Teatro della crudeltà

Una strategia per la pace

KENNEDY / Disse nel suo discorso del 1963: "Laddove l'ignoranza troppo spesso abbonda e la verità troppo raramente prevale, l'argomento più importante che abbiamo è: la pace nel mondo". Era possibile, come ha affermato, "creare le condizioni affinché le armi possano essere finalmente abolite"? Secondo Kennedy, la lotta per il disarmo era stata una questione di competenza dei governi statunitensi sin dagli anni ’1920. Questo non è stato il caso per molti dei suoi successori.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Di John Jones, introduzione:

Il discorso è di un consigliere delle Nazioni Unite e professore di economia Jeffrey Sachs considerato importante per noi perché parla direttamente dell’attuale situazione in Ucraina e degli atteggiamenti che dobbiamo affrontare se vogliamo evitare che si trasformi in una guerra nucleare.

Sachs sottolinea questo passaggio del discorso: "Le potenze nucleari che difendono i propri interessi vitali devono soprattutto cercare di evitare scontri che potrebbero costringere un avversario a scegliere tra un'umiliante ritirata e una guerra nucleare. Portare avanti una simile scelta nella nostra era nucleare sarà la prova definitiva del nostro fallimento politico – o del nostro desiderio collettivo di morte per il mondo”.

Il discorso è stato coraggioso. Kennedy mette in guardia non solo dalle possibili conseguenze catastrofiche delle armi nucleari, ma anche dalla necessità di domare la minaccia nucleare e la sete di guerra nella stessa società americana. Kennedy dovette scrivere il discorso in segreto, senza che molte persone influenti nel Partito Democratico e il suo stesso staff ne venissero a conoscenza. Ha sfruttato questa opportunità per informare il popolo americano del trattato sul divieto dei test negoziato che aveva concluso con l'Unione Sovietica e la Gran Bretagna. E si è rivolto al popolo americano e ha ottenuto sostegno. Krusciov fu così emozionato dal discorso che lo fece pubblicare sulla Pravda nella sua forma originale. Cinque settimane dopo, l’accordo fu firmato e successivamente ratificato dal Senato degli Stati Uniti. Altre settimane dopo, Kennedy presentò l'accordo dell'ONU assemblea generale.

Poche settimane dopo, il 22 novembre, Kennedy viene ucciso a colpi di arma da fuoco a Dallas. La famiglia di Kennedy ritiene che esista un collegamento tra ciò da cui Eisenhower mise in guardia nel suo discorso di addio nel gennaio 1960 e l'omicidio del 22 novembre 1963: il complesso militare-industriale era diventato una potenza incontrollabile negli Stati Uniti. Questi interessi non sopportavano il discorso di Kennedy sulla smilitarizzazione. Minacciava non da ultimo un’industria degli armamenti che non si era mai ridimensionata dopo la guerra. E con i forti interessi economici che gradualmente prendono forma in una strategia di guerra eterna e conflittuale di costruzione di un impero, ci troviamo oggi. "Inviare armi all'Ucraina" è il grido di guerra di queste stesse forze.

Krusciov fu così emozionato dal discorso che lo fece pubblicare sulla Pravda nella sua forma originale.

Va anche ricordato che il discorso fu pronunciato solo pochi anni dopo che Joseph McCarthy aveva seminato il caos in tutte le direzioni con le sue accuse antiamericane, aveva imbavagliato Hollywood e paralizzato il panorama politico per tutto ciò che sapeva di atteggiamenti di sinistra. "Comunista" era l'etichetta di morte che esiliò Charlie Chaplin a Londra per il resto della sua vita, e le spie – reali o immaginarie – ricevettero condanne a morte e persero i loro mezzi di sussistenza. Il ricordo di Kennedy delle vittime russe durante la Seconda Guerra Mondiale fu più audace di quanto chiunque oggi possa immaginare. E invocare la cooperazione deve essere sembrato oltre ogni decenza.

