Teatro della crudeltà

Un calcio alla schiena per Johannesburg

Riuscirà Johannesburg a invertire la tendenza negativa prima che la Coppa del Mondo FIFA arrivi in ​​Sud Africa nel 2010?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[cronaca] Una volta ho avuto la spiacevole esperienza di essere derubato a Johannesburg. I miei due compagni di viaggio e io siamo arrivati ​​alla stazione centrale degli autobus di Johannesburg un lunedì mattina. Con rapidi passi ci incamminiamo verso la stazione dei treni, distante circa 500 metri. Improvvisamente, in mezzo alla strada affollata, siamo stati circondati da un gruppo di ragazzi tra i 14 ei 15 anni. Il ragazzo davanti a me tirò fuori un coltello, me lo mise alla gola e mi sussurrò: "dove sono i soldi?"

Johannesburg è il fratello maggiore pericoloso e brutto di Città del Capo. Mentre il fratello minore è spesso descritto come una delle città più belle del mondo, il fratello maggiore Johannesburg è tra le città più vituperate del mondo. Le storie dell'orrore sono molte: i dirottamenti – rapine a mano armata di auto in attesa del via libera – sono molto diffusi. Le statistiche di omicidi e stupri sono tra le più alte al mondo. E tra quattro anni verranno qui centinaia di migliaia di turisti del calcio ingenui, ubriachi e sbandieratori.

Rilancio del centro cittadino.

La capitale indiscussa della Coppa del Mondo FIFA 2010 è Johannesburg. Qui si giocherà la maggior parte delle partite, qui si troverà il centro stampa, qui si giocheranno la partita di apertura e la finale. Il governo sudafricano scommette che Johannesburg copierà il successo di altre città che hanno utilizzato i grandi eventi sportivi per infondere nuova vita ai quartieri decadenti. Negli uffici dell'organismo governativo per la rivitalizzazione, la Johannesburg Development Agency, si parla con entusiasmo dei modelli da seguire: le Olimpiadi di Barcellona nel 1992, le Olimpiadi di Los Angeles nel 1984 e i Giochi del Commonwealth di Manchester nel 2002. Il piano è chiaro . Joburg – come viene spesso chiamata la città – sorgerà.

Particolare attenzione è rivolta al centro della città – il Central Business District – e al South West Township (abbreviazione: Soweto). In ogni distretto si giocheranno le partite durante i Mondiali di calcio. Johannesburg diventerà così la prima città dopo decenni ad avere due stadi della Coppa del Mondo.

Oggi, ai turisti viene spesso consigliato di evitare il centro di Johannesburg. E fino a pochi anni fa anche molte aziende, alberghi e banche abbandonarono i grattacieli a favore di uffici simili a fortezze nei più sicuri sobborghi settentrionali. I prezzi degli uffici nel centro della città sono crollati e la zona è stata colpita da una recessione economica. L'unica cosa che è aumentata è stata la criminalità. Poiché gran parte della ricchezza del Sudafrica proviene da Johannesburg, molti hanno interpretato questo come un segnale negativo per il futuro del Sudafrica.

La città d'oro.

Nel 1884, la più grande vena d'oro del mondo fu scoperta appena fuori Johannesburg. Ne seguì una crescita economica esplosiva. Nel giro di poche settimane, la città passò da poche centinaia di abitanti a molte migliaia, e pochi anni dopo più di un quarto di tutto l'oro mondiale proveniva da Johannesburg. Alla fine del 1800° secolo, Johannesburg esercitava una grande attrazione e arrivavano immigrati da gran parte dell'Europa. Joburg crebbe rapidamente fino a diventare la città più prospera dell'Africa.

Ed economicamente, Johannesburg è ancora la città chiaramente dominante nel continente. I calcoli mostrano che poco meno del 20% dell’attività economica totale dell’intero continente si svolge lì. La città, con circa otto milioni di abitanti, è il motore economico, non solo del Sudafrica, ma dell'intera Africa meridionale.

