Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La letteratura sul narcisismo è esplosa

I tormenti del narcisismo, io! Il potere del narcisismo
Forfatter: Isolde Charim, Mitja Back
Forlag: Paul Zsolnay Verlag, Kösel-Verlag (Østerrike,Tyskland)
TEMA / Nel 2021 sono state 1000 le pubblicazioni sul narcisismo. Il narcisismo descrive una nuova normalità sociale. Questa “ideologia dell’autorealizzazione” è ora sfociata nell’egoismo e nel neoliberismo. Ma cosa può spiegare i diversi gradi di narcisismo: tratti caratteriali innati, socializzazione o background culturale?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il narcisismo è emerso come diagnosi culturale negli anni ’1970. Da psicoanalitico narcisismoteorici come Heinz Kohut e Otto Kernberg diffusero la diagnosi a teorici culturali come Richard Sennett e Christopher Lasch. La ribellione giovanile e la ricerca di "trovare la propria anima" erano ovviamente l'impulso dietro quella nuova individualismon) L’ideologia dell’autorealizzazione è ormai sfociata nell’egoismo e nel neoliberismo. E allo stesso tempo l’individuo si sente impotente: la letteratura sull’autoaiuto sta esplodendo. Tuttavia, l'interesse per l'argomento è più antico sia di Cartesio che di Montaigne: Michel Foucault ha dimostrato che la "cura di sé" era un tema nell'antichità. Il mito di Narkissos ha origine negli antichi greci.

Narcisismo e sottomissione volontaria

La filosofa e giornalista austriaca Isolde Charim (nata nel 1959) ha i I tormenti del narcisismo ("L'angoscia del narcisismo", 2022) ha fornito una buona e aggiornata analisi del narcisismo come fenomeno culturale. Il libro le è valso il Premio Tractatus 2023 per i saggi filosofici. La conclusione recita: "L'ideologia del narcisismo è un vicolo cieco". Comincia con un termine un po' antiquato, vale a dire la chiamata (Reputazione). Si può pensare all'inizio di Catilina di Ibsen: "Devo, devo, poi una voce mi propone – e io la seguirò". Seguendo la voce, è un esempio di ciò che Charim intende come sottomissione volontaria al narcisismo. Questa è la “scena primordiale” dell'identità. La voce o la chiamata può venire da Dio, da un leader politico, da un idolo, ecc. E con la secolarizzazione e la pluralizzazione della società, il numero delle chiamate possibili è cresciuto.

Ma oltre alla sottomissione volontaria dell'individuo ai sensi di a idea, arriva la funzione sociale. Il narcisismo è un'ideologia. Charim si riferisce al filosofo francese Louis Althusser (1918-1990): "L'ideologia rappresenta la relazione immaginaria degli individui con le loro reali condizioni di esistenza". Se l'individuo esistesse soltanto a partire dalle condizioni reali alle quali è soggetto, non sarebbe altro che un ingranaggio della macchina sociale. Ma è insopportabile. Pertanto, l’individuo ha una relazione immaginaria in cui agisce, cioè a materia. L'immaginario è paragonato a una "illusione prospettica": percepiamo il sole vicino a noi, è un'illusione necessaria dalla quale l'illuminazione non può liberarci. Senza l'immaginario in questo senso non potremmo vivere, secondo Charim. IL immaginario non è una maschera che può essere strappata, né una mera illusione. L'immaginario è necessario per la sottomissione volontaria del narcisismo.

Charim segue Lasch e Sennett in quanto il narcisismo non è né egoismo né un forte amore per se stessi. Anche se il narcisismo è uno disturbo della personalità, allora il termine dovrebbe ancora descrivere una nuova normalità sociale. Mentre Sennett intendeva il narcisismo come tirannia dell'intimità, Lasch sosteneva che ciò segnava la fine dell'individualità borghese. Charim traccia una terza via nella comprensione del narcisismo, tra intimità pubblica e perversione del soggetto borghese.

Charim continua a costruire Freuds concetto di narcisismo, ma ha poco di critico da dire al riguardo. Le obiezioni sono quindi in linea: Quando Freud lanciò il termine in un saggio del 1914 (in norvegese 2019: Introduzione al narcisismo), non ha scritto nulla aggressione, che da allora è stato un tema importante nella letteratura sul narcisismo. Credeva anche che quando la libido veniva trasferita dal sé all'oggetto, ad es. nell'innamoramento, quell'io svuotato dell'energia corrispondente. Ciò presuppone tra l’altro che l’energia sia costante e che voi diventiate più deboli a causa dell’amore. Entrambe le parti sono sbagliate. Infine, parlò di un narcisismo primario che poteva attaccarsi a un oggetto e poi ritirarlo nuovamente. Molti hanno liquidato questo narcisismo “primario” come un costrutto teorico.

