Teatro della crudeltà

Fascismo affascinante e conducenti seducenti

NEO-FASCISMO / Molti hanno ancora oggi desideri fascisti o si può sempre incolpare i leader seducenti? Un'immersione più ravvicinata nel centenario fascismo italiano e nei suoi discendenti dice qualcosa sui pericoli che probabilmente dovremo affrontare.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Giacomo Matteotti

La strada principale qui nella città di Siracusa in Sicilia è Corso Giacomo Matteotti, dal nome del politico che nel XX secolo criticò apertamente Benito Mussolini e i fascisti all'interno del Parlamento italiano. Il socialista e leader del partito era critico nei confronti dell'ascesa del fascismo, della violenza, delle frodi elettorali e della corruzione. Nel 1924 pubblicò un libro a cui in seguito sarebbe stato dato il titolo inglese Fascista esposto: un anno di dominazione fascista . Fu poi trascinato in un'auto da alcuni degli scagnozzi di Mussolini, che lo pugnalarono semplicemente a morte. Successivamente, il corpo è stato ritrovato un paio di chilometri fuori Roma. Gli assassini provenivano, tra l'altro, dalla polizia segreta fascista. I colleghi di Matteotti, gli antifascisti, alla fine cercarono di far arrestare Mussolini, che doveva esserci dietro – ma non ci riuscirono, poiché Mussolini parlava bene da solo e aveva l'appoggio del re e delle élite. Questo fu un punto di svolta, in cui i politici ora venivano uccisi per le loro opinioni: il fascismo aveva preso piede.

In Italia ora ce l'hanno Giorgia Melonic divenne primo ministro. In precedenza ha espresso la sua ammirazione per Mussolini. L’Italia si sta spostando verso l’estrema destra con tratti neofascisti? Meloni fu eletto esattamente 100 anni dopo la famosa marcia di Mussolini su Roma nell'ottobre 1922, probabilmente quando il fascismo si instaurò seriamente in Europa.

Ancora guerra?

Il nostro tempo ricorda il periodo precedente a quanto accaduto storicamente prima della Seconda Guerra Mondiale. Sia Putin che Zelenskyj raccolgono in modo seducente più guerra dai rispettivi paesi. E politici come Biden, Stoltenberg, von der Leuven e il nativo Huitfeldt esultano e tifano per una guerra in cui tutti finiscono per perdere. A quale propaganda non siamo esposti? E c’è il pericolo che ciò si intensifichi con le armi nucleari con conseguenze catastrofiche per l’intera Europa. La Crimea e il Donbass erano davvero così importanti per gli ucraini e per il mondo – o ci sono altre forze in gioco?

Mussolini, 38 anni, salì al potere nel 1922 perché altri lo volevano lì.

Illustrare l'ambiente e l'atmosfera della guerra è il nostro supplemento permanente ORIENTERING (al centro del giornale) questa volta chiamata “Guerra eterna”. Troverai argomenti come il rifiuto militare; lavoro per la pace; femministe contro il guerrafondaio di Putin; chi deve aver fatto saltare i gasdotti nel Mare del Nord; il libro La guerra oggi; i tanti violatori del diritto internazionale; e il ruolo degli intellettuali in Ucraina e Bielorussia. Ma guardate anche le pagine 60-63 sull’Unione Sovietica, o sul ruolo servile che la Norvegia e i media hanno giocato di fronte a Hitler e alla guerra del Vietnam. Da segnalare anche i film recensiti nell'allegato Modern Times Review e nel festival norvegese Movies on War, nonché il nuovo documentario d'archivio di Sergei Loznitsa La storia naturale della distruzione che tratta del bombardamento massiccio delle città britanniche e tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale – e pone la domanda tempestiva se sia moralmente accettabile uccidere le popolazioni civili come mezzo di guerra? Ho bisogno di un promemoria del bombardamento odierno delle città in Ucraina, Siria o Gaza?

