Teatro della crudeltà

Il "lavoro bolle" curdo

Tutti parlano di 197 iracheni curdi ai quali l'UDI ha mostrato misericordia. A nessuno importa dei 1200 a cui non è stato permesso di rimanere in Norvegia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[asilo] ... Alla fine, dopo aver perso ogni speranza di ottenere un permesso di lavoro qui in Norvegia, ho provato a trasferirmi fuori dalla Norvegia e cercare asilo in altri paesi, come hanno fatto altri. Ho provato tre volte ma ogni volta ho fallito. Si dice che nella vita si hanno tre possibilità, niente di più. Ho già usato i miei tre. Quindi non credo che avrò un'altra possibilità. Mi sono arreso. Ho sofferto abbastanza. (…)

Tutta la Norvegia è sconvolta dal fatto che i burocrati della Direzione dell'Immigrazione (UDI) non facciano quello che dicono i politici. Nessuno si entusiasma per la sofferenza inimmaginabile che le persone dietro i numeri devono sopportare. Qual è la ragione per cui le formalità della politica di asilo coinvolgono più dei destini umani?

Il 18 gennaio di quest'anno, il curdo iracheno Omar Kadir Mohammad Shekhani ha inviato all'UDI la lettera sopra citata. Shekhani è uno dei circa 2000 richiedenti asilo provenienti dal nord dell'Iraq che, dalla fine degli anni '1990, cavalcano la società norvegese come una giumenta. È uno dei richiedenti asilo dell'Iraq settentrionale ai quali l'UDI ha nuovamente chiuso le porte lo scorso inverno, prima che Erna Solberg e altri politici interrompessero l'esame delle domande a marzo in quello che chiamano lo "scandalo UDI".

Il "crimine" di Shekhani è stato quello di aver tentato di lasciare una Norvegia che non lo voleva. Dopo ripetuti rifiuti di permessi di lavoro e di soggiorno, nel 2003 ha rinunciato alla Norvegia e ha cercato di raggiungere la Gran Bretagna per cercare protezione lì. Quando arrivò all'aeroporto di Oslo a Gardermoen, fu arrestato perché aveva documenti falsi.

- Non vedevo altra via d'uscita per riuscire ad arrivare nel Regno Unito. Sebbene la Norvegia non mi volesse qui, mi hanno arrestato all'aeroporto e mi hanno condannato a 45 giorni di prigione, dice Shekhani.

Ha scontato la pena nel 2004. Anche altri due tentativi di emigrazione si sono conclusi con il suo rimpatrio in Norvegia.

Ciò lo ha portato a essere considerato un criminale quando ha presentato domanda di residenza in base all'ormai molto discusso regolamento temporaneo, introdotto dall'ex ministro municipale Erna Solberg (H) per fare dei buchi in quello che la defunta direttrice dell'UDI Manuela Ramin-Osmundsen ha definito " mal di gola".

Numero di oscurità 1100

I "Verkebyllen" sono costituiti dai curdi iracheni del 2019 ai quali il Ministero della Giustizia nel febbraio 2000 ha concesso un permesso di soggiorno temporaneo di un anno senza diritto al ricongiungimento familiare o un permesso di residenza – da qui l'abbreviazione "muf".

Le norme temporanee del ministro del governo locale Erna Solberg, introdotte il 15 marzo dello scorso anno, hanno dato ai mufs del nord dell'Iraq la possibilità di rimanere in Norvegia. Il prerequisito era che avessero un lavoro, che non fossero criminali e che non ci fossero dubbi sulla loro identità.

Oggi tutta l'attenzione è concentrata sul fatto "scandaloso" che a 197 MUF è stato permesso di restare in Norvegia, nonostante non esistessero i presupposti regolamentari. L'UDI riteneva che esistessero ragioni umanitarie per concedere loro la residenza.

Tuttavia, viene prestata poca attenzione al fatto seguente: degli iracheni curdi del 2019 che dal 2000 hanno costituito il "cavallo di battaglia" dei manicotti a perdere, la maggior parte ha ceduto alla repressione della Norvegia nei loro confronti. Questi sono MUF che si sono arresi disperati: o sono andati clandestinamente in Norvegia, si sono recati in un altro paese per cercare protezione, o sono tornati in Iraq.

Quando lo "scandalo UDI" interruppe l'ulteriore elaborazione dei casi, 858 curdi iracheni avevano presentato domanda di residenza secondo i regolamenti temporanei di Solberg. Non tutte le domande sono state elaborate. Ma finora a 530 di loro è stato concesso il soggiorno secondo le norme, mentre a 197 è stato concesso il soggiorno sulla base della controversa valutazione delle considerazioni umane da parte dell'UDI.

Allo stesso tempo, 105 curdi iracheni, compreso Shekhani, sono stati rifiutati. Oggi non sono andati più lontano di quando arrivarono in Norvegia sette o otto anni fa.

Tuttavia, gli oltre 1100 curdi iracheni del gruppo originario nel 2019 costituiscono la grande cifra oscura. Perché nessuno sa cosa gli è successo. Nemmeno l'UDI.