Il narcisismo consiste nel fatto che la cultura si è spostata dal Super-io all'ideale dell'Io.

Per Lasch il narcisismo è l’indebolimento del collettivo certificato-strutture. Invece, Charim sottolinea che c’è una chiamata da parte dell’ideale dell’ego a raggiungerlo. Mentre il Super-Io è governato da divieti, lo è l'I ideale un modello di comportamento. Il Super-Io impone e governa attraverso una coscienza sporca, mentre l'ideale dell'Io crea esaltazione. Il narcisismo consiste nel fatto che la cultura si è spostata dal Super-io all'ideale dell'Io. Questa diagnosi non è nuova, ma è già stata trovata a Lasch. L’ideale dell’Io è più crudele del Super-Io: quando non si riesce a raggiungere l’obiettivo, non solo si ha una cattiva coscienza, ma ci si sente violato e inferiore.

Il problema diventa come sta l’Io-ideale in relazione alla società. Quando Freud lo introdusse nel 1914, consisteva in voci esterne interiorizzate nel soggetto. Rappresentava le restrizioni della società, oltre al fatto che era anche un ideale per compensare il crollo dello stato paradisiaco del narcisismo primario. Fu solo nel 1923 che Freud sostituì il termine “ideale dell’Io” con Super-Io, e da allora è diventata una tradizione distinguere tra Io-ideale e il superego come fa Charim. La migliore introduzione a questo problema è ancora il libro di Janine Chasseguet-Smirgel L'ideale di sé ("Jeg-idealet", 1975), tradotto sia in tedesco che in inglese.

Autovalutazione continua

Concorrenza e egoismo è diventato più diffuso, mentre le aree in cui la logica del capitalismo non si applica sono diventate più piccole. Il mercato si sta espandendo e l’individualismo è in aumento. Contro Lasch, Charim sostiene che il narcisismo non è un'espressione diretta di questa logica di sistema. Piuttosto, il narcisismo rappresenta la nostra relazione immaginaria con la logica del mercato. Questo rapporto immaginario con i cambiamenti è diventato una forza trainante.

Il neoliberismo modella tutte le relazioni sociali secondo un modello costi-benefici, come quando si parla di “capitale umano” o di essere se stessi contraente. La logica del mercato è mantenuta dal soggetto che si sottomette a un ideale di auto-miglioramento (l'I-ideale) e viene quindi catturato dall'immaginario.

Il narcisismo è diventato parte delle condizioni per concorrenzan. Questa è la novità della nostra sottomissione volontaria oggi. La competizione ora funziona attraverso il narcisismo oggettivo e soggettivo:

Il narcisismo oggettivo si manifesta attraverso la costante valutazione e classificazione di tutto ciò che si trova tra cielo e terra. Se hai acquistato un prodotto o un servizio, riceverai un'e-mail in cui ti verrà chiesto un feedback affinché il fornitore possa migliorare. Il narcisismo soggettivo consiste in un corrispondente continuo autovalutazione rispetto all'I-ideale. La costante critica e autocritica diventano sia una forza trainante che un meccanismo di controllo. Nel vecchio sistema, il metro di paragone era la prestazione. Ora i criteri sono diventati più soggettivi e il successo, di conseguenza, più instabile. La competenza oggi apprezzata è diventata più mitica o ideologica: è immaginaria e narcisistica.

Charim ha scritto un'analisi creativa e acuta del narcisismo come fenomeno sociale. Ma il rapporto tra il vecchio Super-Io (che esiste ancora) e l’ideale dell’Io rimane poco chiaro. Allo stesso tempo, è ovvio che l’ideale dell’Io ha sia un lato individuale che uno sociale, ma la relazione tra questi avrebbe potuto essere chiarita meglio da Charim. Alcuni si allenano, ad es. avvicinarsi a un ideale del sé, ma fino a che punto questo è autodeterminato e fino a che punto è l'ideale della società che si cerca di realizzare?

Attenzione e stato

Parti della ricerca sul narcisismo cercano di aggirare la psicoanalisi e invece di esplorarla con quelli che si percepiscono come metodi più empirici e scientifici.

In Germania ci sta provando un professore di psicologia Metà indietro (nato nel 1977) con il titolo IO! Die Kraft des Narzissmus# ("Io! Il potere del narcisismo") per giustificare che tutti sono narcisisti, ma che alcune persone hanno un fattore ego particolarmente grande. Secondo Back, il narcisismo marcato non ha solo conseguenze negative, ma anche positive. Solo una piccola percentuale di narcisisti ha una diagnosi di disturbo narcisistico di personalità. Il narcisismo lo è spirito del tempouna delle sue caratteristiche più importanti, osserva Back. Tuttavia, nega che la maggior parte delle persone sia diventata più narcisistica ora di prima. Secondo lui, allo stesso tempo, è esplosa la letteratura sul narcisismo. Solo nel 2021 le pubblicazioni sull’argomento sono state 1000, mentre negli anni ’1990 erano tra le 100 e le 200.