Nel nostro contesto, è soprattutto l'apertura del discorso all'Unione Sovietica, portabandiera dei comunisti, una mano tesa al nemico di tutti i nemici dell'America, a renderlo coraggioso e straordinario. Senza nemici che uniscano la nazione, la minaccia della guerra è impotente. Oggi l’Unione Sovietica non c’è più, ma il complesso militare-industriale ha da tempo sostituito l’Unione Sovietica con la Russia sulla mappa del nemico politico americano. Il paese più grande del mondo controlla la vasta area conosciuta come "l'isola del mondo", che si estende dalle grandi potenze storiche dell'Europa fino alla più popolosa, la Cina. La Russia dispone di vaste risorse naturali non sfruttate. È in questo contesto che si colloca oggi il discorso di Kennedy. Ed è per questo che lo includiamo come importante quando noi ORIENTERING esamina il fenomeno della russofobia: l'odio per i russi.

Jeffrey Sachs ha definito il discorso uno dei più importanti della storia. Leggete e giudicate voi stessi.


Vedi Jeffrey Sachs Per muovere il mondo, JFK e la ricerca della pace (2013)
e YouTube, 10 giugno 2023,
https://youtube.com/live/wRTx6wqizkM

Di John F.Kennedy:

"Poche cose terrene sono più belle di un'università", ha scritto John Masefield nel suo omaggio alle università inglesi – e le sue parole sono altrettanto vere oggi. Non si riferiva a guglie e torri, ai prati del campus e ai muri ricoperti di edera. Ammirava universitàÈ una bellezza singolare, ha detto, perché era "un luogo dove coloro che odiano l'ignoranza possono sforzarsi di conoscere, dove coloro che hanno trovato la verità possono sforzarsi di far vedere agli altri".

Ho quindi scelto questa occasione e questo luogo per discutere un argomento in cui troppo spesso abbonda l'ignoranza e troppo raramente la verità prevale – eppure è l'argomento più importante sulla terra: Pace nel mondo.

Non solo la pace per gli americani, ma la pace per tutti gli uomini e le donne.

A che tipo di pace mi riferisco? Che tipo di pace stiamo cercando? Non una Pax Americana imposta al mondo dalle armi da guerra statunitensi. Non la pace della tomba o la sicurezza dello schiavo. Sto parlando della vera pace, il tipo di pace che rende la vita sulla terra degna di essere vissuta, il tipo di pace che consente alle persone e alle nazioni di crescere e vivere nella speranza e di creare una vita migliore per i loro figli, non solo la pace per gli americani, ma pace per tutti gli uomini e le donne: non solo la pace nel nostro tempo, ma la pace per tutti i tempi.

Parlo oggi di pace alla luce del nuovo volto della guerra. Totale krig non ha senso in un’epoca in cui le grandi potenze possono mantenersi grandi e relativamente invulnerabili forze nucleari e rifiutarsi di arrendersi senza usare queste armi. Ciò non ha senso in un momento in cui una singola testata nucleare contiene quasi dieci volte la potenza esplosiva utilizzata da tutte le forze aeree alleate nella Seconda Guerra Mondiale messe insieme. Ciò non ha senso in un’epoca in cui i veleni mortali prodotti da uno scontro nucleare verrebbero trasportati dal vento, dall’acqua, dal suolo e dai semi fino agli angoli più remoti del globo e alle generazioni non ancora nate.

L'uso odierno di miliardi di dollari ogni anno pistole garantire che non dovremo mai usarli è essenziale per mantenere la pace. Ma costruire riserve così inutili – che possono solo distruggere e mai creare – non è l’unico, né il più efficace, mezzo che abbiamo per raggiungere la pace.

Parlo quindi della pace come dell’obiettivo più razionale per tutte le persone razionali. Mi rendo conto che il perseguimento della pace non è così entusiasmante come il perseguimento della guerra – e spesso le parole del persecutore cadono nel vuoto. Ma nessun compito è più urgente.

Alcuni sostengono che non abbia senso parlare di pace nel mondo, di legislazione mondiale o di disarmo mondiale – e che tali cose non avranno senso finché i leader dell’Unione Sovietica non adotteranno un atteggiamento più illuminato. Spero che lo facciano. E penso che possiamo aiutarli a farlo. Ma credo anche che dobbiamo riconsiderare il nostro atteggiamento, come individui e come nazione. Perché i nostri atteggiamenti sono importanti quanto i tuoi.

