Ordina qui l'edizione estiva

Divieto sindacale dietro Ap-Roser

Le rose della campagna elettorale di Ap provengono da una fattoria dello Zambia che ha messo al bando i sindacati. – Deplorevole, dice il Partito Laburista.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Le rose rosse del Partito Laburista, che Jens Stoltenberg e colleghi di partito hanno distribuito nelle strade e nelle piazze durante la campagna elettorale, sono prodotte in una piantagione di rose in Zambia dove i lavoratori non possono formare sindacati liberi.

- Mi dispiace notare che l'azienda agricola in questione, Esquire Roses Farm, non rispetta i diritti umani e l'ICC (Codice di condotta internazionale). L'azienda non è organizzata e non consente sindacati liberi, afferma Godgridah Manjomba dell'Unione Nazionale dei Lavoratori Agricoli in Zambia.

- Se è come dice Ny Tid, allora è molto deplorevole, commenta il responsabile delle informazioni Tommy Skar nel Partito Laburista.

- È un diritto elementare e parte dei diritti umani che i lavoratori possano formare sindacati, afferma la segretaria della LO Ellen Stensrud.

- Una vergogna

Nell'ultima settimana prima delle elezioni, Øyvind Slåke ha dichiarato all'ufficio elettorale di Ap a Oslo che il partito aveva ricevuto assicurazioni dalla compagnia di fiori Walldén Moum che le rose da loro acquistate erano state prodotte in condizioni sicure in Africa.

Tuttavia, la società all'ingrosso Primaflor di Oslo, che importava rose Ap da due società in Zambia e una in Etiopia, ha ammesso a Ny Tid di non poter fornire una garanzia del 100%.

Con una certa riluttanza, Primaflor ha dato il nome a una delle piantagioni di rose che hanno servito il Partito Laburista con ben 250.000 rose rosse a stelo lungo durante la campagna elettorale. La fattoria si chiama Esquire Roses Farm Ltd. e situato in Zambia.

- È un peccato che un partito socialdemocratico non abbia attivamente assicurato che le rose che acquista provengano da agricoltori che garantiscono buoni standard sociali e professionali, ha affermato il leader Frank Brassel della International Flower Campaign (IFC) poco prima delle elezioni generali (vedi Ny Tid numero 32) .

- Mai avuto disordini sul lavoro

Brassel ha quindi affermato che l'Esquire Roses Farm non è nell'elenco dell'IFC delle aziende floricole affiliate al "Programma Flower Label", uno schema di certificazione che garantisce che i produttori seguano standard sociali e ambientali accettabili.

Oltre a questo, Brassel non conosceva alcun dettaglio sulla fattoria delle rose. Per saperne di più sulle condizioni della Esquire Roses Farm, Ny Tid ha quindi contattato la fattoria dello Zambia con la scusa di essere interessata a importare le loro rose.

Il direttore della rose farm, Alpesh Patel, ha risposto con un fax supplementare in merito al prezzo e alla qualità delle rose che producono, nonché alle assicurazioni che seguono le regole e le linee guida emanate dalle autorità dello Zambia e da MPS, un'organizzazione per la protezione dell'ambiente nei Paesi Bassi .

Riguardo alla forza lavoro, Patel ha scritto quanto segue nel suo fax:

"Non ci sono stati disordini sindacali nella nostra fattoria e non ci aspettiamo nemmeno (in futuro)".

- Non corretto

Pochi giorni dopo, il direttore della fattoria delle rose ha approfondito questo aspetto con le seguenti informazioni per telefono:

- Abbiamo dei sindacati nella nostra azienda agricola e non abbiamo mai avuto problemi con i nostri lavoratori. L'UE afferma che dobbiamo avere sindacati e, poiché gestiamo un'attività orientata all'esportazione, seguiamo questi requisiti.

Patel ha anche affermato che Esquire Roses Farm è affiliata al "Flower Label Program".

- Puoi confermarlo contattando MPS nei Paesi Bassi, ha detto.

Ora, però, il responsabile della campagna internazionale dei fiori ha fatto verificare alla Esquire Roses Farm i referenti sindacali in Zambia, i quali affermano quindi che la rose farm non ammette sindacati liberi.

- Le dichiarazioni del direttore ovviamente non sono corrette, né in relazione ai sindacati né alla certificazione, afferma Frank Brassel in IFC, e aggiunge:

- È possibile che stia confondendo il "Flower Label Program" e il sistema di certificazione di MPS. Ma posso smentire categoricamente che Esquire Roses Farm sia affiliata al "Flower Label Program", che è l'unico sistema di certificazione a livello internazionale che garantisce che i fiori siano prodotti in condizioni socialmente e ambientalmente accettabili.

- Non facile da controllare

Brassel afferma inoltre che non ci sono coltivazioni di fiori approvate dallo schema di certificazione dell'IFC, né in Zambia né in Etiopia, da dove provengono le rose della campagna elettorale del partito laburista.

Quali siano le condizioni di lavoro e ambientali nei due allevamenti di rose da cui l'azienda all'ingrosso Primaflor importa le rose Ap oltre a Esquire Roses Farm, è quindi una questione aperta.

- Questa informazione è molto nuova per noi. Ma se è vero che non possiamo fidarci delle assicurazioni che abbiamo ricevuto dal nostro fornitore, allora dobbiamo sederci e scoprire come possiamo trovare modi migliori per metterci al sicuro. Il partito laburista deve acquistare prodotti da dove ci sono condizioni accettabili. Ma non è facile per noi controllare queste cose, afferma Tommy Skar, responsabile delle informazioni di Aps, che promette di tenere informata Ny Tid sui risultati della gestione della questione da parte del partito.

- Devo sistemare le cose

- Il partito laburista deve risolvere la questione da solo, e capisco che intenda farlo ora. È encomiabile, afferma la segretaria di LO Ellen Stensrud.

Sottolinea di non sapere quanto bene il partito laburista abbia controllato lo sfondo delle rose prima di andare ad acquistarle, né quali assicurazioni abbia ricevuto in anticipo il partito.

- In linea di principio, è un diritto elementare formare sindacati, e ovviamente questo vale anche per Esquire Roses Farm. È importante controllare questo tipo di informazioni nel miglior modo possibile in anticipo, ritiene Stensrud, il quale aggiunge che non è negativo che si commerci con i paesi poveri, al contrario.

- Come sapete, LO ha già lavorato insieme ad altri per garantire che i prodotti che acquistiamo siano certificati in modo che i consumatori conoscano il background. Ad esempio, ci siamo molto impegnati a garantire che il lavoro minorile non sia dietro i tappeti che arrivano qui nel Paese. Vorremmo vedere l'etichettatura dei prodotti applicata anche alle rose e ad altri prodotti, afferma il segretario del LO.

Potrebbe piacerti anche