- Negli ultimi anni molti iracheni sono tornati in patria, ma non tutti hanno chiesto di continuare a vivere in Norvegia. L'UDI ha contatti solo con coloro che hanno presentato domanda per la regolamentazione temporanea. Pertanto è difficile spiegare il luogo di residenza di coloro che hanno ricevuto il permesso MUF e non hanno richiesto ulteriormente il permesso di soggiorno e di lavoro presso l'UDI, afferma il direttore delle comunicazioni Agnar Kaarbø dell'UDI.

… I miei pensieri volano e mi causano problemi. Non dormo. Mi concedo l'alcool, che per un po' mi fa ubriacare e mi tiene sveglio. (…) Ciò a cui penso di più è l’atto criminale che ho commesso e che le autorità norvegesi mi hanno spinto a commettere. (…) Accetto la condanna a 45 giorni di carcere, ma in realtà ho trascorso ormai sette anni in un carcere ancora più grande di quello in cui ho trascorso quei 45 giorni. …

Fin dall’inizio le autorità norvegesi hanno visto con riluttanza i profughi provenienti dall’Iraq.

Nello stesso momento in cui venne introdotto il muf, il governo Bondevik 1 indicò chiaramente che non voleva che altri curdi iracheni cercassero asilo in Norvegia. L'allora ministro della Giustizia Odd Einar Dørum (V) disse al VG (25 febbraio 2000) in merito alla decisione del MUF: "Un segnale forte a coloro che vogliono sfruttare l'istituto per l'asilo".

Il motivo della decisione era che era "praticamente impossibile" rimandarli con la forza nel nord dell'Iraq. Tutti i richiedenti asilo del 2019 provenienti dal regime terroristico di Saddam Hussein hanno visto le loro domande di asilo respinte dall'UDI. Ma la guerra e la persecuzione in Iraq hanno fatto sì che si rifiutassero di tornare a casa volontariamente.

- Ho cercato protezione in Norvegia perché temevo per la mia vita. Nessuno vuole vivere nell’attuale Iraq. Una vita umana lì non vale più del prezzo di un proiettile, dice Shekhani, che ha lavorato come poliziotto a Suleymani, nel nord dell’Iraq, prima di fuggire in Norvegia nel 1999.

Tuttavia, il nuovo governo laburista salito al potere nel marzo 2000 ha deciso di sospendere il muf. Sotto la guida di Sylvia Brustad (Ap), il 7 maggio 2001 è stato deciso che ai MUF sarebbero state rifiutate le richieste di ulteriore residenza temporanea in Norvegia, a meno che una valutazione individuale non indicasse la necessità di asilo o residenza per motivi umanitari.

- Senza futuro

Così persisteva la situazione di stallo tra le autorità e i bastardi: la Norvegia non poteva rimandare con la forza i curdi iracheni in aereo a Baghdad e direttamente tra le braccia di un Saddam che odiava i curdi. Né esistevano accordi di estradizione che permettessero alla Norvegia di trasportarli con la forza in Iraq attraverso i paesi vicini.

I MUF, da parte loro, si sono rifiutati di fare ciò che le autorità norvegesi avevano chiesto loro; attraversare loro stessi il confine con l’Iraq settentrionale nello stesso modo in cui avevano lasciato il paese. In attesa della partenza dei curdi, ai mufs sono stati rilasciati per il momento dei permessi di lavoro temporanei.

- A volte ottenevamo un permesso di lavoro di tre mesi, altre volte di sei mesi o un anno. Ogni volta che il permesso scadeva, dovevamo fare nuovamente domanda. Avevamo paura perché i politici dicevano che potevamo semplicemente tornare in Iraq. Sono andato a lavorare e non sentivo il futuro, dice il tassista Ismet Abdul-Rahman Mustafa, che ha trovato lavoro per la prima volta tramite l'agenzia interinale Adecco nel gennaio 2001.

Oggi, nonostante abbia sempre avuto un lavoro, è inserito nel controverso gruppo dei 197 muf-ers.

... Come curdo, ho sperimentato molto dolore che mi ha privato di una vita normale. Nei 33 anni della mia vita, non ho sperimentato altro che miseria e sofferenza. (…) Quanto durerà l’incertezza e quanto soffriremo? Non è abbastanza? (…) Per quanto tempo sarò punito? I 45 giorni non sono sufficienti? La disperazione mi ha portato ad agire in questo modo. Avevo bisogno. Non ho fatto del male e non ho fatto del male a nessuno, solo a me stesso. Non sono un criminale e non ho mai commesso atti criminali. (…) Dov’è la giustizia e cosa c’è di sbagliato in questo sistema? …

Nell’estate del 2003, il governo ha ritenuto che fosse giunto il momento di inasprire ulteriormente i MUF. Questa volta il responsabile era Erna Solberg, ministro degli enti locali nel governo Bondevik 2.

