton!

Di Henning André Søgaard, New Yorkpost@nytid.no

Potrebbe piacerti anche