Le due migliori squadre di calcio del Sud Africa – Kaizer Chiefs e Orlando Pirates – provengono da Soweto. Perché mentre il rugby è stato storicamente lo sport più importante per la minoranza bianca, il calcio è sempre stato più importante per la maggioranza nera. Quando la Coppa del Mondo FIFA arriva in Sud Africa, è quindi giusto che sia la partita di apertura che la finale si giochino allo stadio Soccer City, appena fuori Soweto. Il simbolismo della finale giocata proprio accanto al quartiere dove la minoranza bianca evitava la maggioranza nera durante il regime dell'apartheid è stato sottolineato in tutti i documenti di richiesta alla FIFA. La Coppa del Mondo FIFA 2010 celebrerà Johannesburg come la capitale della lotta contro l'apartheid.

Soweto ha vissuto un boom economico negli ultimi anni. A pochi passi da Soccer City ci sono due grandi attrazioni turistiche: la vecchia casa di Nelson Mandela e il nuovo museo Hector Peterson, che raffigura la lotta di resistenza dei giovani. I prezzi delle case sono aumentati in modo significativo a Soweto e ci sono molti segnali di crescente prosperità. Presto apriranno sia l'enorme centro commerciale Maponya Mall che il quattro stelle Freedom Square Hotel.

WC di livello mondiale.

Danny Jordaan, capo del comitato organizzatore, vuole che i Mondiali di calcio non celebrino solo il Sudafrica, ma l'intero continente africano. "Coppa del mondo africano di livello mondiale", è lo slogan. Nelle interviste in cui Jordaan si confronta con il crimine, sottolinea che Johannesburg ha avuto molto successo nell'ospitare la Coppa del mondo di rugby nel 1995, la Coppa del mondo di cricket nel 2003 e il Summit delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile nel 2002. Ad altri scettici che dubitano che il Sudafrica riesca a organizzare un evento sportivo così grande, gli ex oppositori dell'apartheid si riferiscono alla storia del Sudafrica. "In Sud Africa siamo abituati a rendere possibile l'impossibile", dice spesso mons. Desmond Tutu. Dietro l’evento c’è tutto l’establishment politico. Il trio Tutu, Fredrik de Klerk e Nelson Mandela fecero forti pressioni sulla FIFA affinché assegnasse la Coppa del Mondo al Sud Africa.

Grandi ambizioni.

Le ambizioni per il torneo sono molto alte. "Creeremo la migliore Coppa del mondo di calcio di sempre", ha dichiarato recentemente il presidente Thabo Mbeki. E già adesso, quattro anni prima del primo calcio d'inizio, Joburg ha fatto qualche passo avanti. Negli ultimi anni la criminalità nel centro della città è diminuita del 25%. Diverse aziende e organizzazioni hanno iniziato a trasferirsi nel centro della città. Per combattere la criminalità è stato istituito un comitato per la sicurezza nazionale con l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani come consigliere speciale. Se passeggiate per le strade dei quartieri di Newtown, Norwood, Melville o Yeoville, capirete perché Johannesburg è stata definita l'unica metropoli mondiale dell'Africa. E anche se la strada da percorrere è lunga, più che i pubblicitari e i membri del governo hanno cominciato a parlare di Johannesburg come di una rinascita.

Tuttavia i problemi di Johannesburg sono ancora enormi. Molte città hanno già tentato in passato di utilizzare i grandi eventi sportivi come panacea per rivitalizzare i quartieri cittadini, senza successo. Per ogni Barcellona, ​​c'è una Montreal. La città che ospitò le Olimpiadi estive del 1976 rimase con poco altro se non un enorme debito.

Ma ora è la stessa Joburg ad avere il coltello alla gola. La FIFA ha lanciato un chiaro messaggio: la criminalità deve diminuire prima che arrivino centinaia di migliaia di turisti del calcio. Nel 2010 dovrà essere possibile andare dalla stazione degli autobus a quella dei treni senza essere derubati.

La cronaca è scritta da:

Bjørn Klouman Bekken, studente presso la J.F. Kennedy School of Government, bjornkb@yahoo.com

Potrebbe piacerti anche