Teatro della crudeltà

L'ultimo magnate

È facile dimenticare che i musulmani hanno governato le democrazie della Grecia e dell'India fino al XIX secolo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[storia] L'Islam ristagnò nel XIV secolo. L'affermazione viene ripetuta così spesso che presto diventa vera. Viene non solo dagli scettici immigranti astorici, ma anche dai sostenitori di bin Laden che desiderano ardentemente un ritorno a un'età dell'oro idealizzata. Il XIV secolo è fissato come un periodo a causa del magico anno 1300. Poi Colombo trovò la scorciatoia per l'America, aprendo la strada al colonialismo occidentale. Allo stesso tempo, la regina spagnola escluse ebrei e musulmani dalla penisola iberica e pose fine all'impero moresco di 1300 anni.

Il 1492 fu un anno in cui il potere cominciò a spostarsi da est a ovest, ma i musulmani non furono spinti fuori dal “precipizio” di una curva discendente. Ebbene, al contrario. 40 anni prima, i turchi ottomani conquistarono la città precedentemente nota come Costantinopoli, oggi Istanbul. Fu l'inizio di un regno che nel XVII secolo comprendeva l'Anatolia, l'Europa sudorientale, il Caucaso, il Medio Oriente e parti del Nord Africa. Dal XVI secolo fino al 1600, la Grecia fu governata da Costantinopoli. Gli Ottomani riuscirono quasi a conquistare Vienna nel 1500.

Altri esempi: l'Indonesia, il paese musulmano più grande del mondo, trovò le sue preferenze religiose nel XIV secolo. L'impero mongolo durò un paio di secoli fino al 1300 e coprì la maggior parte dell'area tra l'Asia orientale e l'Europa centrale. Comprende alcuni dei paesi più popolosi di oggi, come Cina, India e Russia. Sebbene il regno esistesse solo da un paio di secoli, la sua influenza durò a lungo. L'esempio più chiaro è l'influenza dei Moghul su India, Pakistan, Bangladesh e Afghanistan (la parola "magnate" deriva da "mongolo").

Lo scrittore e storico di viaggi William Dalrymple ha fatto del lavoro della sua vita quello di ritrarre questo periodo. In White Mughals del 2002, racconta la storia del britannico James Achilles Kirkpatrick, che si convertì all'Islam per poter sposare una principessa indiana. Il suo ultimo libro si intitola The Last Mughal. La caduta di una dinastia, Dehli, 1857, basato su una revisione di oltre 20.000 documenti in persiano e urdu che si riferiscono alla ribellione indiana contro gli inglesi nel 1857. Una ribellione che segnò l'inizio della fine per l'impero culturale. I documenti si trovano negli Archivi nazionali di Delhi e fino ad ora sono rimasti intatti.

"Questi hanno reso possibile per la prima volta guardare l'anno 1857 e la città di Delhi da una prospettiva indiana, e non solo attraverso gli occhi britannici, come è stata la norma fino ad ora", scrive Dalrymple. L'anno è il 2007 e noi occidentali possiamo per la prima volta leggere una rappresentazione equilibrata di un evento storico mondiale. Se hai già letto di questa caduta di una dinastia, probabilmente hai appreso che quest'ultimo magnate era un uomo barbaro alla disperata ricerca di una formazione britannica.

La verità è che Bahadur Shah Zafar II era un dotto pensatore sufi, un calligrafo e poeta dotato. Secondo Dalrymple, era uno dei più "talentuosi, tolleranti e rispettati" della dinastia Mughal. Ancora oggi è considerato uno dei più grandi poeti urdu di tutti i tempi. Possiamo chiamarlo primitivo, ma nominare un leader occidentale moderno noto per le sue capacità filosofiche e poetiche?

Nel corso della storia, la maggior parte del mondo è stata governata dai musulmani. Fanno eccezione, per semplificare, gli USA e l’Europa occidentale. Non è un caso che è qui che l’ignoranza dell’Islam è più diffusa. Bin Laden sembra essere altrettanto povero di informazioni, ma sa quello che sta facendo: diffondere sentimenti di inferiorità e vendetta.

Potrebbe piacerti anche