E ogni laureato di questa università, ogni cittadino pensante che dispera della guerra e vuole portare la pace, dovrebbe cominciare guardandosi dentro, esaminando il proprio atteggiamento verso le possibilità di pace, l’atteggiamento verso l’Unione Sovietica e lo sviluppo della Guerra Fredda e alla libertà e alla pace qui a casa.

Primo: esaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti della pace stessa. Troppi di noi pensano che la pace sia impossibile. Troppe persone pensano che non sia realistico. Ma questa è una convinzione pericolosa e disfattista. Porta alla conclusione che la guerra è inevitabile – che l’umanità è condannata – che siamo governati da forze che non possiamo controllare.

La pace è un processo, un modo per risolvere i problemi.

Non è necessario accettare questo punto di vista. I nostri problemi sono causati dall’uomo
- quindi possono essere risolti anche dagli esseri umani. E l'uomo può essere grande quanto vuole. Nessun problema riguardante il nostro futuro è troppo difficile per noi. La ragione e lo spirito umano hanno spesso risolto ciò che sembrava irrisolvibile e crediamo che possano farlo ancora.

Non mi riferisco all’idea assolutamente grandiosa di pace universale e di buona volontà sognata da fantasisti e fanatici. Non nego l’importanza delle speranze e dei sogni, ma questi invitano solo allo scoraggiamento e all’incredulità quando diventano il nostro unico e immediato obiettivo.

Concentriamoci invece su una pace pratica e più raggiungibile, basata non su un’improvvisa rivoluzione nella natura umana, ma su un’evoluzione graduale delle istituzioni umane, su una serie di azioni concrete e accordi efficaci che siano nell’interesse di tutte le parti interessate.

Non esiste una chiave semplice per questa pace, nessuna formula grandiosa o magica che possa essere adottata da una o due potenze. La vera pace deve essere il prodotto di molte nazioni, la somma di molte azioni. Deve essere dinamico, non statico, e cambiare per rispondere alla sfida di ogni nuova generazione. Perché la pace è un processo, un modo per risolvere i problemi.

Con una tale pace, ci saranno ancora disaccordi e interessi contrastanti, come ce ne sono all’interno delle famiglie e delle nazioni. La pace nel mondo, come la pace comunitaria, non richiede che ogni uomo ami il suo prossimo: richiede solo che vivano insieme nella tolleranza reciproca e sottopongano le loro controversie a una soluzione giusta e pacifica. Anche la storia ce lo insegna inimicizia tra le nazioni, come tra gli individui, non dura per sempre. Non importa quanto ci piaccia o non ci piaccia qualcosa, il corso del tempo e degli eventi porterà spesso cambiamenti sorprendenti nelle relazioni tra nazioni e vicini.

Quindi perseveriamo. La pace non deve essere scomoda, e krig non deve essere inevitabile. Definendo il nostro obiettivo in modo più chiaro, facendolo sembrare più gestibile e meno distante, possiamo aiutare le persone a vederlo, a trovare speranza in esso e ad avanzare incessantemente verso di esso.

Nessuna nazione ha mai sofferto più di quanto soffrì l’Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale.

Secondo: riconsideriamo il nostro atteggiamento nei confronti Unione Sovietica. È scoraggiante pensare che i leader credano davvero a ciò che scrivono i loro propagandisti. È scoraggiante leggere un recente e autorevole testo sovietico sulla strategia militare e trovare pagina dopo pagina affermazioni del tutto infondate e incredibili – come l'affermazione che "i circoli imperialisti americani si stanno preparando a lanciare vari tipi di guerre... che siamo di fronte a un vero e proprio minaccia di una guerra preventiva lanciata dagli imperialisti americani contro l’Unione Sovietica... e che l’obiettivo politico degli imperialisti americani è quello di asservire economicamente e politicamente i paesi europei e gli altri paesi capitalisti... e di raggiungere il dominio del mondo... attraverso di guerre aggressive".

Infatti, come è stato scritto molto tempo fa: "Gli empi fuggono anche dove nessuno li insegue". Tuttavia, è triste leggere queste dichiarazioni sovietiche e rendersi conto dell’entità del divario che ci separa. Ma è anche un avvertimento, un avvertimento al popolo americano di non cadere nella stessa trappola dei sovietici, di non vedere solo una visione distorta e disperata dell’altra parte, di non vedere il conflitto come inevitabile, la cooperazione come impossibile e la comunicazione non è altro che uno scambio di minacce.