Se il narcisista non riesce nel suo intento grazie al carisma e al fascino, ricorre ai gomiti appuntiti.

Se non riceve abbastanza attenzione, il narcisista diventa invidioso e vendicativo. La percentuale di psicopatici e sadici è tuttavia piccola tra i narcisisti. Il narcisista non è fondamentalmente malvagio: l’obiettivo primario è raggiungere lo status sociale. Se il narcisista non riesce nel suo intento grazie al carisma e al fascino, ricorre ai gomiti appuntiti.

Back rifiuta che l'ego sovradimensionato del narcisista mascheri un sé infantile e insicuro. Dopo aver esaminato 5500 persone, conclude che l'autostima interiore è in realtà altrettanto buona di quella dei non narcisisti. I narcisisti che devono usare i gomiti sono meno soddisfatti, ma il sé non è nascosto nel profondo. I narcisisti non hanno un senso di sé più variabile rispetto agli altri e in media si sentono meglio rispetto alle persone con un sé meno dominante. Secondo Back il narcisismo non si basa su un’insicurezza nascosta, ma è dovuta a una forte insicurezza orientering mot status.

Il mito della vulnerabilità del narcisista è nato perché si è passati dal disturbo narcisistico della personalità al narcisismo in generale. I narcisisti clinici costituiscono solo l’1% della popolazione, mentre Back opera con il 16% di persone ipersviluppate autostima. I narcisisti diagnosticati sono atipici, è un ego che non ha avuto successo. Il narcisista comune non soffre del suo ego. Il sé vulnerabile non è la base del narcisismo, ma è dovuto alle frustrazioni quando il sé fallisce.

Che cosa allora può spiegare i diversi gradi di narcisismo, si tratta di tratti caratteriali innati, socializzazione o background culturale? Back nega che l'educazione dei genitori sia la chiave, anche se la tendenza a mettere il figlio su un piedistallo può portare al narcisismo. L'influenza degli amici, della scuola e delle relazioni amorose è più importante.

Autore Isotta Charim

Back afferma che il narcisismo lo è ereditare più che imparato. Non uno o due geni, ma una combinazione di migliaia di geni fa sì che qualcuno abbia tratti narcisistici e sviluppi un forte bisogno di ottenere ammirazione sociale. I geni agiscono sui sistemi nervoso e ormonale, che a loro volta influenzano il modo in cui pensiamo, sentiamo e agiamo.

Il narcisista è guidato da dopamina e quindi rischia e cerca il nuovo. La dopamina provoca euforia ed eccitazione e può essere paragonata a droghe come le anfetamine e la cocaina. Un esempio di questa connessione è Jordan Belfort nel film Il lupo di Wall Street (2013), che è una figura di revisione nel libro. Il narcisista va a caccia di nuovi lavori, nuove persone, nuovi vestiti e nuovi partner. La futura ricerca sul narcisismo dovrà considerare l'interazione tra ereditarietà e ambiente nello sviluppo del narcisista, sottolinea Back.

Questionario sul narcisismo

Anche se questo è un libro popolare, non ci sono scuse per non parlare di metodo. A quanto pare non ci sono segreti per i ricercatori del questionario: possono misurare tutto in modo naturale e con l'aiuto dei loro moduli confutare altre teorie come illusioni.

Ma non è questo stesso atteggiamento narcisistico basato sulle domande che vengono poste per dimostrare il narcisismo? IN questionarioet Inventario della personalità narcisistica (NPI, 1988) bisogna scegliere tra A e B quando si tratta di 40 caratteristiche di sé. NO. 16 recita: A. "Posso leggere le persone come un libro". B. "Le persone a volte sono difficili da capire." Se si sceglie l'opzione A, si assegna un punto per il narcisismo. Sulla base di ciò si potrebbe concludere che gli stessi psicologi del test sono narcisisti: ricercatori come Back leggono le persone come un libro aperto tramite questionari senza porre una sola domanda critica sul fatto che le domande descrivano adeguatamente il narcisismo.

Ci sono anche molti altri problemi con le domande di NPI, ad es. che A non esclude B. No. 9 recita: A. “Non sono né migliore né peggiore degli altri” e B. “Penso di essere una persona speciale”. Non è contraddittorio rispondere sì ad entrambi, poiché tutti sono speciali nel senso che costituiscono una combinazione unica di caratteristiche acquisite e apprese. Si può quindi essere speciali senza sentirsi migliori degli altri. Ma rispondi solo ai punteggi B per il narcisismo nell’NPI.