Mussolini 'cresceva' sui compiti

Ma torniamo a come scoppia la guerra, al fascismo. Il fascismo italiano è ben descritto nel nuovo documentario La marcia su Roma di Marc Cousins. Si comincia con quello Donald Trump gli viene chiesto se riconosce Mussolini. Il film si conclude ricordando la svolta a destra odierna con l'italiano Meloni, l'ungherese Orbán e il partito xenofobo tedesco AfD.

 

È interessante notare che Mussolini, 38 anni, salì al potere nel 1922 perché altri lo volevano lì. E secondo il libro di Daniel Guérin Fascismo e grande capitale. Italia-Germania (1936, pubblicato con il titolo inglese Fascismo e Big Business nel 1973) ebbe l'appoggio della Banca Commerciale Italiana, che lo spinse negli ambienti del potere, aiutato dai magnati della Confederazione Italiana Industriali, della Confederazione Agraria e da personalità come il senatore Ettore Conti o imprenditori come Antonio S. Benni e Adriano Olivetti. Tutti sostenevano il fascismo e donavano ingenti somme di denaro. Mussolini era quindi il candidato della plutocrazia e delle organizzazioni commerciali.


Mussolini 'cresceva' sui compiti. Diede inizio alla famosa "Marcia su Roma", la marcia dei fascisti vestiti di nero che lasciarono Napoli per prendere il potere a Roma. Lui stesso non era sicuro che sarebbero stati in grado di farlo, quindi è arrivato da Milano con un vagone letto (con l'intenzione di fuggire verso nord se le cose fossero andate male) - e poi si è mostrato in marcia simbolicamente davanti al popolo di Roma .

Mussolini si preoccupava dell'estetica. Grandi discorsi con assemblee pubbliche e cortei facevano parte del pacchetto per incitare le persone alla partecipazione. E la gente era felice. Come mostra il film, Mussolini aveva letto più volte Gustave Le Bons Psicologie des Foules (1895, pubblicato in inglese con il titolo La psicologia delle masse l'anno dopo).

Anche Mussolini si alleò opportunisticamente con il re, la Chiesa e la capitale, i gruppi che aveva precedentemente criticato come repubblicano, non cristiano e socialista. Fornì anche ai suoi archivi dettagli sulla corruzione di altri leader fascisti. Da ex insegnante (preferiva farsi chiamare 'Il professore' dalla moglie Rachele) e giornalista, si è occupato sia della conoscenza che dei media. Ed esteticamente, simbolismo con uniformi, architettura e forza di volontà corporea applicata. Fu sostenuto dai futuristi, poiché il loro fondatore Filippo Tommaso Marinetti glorificava la guerra, una dinamica violenta che dovrebbe avere un effetto purificatore, dove la tecnologia delle armi e il metallo dovrebbero quasi fondersi con il corpo umano moderno.

Il film mostra anche Mussolini come un maestro di retorica: "Il fascismo è una credenza religiosa. Se il fascismo non fosse una fede, in quale altro modo i suoi seguaci avrebbero sia stoicismo che coraggio?" Ha fatto appello allo "spirito" piuttosto che all'intelletto. Gli intellettuali sono sempre stati disprezzati dai (neo)fascisti – ma anche dalla maggior parte delle persone.

 

Ormai era passato un po' dall'epoca dell'Impero Romano, ma i fascisti sognavano di diventare un nuovo 'popolo dei signori'. Con il continuo commento di Marc Cousin nel film, ascoltiamo e vediamo anche come il 'film di propaganda' Di noi (55 min., 1922) del regista Umberto Paradisi, promosse la marcia filmata come svolta simbolica (simile a quella di Riefenstahl Trionfo della volontà, guardare in seguito).

Mussolini e Hitler

Il primo a metà di Cousins La marcia su Roma vengono mostrati spezzoni d'archivio in cui Hitler e Himmler scendono in Italia nel 1938 per mettersi in mostra insieme a Mussolini sui balconi, nelle cene con l'élite o con uno sguardo indagatore durante le esercitazioni militari. Il documentario mostra molti filmati d'archivio significativi, anche incontri con folle italiane impazzite per ciò che viene loro promesso. Mussolini si considera invulnerabile tra il popolo, protetto da Dio.