La mossa prevedeva il taglio del sostegno finanziario e di altri diritti al fine di costringere i richiedenti asilo senza permesso di soggiorno a lasciare il paese.

Ma il peggioramento della situazione per i curdi iracheni ha portato a pochi progressi. A Ny Tid, uno dei silenziatori, Rebwar Waid Aziz, ha detto questo quando le tattiche di estorsione sono diventate note:

- Preferirei camminare per le strade, elemosinare e dormire nella stazione della metropolitana piuttosto che tornare nel nord dell'Iraq.

Forse non è sicuro in Iraq

Alla fine la situazione divenne così insostenibile per i curdi iracheni che cinque organizzazioni norvegesi per l’asilo e i rifugiati inviarono un messaggio di preoccupazione nel 2003.

Si afferma che la situazione dei curdi è critica: se rimangono in Norvegia, significa che perdono il permesso di lavoro, che non hanno diritto all'assistenza sociale o alle prestazioni di previdenza sociale e che non hanno più il diritto di vivere in un paese centro di accoglienza per asilo, hanno avvertito il Consiglio per i Rifugiati, il Comitato di Helsinki, Noas, SOS Razzismo e Auto-aiuto per immigrati e rifugiati.

L’alternativa era tornare “volontariamente” in quello che le autorità norvegesi costantemente rivendicavano come un Iraq sicuro attraverso l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM). L'UDI aveva avviato una collaborazione con l'OIM per facilitare il ritorno volontario a casa delle persone la cui domanda di asilo è stata definitivamente respinta.

Tuttavia, né l’OIM né l’UDI possono dire nulla su quanti siano tornati “volontariamente”. L'OIM ha registrato il ritorno di poco più di 250 iracheni da quando il programma è iniziato nel 2002, ma non ha idea di quanti di loro potrebbero essere curdi iracheni con lo status di muf.

Idris Sabir e Baghi Talebolelm, entrambi curdi iracheni coinvolti in SOS Racisme, non pensano che sia così strano che i MUF si rifiutino di tornare in Iraq.

Mostrano una copia del modulo di ritorno volontario dell'OIM compilato da uno dei MUF nel marzo 2004. Qui il curdo iracheno ha dovuto firmare la seguente frase: "Riconosco che le condizioni in Iraq potrebbero non essere ancora sicure, ma ciononostante desidera ritornare volontariamente in Iraq."

Per Idris Abas Hassan, fuggito in Norvegia nel 1999, l'austerità di Erna Solberg ha significato una lotta duratura per far quadrare i conti.

- Per i primi due anni ho avuto un lavoro. Ma da allora sono disoccupato. Ogni giorno cerco lavoro, ho viaggiato ad Hamar, Lillehammer e Bergen e ho fatto domanda per un posto. Ma ogni volta sono stato rifiutato. È come correre, correre e non raggiungere mai l'obiettivo, dice Hassan, originario di Halabja, la città dove Saddam ha ucciso con il gas 5000 curdi.

Anche lui è uno dei 197 muf-er sui quali ora c'è disputa.

Per Isa Mohammed Abdullah, un incidente sul lavoro ha rafforzato l'incubo in Norvegia. Nel 2003 cadde da un'impalcatura e si ruppe entrambe le braccia e la schiena.

- Sono diversi anni senza lavoro né assistenza sociale. I compagni mi hanno prestato dei soldi affinché possa farcela, dice Abdullah, che ha ancora forti dolori alle braccia dopo l'operazione.

È felice che l'UDI lo abbia inserito tra i 197 a cui è stata concessa la residenza per motivi umanitari. Ma teme che le richieste dei politici di un colpo di testa sull'UDI portino a un ribaltamento della decisione.

In tal caso, sia lui che Hassan e Mustafa rischiano ancora una volta di dover continuare un'esistenza da "cavallo di battaglia" nella società norvegese.

Per Shekhani il destino era segnato

ancor prima dello "scandalo UDI".

… Ora puoi decidere il mio destino. (…) Ora sento che sto vivendo una vita dopo la morte. La vita è finita per me. Se adesso mi trovo di fronte alla stessa cosa, non ho altra scelta che suicidarmi, cosa che cerco sinceramente di evitare. Adesso mi sono chiuso dentro e soffro di ansia. Pertanto chiedo la tua misericordia e la tua grazia.

I manicotti:

  • In totale, nel 2019, i rifugiati curdi provenienti dal nord dell’Iraq hanno ricevuto una decisione muf.
  • Di questi, 858 hanno presentato domanda di soggiorno ai sensi della normativa transitoria del 15 marzo 2005
  • A 530 dei ricorrenti è stata concessa la residenza in conformità con le norme temporanee.
  • 105 è stato rifiutato ai sensi della normativa transitoria.
  • A 197 è stata concessa la residenza per forti considerazioni umanitarie.
  • Non ci sono dati su cosa sia successo ai restanti oltre 1100 muf-ers.
  • Muf sta per “permesso di soggiorno temporaneo senza diritto al ricongiungimento familiare o permesso di domicilio”.

Potrebbe piacerti anche