Ordina qui l'edizione estiva

Bastet e in porta

Il movimento ambientalista ha perso la battaglia sul Mare di Barents. Sono stati anche derubati delle loro stesse argomentazioni, ritiene il ricercatore.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[ambiente] I sostenitori delle trivellazioni nel Mare di Barents prendono in giro la retorica ambientale e fanno dell'ambiente un argomento a favore delle trivellazioni. È così che il movimento ambientalista norvegese ha perso le proprie argomentazioni, oltre a perdere l'effettiva battaglia ambientale sul Mare di Barents. Il ricercatore del Fridtjof Nansen Institute (FNI), Leif Christian Jensen, la pensa così.

Sia i sostenitori del petrolio che gli ambientalisti sono rimasti apparentemente delusi dopo che venerdì è stato presentato il piano di gestione per il Mare di Barents. I sostenitori dell'ambiente hanno perso: nessuna area del Mare di Barents è protetta in modo permanente.

Jensen ha recentemente pubblicato il rapporto "Noioso per l'ambiente", in cui ha effettuato un'analisi qualitativa basata su circa 1200 articoli della stampa norvegese. Esamina come i sostenitori della perforazione abbiano utilizzato l'ambiente come argomento per la perforazione:

"È una politica ambientale fraintesa lasciare che siano i russi a stabilire da soli lo standard ambientale per l'estrazione di petrolio nelle regioni settentrionali. I politici norvegesi devono lasciare che la Norvegia settentrionale prenda parte all'avventura petrolifera, sia per il bene dell'ambiente che per il bene della creazione di valore", ha detto il politico FRP Øyvind Korsberg a Nordlys nel dicembre 2003. Nello stesso mese, l'editore di Klassekampen, Bjørgulv Braanen, ha scritto: "In realtà è anche un vero argomento che, partecipando essa stessa, la Norvegia sarà in grado di aiutare a stabilire standard ambientali elevati".

- Questo argomento è stato ripetuto spesso e non è stato problematizzato. Così, gradualmente è emerso come una verità. La tesi secondo cui la Russia è un pozzo ambientale è stata data per scontata

il dibattito, dice Jensen.

- Le conoscenze ambientali norvegesi sulla Russia sono più influenzate da ciò che sappiamo su Chernobyl, sul risanamento nucleare nella penisola di Kola e sulla Nickel Agency che sull'industria petrolifera russa, afferma Pål Skedsmo, anch'egli ricercatore presso FNI, il quale afferma che i requisiti russi in alcune zone sono più severe di quelle norvegesi.

Il collega ricercatore Arild Moe è d'accordo e afferma che il problema da parte russa non sono gli standard, ma l'applicazione e l'implementazione.

- Le considerazioni ambientali vengono introdotte molto tardi

il processo, crede.

Skedsmo ha lavorato sul campo in un'organizzazione russa per la protezione ambientale a Murmansk e afferma che il dibattito ambientale in Russia è praticamente inesistente.

- Gli ambientalisti sono spesso liquidati come estremisti in Russia. L'estrazione del petrolio non è qualcosa che pensano di poter fermare, dice.

Anche le autorità ambientali hanno meno potere e sono meno centrali che in Norvegia.

Jakub M. Godzimirski di Nupi ritiene che i russi trattino le questioni ambientali come un problema di lusso.

- La Russia vuole una crescita economica forte e duratura ed è disposta a pagare un certo prezzo ambientale per essa. Sono consapevoli che gli Stati Uniti e la Norvegia hanno pagato molto per ripulire dopo di loro e che l'ambiente è un problema transfrontaliero. Il che significa che se non risolvono le cose da soli, deve farlo qualcun altro, dice Godzirmirski.

Potrebbe piacerti anche