Ordina qui l'edizione estiva

L'ultimo zar d'Europa

Il presidente Alexander Lukashenko non teme una rivoluzione arancione durante le elezioni in Bielorussia di marzo.

(THIS ARTICLE IS MACHINE TRANSLATED by Google from Norwegian)

[elezioni] La scorsa settimana ha criticato Aleksander Lukashenko Ucraina per sostenere l'opposizione con i soldi per rimuoverlo. Ma "il pericolo arancione" non spaventa il presidente bielorusso.

- Non pensano nemmeno di poter battere Lukashenko, lo stesso presidente ha detto la scorsa settimana al canale televisivo russo NTV. Lukashenko non è il solo a pensare esattamente questo. Il principale candidato dell'opposizione, Aleksander Milinkevich, ritiene che Lukashenko otterrà l'80% dei voti alle elezioni presidenziali del 19 marzo. Senza contare.

- Non devono nemmeno aspettare fino alla fine delle elezioni. Hanno già deciso che questo sarà il risultato, ha detto la scorsa settimana Milinkevich a centinaia di sostenitori nella città di Baranovich.

Il presidente della Bielorussia sembra più invulnerabile che mai. È al potere dal 1994 e non vi è alcuna indicazione che non sarà in carica per un terzo mandato.

L'ultimo giornale non controllato dal presidente bielorusso, Narodnaja Volja (Volontà popolare), viene ora spedito in buste dopo che a tutte le edicole è stato vietato di venderlo. Tutte le stazioni televisive e radiofoniche sono di proprietà o controllate dallo stato ei loro notiziari consistono esclusivamente in elogi per il leader 51enne. La maggior parte dei media stampati è pesantemente censurata.

Il 6 marzo è iniziato il processo contro il candidato dell'opposizione e l'accademico, Aleksander Kozulin. È accusato di aver distrutto una foto del presidente Lukashenko. Quattro giorni prima era stato picchiato e arrestato dalla polizia durante una riunione di partito.

Non c'è dubbio anche su chi sostiene Vladimir Putin. Il primo ministro russo Mikhail Fradkov ha detto a Lukashenko la scorsa settimana che Putin è convinto che il popolo bielorusso avrebbe fatto "la scelta giusta". Secondo l'agenzia di telegrammi russa Itar-Tass, Lukashenko ha risposto che non c'era motivo di preoccuparsi.

- Qui è calmo e tranquillo. Come sempre, ha detto il presidente bielorusso.

La prossima settimana è pronto per l'ennesimo nuovo capitolo dell'"ultima dittatura" europea.

Potrebbe piacerti anche