 

 

Nella miseria

È possibile capire cosa spinge la maggior parte delle persone ad acclamare i leader che li portano a una carneficina violenta – e a una crescente industria militare omicida?

La folla in Italia.

Spesso inizia da qualche altra parte. Negli anni ’1920 l’Italia soffriva, tra le altre cose, di un’elevata inflazione. La gente cadde in povertà. Mussolini si dichiarò quindi un "deflazionista" e nel 1924 quasi "stampò" moneta statale, secondo il libro di Gueren, sia per l'industria che per le banche che avevano fallito: mise in piedi il Banco di Roma, il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia. , per esempio ancora. Lo stato di Mussolini continuò con i “sussidi” oltre i duri anni ’30 – e alla fine possedeva tre quarti dell’economia italiana tramite azioni.

Come scrisse Mussolini nel 1921, secondo Guérin, egli presumeva che nei prossimi decenni gli italiani avrebbero “sentito il bisogno di un dittatore. Aspettiamo un salvatore che ci faccia uscire dalla nostra miseria, ma nessuno sa da dove verrà” [citazioni tradotte qui dall'inglese]. Guerin scrisse anche riguardo alla dichiarazione di Hitler: "Il nostro compito è dare al dittatore, quando apparirà, un popolo pronto ad accoglierlo". Mentre dietro al mito che ha costruito Mussolini c'erano diverse persone, il culto attorno a Hitler in Germania è stato promosso da Goebbels che ha detto: "La fede nel leader è circondata, si potrebbe dire, da un misticismo misterioso ed enigmatico!" – Sì, quale apparato di propaganda non ha oggi un Putin, uno Stoltenberg, un Biden o uno Zelenskyj – con media molto più efficaci dei discorsi delle assemblee nazionali.

Per Mussolini la follia durò fino al 1945, quando fu ucciso dai partigiani. Lo vediamo lì nel film, disteso in piazza in mezzo alla folla, che prende a calci allegramente il cadavere di lui e della sua amante.

"Ciò che è sbagliato non cessa di essere sbagliato anche se la maggioranza lo sostiene".

Ma il fascismo non venne ancora “completato” con la caduta delle potenze dell’Asse. Nonostante l'argomentazione di Mussolini secondo cui il fascismo non era un'esportazione, dittature simili seguirono o già esistevano in Europa, come in Turchia, Polonia, Portogallo e Spagna. La tendenza odierna è anche quella di una leadership statale sempre più autoritaria.

Riefenstahl e Hitler

E la Germania? Nel nuovo libro Testi sui film con i saggi di Susan Sontag (Existenz Forlag, traduzione di Agnete Øye), nel capitolo "Il fascismo affascinante" possiamo leggere come la regista Leni Riefenstahl ha messo in scena le masse sotto Hitler.

Sontag si riferisce alla monumentalità e all'obbedienza delle masse al "leader" come una caratteristica comune sia dell'arte comunista che di quella fascista. Per "tutti i regimi totalitari, la funzione dell'arte è quella di 'immortalizzare' i leader e le dottrine del regime", afferma. E come disse Goebbels nel 1933, i leader si sentivano degli artisti, dove il compito dell'artista era “formare, dare forma, allontanare i malati e fare spazio ai sani”.

Ma non dovremmo dimenticare, come sottolinea Sontag, che il nazionalsocialismo e il fascismo rappresentano atteggiamenti che continuano a vivere oggi, come “l’ideale della vita come arte; coltivazione della bellezza; la feticizzazione del coraggio; la fuga dall'alienazione verso sentimenti estatici di comunità; il disprezzo dell’intelletto […]”. Questi sono desideri (fascisti) che molte persone riconoscono. E molti vogliono un guru, o uno “spettacolo” delizioso.

Riefenstahl voleva sedurre. Come affermato in Testi sui film "non le interessava ciò che è puramente realistico, preso direttamente dalla realtà, dall'ordinario, dal quotidiano". No, nemmeno Mussolini e Hitler. L’oppressione è deliberatamente estetizzata e messa in scena. Le masse esprimono estasi, «il leader dà l'orgasmo alle masse», come scrive Sontag.

