Ordina qui l'edizione estiva

Prima le bombe, poi le vendite di energia

Israele ha fatto a pezzi l'unica centrale elettrica della Striscia di Gaza. Ora stanno conducendo vendite su larga scala del proprio potere ai palestinesi.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Mercoledì 28 giugno, aerei da combattimento israeliani hanno bombardato i trasformatori della Gaza Power Generation Company (GPGC). La centrale elettrica che ha fornito quasi la metà dell'elettricità al milione e mezzo di abitanti della Striscia di Gaza è ferma da tempo. Ora i palestinesi devono comprare tutto il loro fabbisogno energetico da Israele.

- Per riparare completamente i trasformatori danneggiati ci vorranno un minimo di otto mesi, ma possono essere necessari fino a due anni, ha detto a Ny Tid Jamal AbuGosh delle autorità per l'energia palestinese.

Le conseguenze umanitarie del bombardamento elettrico sono state grandiose per una popolazione già provata. Gli ospedali sono stati oscurati, il cibo marcisce e le pompe che forniscono acqua pulita sono ferme. A livello internazionale, l'attacco è stato condannato come punizione collettiva e l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che Gaza è ora sull'orlo di un disastro sanitario.

Tuttavia, Miryam Shomrat, ambasciatrice di Israele in Norvegia e Islanda, ritiene che il bombardamento fosse necessario per le operazioni militari.

- Il punto era rendere la vita più difficile ai rapitori [del caporale israeliano Gilad Shalit. Nota dell'editore]. Tra l'altro, abbiamo voluto rendere loro più difficile la comunicazione, senza elettricità, ad esempio, potrebbero avere problemi a ricaricare i cellulari.

I palestinesi nella Striscia di Gaza di solito dipendono dall'elettricità della Israel Electric Company (IEC). Ora si sono trovati costretti a chiedere un aumento della consegna. La distruzione è così estesa che Israele può sperare in ulteriori vendite a Gaza per un bel po' di tempo a venire.

Un altro modo per aumentare la capacità è costruire una nuova linea di trasmissione dall'IEC a Gaza, concordata nel 1999. Tuttavia, le autorità autonome non sono state in grado di raccogliere i cinque milioni di dollari USA necessari per costruire la linea elettrica.

- In ogni caso, dobbiamo anche riparare un altro trasformatore nel nord di Gaza, che è stato bombardato in precedenza, afferma AbuGosh.

L'Ambasciatore Shomrat ritiene che Israele sia stato di grande aiuto con l'importazione di vari tipi di combustibile e inerti per rimediare ai problemi che hanno seguito la carenza di energia elettrica, oltre al cloro per disinfettare l'acqua. Crede che i palestinesi non abbiano nessuno da incolpare se non se stessi.

- Il loro comportamento mi ricorda la storia dell'uomo che ha ucciso sua madre e suo padre, poi ha chiesto al giudice una pena più lieve perché era orfano.

La prossima volta che Israele vorrà impedire ai residenti di Gaza di usare l'elettricità, per ricaricare i cellulari o altro, non avranno bisogno di usare i bombardieri. Possono semplicemente spegnere l'interruttore.

Regalo svedese bombardato

[svezia] [Svezia] Due dei sei trasformatori bombardati nella centrale elettrica di Gaza erano un dono del governo svedese.

- La Svezia vede l'attentato come una punizione collettiva, che è contro il diritto internazionale, afferma Nina Blomberg, consigliere politico del ministro svedese per lo sviluppo.

Secondo Blomberg, le autorità svedesi non hanno intenzione di chiedere una compensazione finanziaria a Israele, ma chiedono che contribuiscano a migliorare la fornitura di elettricità e altri beni di prima necessità a Gaza, oltre a facilitare una semplice e rapida ricostruzione dell'impianto.

L'ambasciatore israeliano Miryam Shomrat non vuole commentare la richiesta svedese, ma circa le disposizioni per la ricostruzione dice:

- Israele è in guerra e non consideriamo queste cose finché siamo in una situazione di guerra.

Le autorità svedesi stanno ora esaminando la possibilità di contribuire alla ricostruzione. La Norvegia ha anche fornito sostegno per le infrastrutture per l'elettricità a Gaza.

Proiettili e arte

[oslo] Gaza è caratterizzata da uno stato di emergenza. Tuttavia, alcuni degli abitanti riescono a rivolgere i loro pensieri all'arte.

I leader dell'organizzazione palestinese per l'arte contemporanea (Paca) sono appena stati a Oslo. Stanno lavorando per realizzare la prima accademia d'arte palestinese con sede a Ramallah.

L'iniziativa è stata presa dall'artista visivo norvegese Henrik Placht. Dopo tre anni di pianificazione, workshop e networking, il progetto è ora assicurato. Hanno ricevuto nove milioni di NOK dal Ministero degli Affari Esteri e supporto professionale dall'Accademia delle Arti di Oslo.

- L'arte non deve cedere in una situazione di guerra. I giornalisti continuano a scrivere e l'arte ha un ruolo altrettanto importante. Perché mentre i media disumanizzano la guerra, gli artisti danno alla sofferenza un volto umano, afferma la curatrice e direttrice di Paca Reem Fadda.

- L'arte contemporanea può essere adattata a qualsiasi cultura ed è adatta come piattaforma per la critica politica e sociale, ritiene Fadda.

Sottolinea che l'accademia dovrebbe essere istituita nei locali della cultura araba e non essere un modello delle istituzioni artistiche occidentali.

ELETTRICITÀ A GAZA

  • I trasformatori della Gaza Power Generation Company (GPGC), che è stata bombardata dai caccia israeliani il 28 giugno, di solito forniscono il 43% (90 megawatt) dell'elettricità alla Striscia di Gaza.
  • Il resto dell'energia elettrica viene acquistata dall'unico fornitore disponibile, la Israel Electric Company (IEC).
  • Dopo il bombardamento, l'Autorità palestinese ha dovuto chiedere all'IEC di fornire più energia. Secondo l'ambasciata israeliana, le importazioni sono aumentate da 115 a 124 megawatt, che è il massimo di ciò che l'azienda può fornire.
  • Le autorità energetiche palestinesi affermano che la fornitura è aumentata da 110 a 128 megawatt.

Potrebbe piacerti anche