Teatro della crudeltà

L'ultimo zar d'Europa

Il presidente Alexander Lukashenko non teme una rivoluzione arancione durante le elezioni in Bielorussia di marzo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[elezioni] La scorsa settimana ha criticato Aleksander Lukashenko Ucraina per sostenere l'opposizione con i soldi per rimuoverlo. Ma "il pericolo arancione" non spaventa il presidente bielorusso.

- Non pensano nemmeno di poter battere Lukashenko, lo stesso presidente ha detto la scorsa settimana al canale televisivo russo NTV. Lukashenko non è il solo a pensare esattamente questo. Il principale candidato dell'opposizione, Aleksander Milinkevich, ritiene che Lukashenko otterrà l'80% dei voti alle elezioni presidenziali del 19 marzo. Senza contare.

- Non devono nemmeno aspettare la fine delle elezioni. Hanno già deciso che questo sarà il risultato, ha detto Milinkevich la scorsa settimana a centinaia di sostenitori nella città di Baranovich.

Il presidente della Bielorussia sembra più invulnerabile che mai. È al potere dal 1994 e non vi è alcuna indicazione che non sarà in carica per un terzo mandato.

L'ultimo giornale non controllato dal presidente bielorusso, Narodnaja Volja (Volontà del popolo), viene ora spedito in buste dopo che a tutte le edicole è stato vietato di venderlo. Tutte le stazioni televisive e radiofoniche sono di proprietà o controllate dallo Stato e i loro notiziari consistono esclusivamente in elogi per il leader 51enne. La maggior parte della stampa è pesantemente censurata.

Il 6 marzo è iniziato il processo contro il candidato dell’opposizione e l’accademico, Aleksander Kozulin. È accusato di aver distrutto una foto del presidente Lukashenko. Quattro giorni prima era stato picchiato e arrestato dalla polizia durante una riunione di partito.

Non c’è dubbio nemmeno su chi sostenga Vladimir Putin. La scorsa settimana il primo ministro russo Mikhail Fradkov ha detto a Lukashenko che Putin è convinto che il popolo bielorusso farà "la scelta giusta". Secondo l'agenzia telegrafica russa Itar-Tass, Lukashenko ha risposto che non c'è motivo di preoccuparsi.

- Qui è calmo e tranquillo. Come sempre, ha detto il presidente bielorusso.

La prossima settimana è pronto per un altro nuovo capitolo dell'"ultima dittatura" europea.

Potrebbe piacerti anche