Autore Mitja Indietro

Mitja Back ha – come il bestseller di Twenge e Campbell L'epidemia del narcisismo (2009) – hanno ridotto le 40 domande dell'NPI a 10. Le domande presuppongono che il narcisista sia meno interessato agli altri e più interessato a se stesso e abbia una fiducia in se stesso superiore alla media in termini di aspetto, autorità e ambizioni.

Il narcisista ha la tendenza a confondere l'immagine ideale di sé con la realtà.

Gli esempi consistono in una miscela di Cinquanta tonalità di grigio e Trump, di Kim Kardashian e il protagonista di lupo di Wall Street. Esempi immaginari e reali vengono discussi fianco a fianco. Non è narcisistico confondere la finzione con la realtà? Questa è in realtà una caratteristica discussa dai creatori dell'NPI, Robert Raskin e Howard Terry. Il narcisista ha la tendenza a confondere l'immagine ideale di sé con la realtà e di conseguenza manca di realtàorientering. Questa funzionalità non è menzionata da Back.

Twenge e Campbell affermarono nel loro libro Il Epidemia di narcisismo ("L'epidemia del narcisismo") che il libro di Lasch del 1979 è stato scritto "prima che venisse condotta una ricerca che esaminasse in modo serio la personalità e il comportamento del narcisista". Back ha lo stesso atteggiamento arrogante: le teorie precedenti sono superate.

L'autovalutazione può essere corretta osservando il comportamento reale e solo se questo è vero si ha un narcisista. Ma anche qui ci sono molte fonti di errore. In un numero tematico dell'Inchiesta psicologica n° 4-2001 viene discusso un modello in cui un'elevata autostima può essere combinata con una grande vulnerabilità inconscia. Come si misura la motivazione inconscia nel questionario NPI?

Narcisismo mascherato

Molte persone egocentriche hanno anche una bassa autostima. Coloro che non rispondono sì alle domande che in sintesi segnalano che pensano di esserlo campioni del mondo, passerà sotto il radar dell'NPI. Le persone che hanno sempre qualcosa di cui lamentarsi e usano la propria insoddisfazione come mezzo di potere non devono essere narcisisti falliti come presume Back. Se carisma e fascino non funzionano, usano l'aggressività e i gomiti quando non ottengono ciò che vogliono o non ricevono abbastanza attenzione.

Sebbene ciò possa essere corretto, Back non discute realmente narcisismo nascosto ("narcisismo mascherato"). Applica però l’ermeneutica del sospetto ai narcisisti che fanno la carità. Questo è un problema perché la carità viola la diagnosi di narcisismo. Qui dietro si rivelano egoisti mascherati che vogliono crogiolarsi nell'ammirazione degli altri. Ma tutto si ferma qui.

Non ce ne sono molti che sono dichiaratamente modesti ipocriti là fuori che si nascondono ma manipolano segretamente ciò che li circonda? A poco a poco penetrano nel sistema nervoso dei loro simili attraverso un comportamento passivo-aggressivo. Sembrano gentili, accomodanti e modesti, ma in realtà sono parassiti e assassini di anime. I "narcisisti nascosti" uccidono l'anima delle loro vittime così lentamente che non te ne accorgi finché non sei intrappolato nella loro rete. Quanti ne abbiamo nella società?

Sempre più articoli e menzioni sui social media del narcisismo mascherato indicano che questo è un problema crescente. Ma questi sfuggono al radar di Back e degli entusiasti del questionario perché l’NPI opera con un concetto semplicistico di narcisismo che crede di poter leggere le persone come un libro aperto. Il narcisista sabota l'interazione gaslighting, trattamento silenzioso og ostruzionismo. Questi sono modelli di reazione inconsci e il narcisista stesso può credere di realizzare i desideri degli altri mentre in realtà li sta distruggendo.

Se i questionari potessero essere più avanzati, sarebbe forse possibile raggiungere un riavvicinamento tra la critica culturale filosofica di Charim e l'entusiasmo di Back secondo cui abbiamo bisogno di narcisisti assertivi e carismatici come forze trainanti nello sviluppo sociale. Altrimenti, le diverse tradizioni di ricerca continueranno a dialogare l’una con l’altra nelle loro camere di risonanza.

Eivind Tjonneland
Eivind Tjønneland
Storico delle idee e autore. Critico abituale in TEMPI MODERNI. (Ex professore di letteratura all'Università di Bergen.)

Articoli Correlati