La Riefenstahl aiutò a pianificare il grande congresso del partito di Hitler nel 1934, per il quale registrò Trionfo della volontà [vedi immagine principale dell'articolo] della manifestazione di massa che ha reso omaggio al 'autista'. Da Hitler, ha avuto accesso illimitato alle risorse per il film. Questo evento storico servì da set per un film che sarebbe poi apparso come un autentico documentario. Il congresso del partito è "salutato come un momento culminante salvifico nella storia tedesca", come scrive Sontag. L’obiettivo era semplicemente una propaganda seducente per utilizzare in seguito la forza militare per creare il Terzo Reich. Come è noto, anche Mussolini aveva progetti di espansione...

Gli stranieri

Berlusconi, Salvini, Meloni

Che dire di Giorgia Meloni qui in Italia: quali tratti neofascisti si possono trovare oggi tra i trifogli di Meloni, Berlusconi e Salvini? Come è noto, lo slogan della Meloni è “Dio, la famiglia, la patria” – come quello di Mussolini. Il suo partito progressista Fratelli d'Italia è stato fondato nel 2012 – il nome è preso dall'inno nazionale italiano. Una canzone che canta il risveglio, la mobilitazione del Paese: l'Italia chiama, sii pronto a morire! La Meloni chiede anche più nascite (bianche), come fece Mussolini. Ma questo non si applica ai migranti oggi: Berlusconi in precedenza aveva proposto quasi di “ripulire” il paese dagli immigrati.

Roberto saviano

Ora la Meloni ha citato in giudizio il famoso giornalista Robert Saviano per diffamazione, quando è apparso in TV e ha spiegato la disumana politica sui rifugiati che Meloni e Salvini conducono nei confronti delle ONG e delle navi che cercano di aiutare i rifugiati – causata dal piccolo Joseph di 6 anni, morto quando i medici non potevo venire. Il processo potrebbe mandare Saviano in prigione fino a tre anni.

Mussolini dichiarò apertamente che il suo regime era totalitario: i tre leader italiani saranno in grado di affermare di non avere tali caratteristiche?

Dio: La Meloni non è la sola a puntare al cielo quando opprime gli altri. La famiglia: le persone si lasciano sedurre in modo un po' egoistico quando temono che gli estranei possano prendere il loro posto di lavoro. E la patria: con le identità fugaci sempre nuove della globalizzazione, molti cercano sicurezza nei valori "fissi" della tradizione – con il desiderio di un leader o di un guidatore.

Lo slogan della Meloni è "Dio, la famiglia, la patria"

Secondo Timothy Snyder, l’insieme di governo dei leader più o meno fascisti scelti può avere le seguenti caratteristiche: governo del partito unico, culto della leadership, controllo dei media, culto dell’impero, teorie del complotto, guerra di annientamento e genocidio.

Nazionalismo

Questo ritornerà seriamente in Europa? Riuscirà più dell'ex attore Zelenskyj a lanciarsi nella lotta per la 'libertà' contro il malvagio russo? Dove sono finiti tutti i peccati che l’Ucraina ha dovuto affrontare, come la corruzione, la violenza diffusa e le violazioni dei diritti umani? Uno stato che recentemente ha messo al bando il russo come lingua e un terzo dei partiti filo-russi del parlamento, in un paese in cui il 17% è di madrelingua russa? Questo è neofascista o è una copia del totalitarismo russo di oggi, che anche noi disprezziamo?

Mentre la gente stanzia timorosamente denaro per nuove armi e lascia che le bombe prendano il sopravvento su ogni forma di comunicazione, ricordo ciò che scrisse una volta Lev Tolstoj: "L'errore non cessa di essere sbagliato anche se la maggioranza lo sostiene".

Il trio Meloni, Salvini e Berlusconi a Roma diventerà probabilmente un altro forte modello nazionalismo, un'unidimensionalità in cui vengono costantemente costruiti nuovi muri. Qui a MODERN TIMES difficilmente condividiamo gli atteggiamenti dei mass media o della maggioranza in questo momento. Come scrisse una volta Gandhi: "Nelle questioni di coscienza non c'è posto per la legge della maggioranza".

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Articoli Correlati