Nessun governo, nessun sistema sociale è così malvagio da far sì che i suoi cittadini siano privi di moralità. Come americani, troviamo il comunismo profondamente ripugnante perché nega alle persone la libertà e la dignità personale. Tuttavia, possiamo ancora rendere omaggio al popolo russo per i suoi numerosi successi – nella scienza e nello spazio, nella crescita economica e industriale, nella cultura e nell’azione coraggiosa.

Tra i tanti aspetti che i nostri due paesi hanno in comune, nessuno è più forte della nostra reciproca avversione per la guerra. È quasi unico tra le maggiori potenze mondiali, ma non siamo mai stati in guerra tra loro. E nessuna nazione nella storia della guerra ha mai sofferto più di quanto soffrì l’Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale. Almeno 20 milioni hanno perso la vita. Innumerevoli milioni di case e fattorie furono bruciate o distrutte. Un terzo del territorio del paese, compresi quasi due terzi della sua base industriale, fu devastato: una perdita equivalente alla distruzione di tutti gli Stati Uniti a est di Chicago.

Oggi, se dovesse scoppiare di nuovo una guerra totale, non importa come accadrà, i nostri due paesi saranno i principali obiettivi delle bombe. È un fatto ironico ma preciso che le due potenze più forti siano le stesse che rischiano maggiormente di essere distrutte. Tutto ciò che abbiamo costruito, tutto ciò per cui abbiamo lavorato, verrebbe distrutto entro le prime 24 ore. E anche nella Guerra Fredda che porta oneri e pericoli a così tanti paesi, compresi i più stretti alleati di questa nazione, i nostri due paesi sopportano i fardelli più pesanti. Perché entrambi spendiamo enormi somme in armi che avrebbero potuto essere usate per combattere l’ignoranza, la povertà e le malattie. Entrambi superpoteresono intrappolati in un circolo vizioso e pericoloso in cui il sospetto da un lato genera sospetto dall'altro, e nuovi sospetti pistole genera controarmi.

Nuove armi generano controarmi.

Insomma, barche USA e i suoi alleati, e l’Unione Sovietica e i suoi alleati, hanno un profondo interesse reciproco a ottenere una pace giusta e genuina e a fermare la corsa agli armamenti. Gli accordi a tal fine sono nell’interesse dell’Unione Sovietica, ma anche nel nostro – e si può avere fiducia che anche le nazioni più ostili accetteranno e rispetteranno questi obblighi derivanti dal trattato, obblighi che sono nel loro stesso interesse.

Quindi non siamo ciechi di fronte alle differenze tra noi, ma concentriamoci anche sui nostri interessi comuni e su come possiamo imparare a convivere con queste differenze. E se non possiamo affrontare il disaccordo adesso, possiamo almeno contribuire a rendere il mondo più diversificato. Perché in fin dei conti è fondamentale che viviamo tutti su questo piccolo pianeta. Respiriamo tutti la stessa aria. Tutti abbiamo a cuore il futuro dei nostri figli. E siamo tutti mortali.

Terzo: riconsideriamo il nostro atteggiamento nei suoi confronti chiamare la guerra, e ricordate che questo non è un dibattito in cui si devono segnare punti. Non siamo qui per attribuire colpe o puntare il dito a vicenda. Dobbiamo affrontare il mondo così com’è e non come avrebbe potuto essere se la storia degli ultimi 18 anni fosse stata diversa.

Dobbiamo quindi perseverare nella ricerca della pace nella speranza che si verifichino cambiamenti costruttivi al nostro interno il blocco comunista può portare soluzioni che ora sembrano irraggiungibili. Dobbiamo condurre i nostri affari in modo tale che sia nell’interesse dei comunisti raggiungere una vera pace. Soprattutto, le potenze nucleari che difendono i propri interessi vitali devono allo stesso tempo cercare di evitare scontri che potrebbero costringere un avversario a scegliere tra un’umiliante ritirata o una guerra nucleare. Spingere una tale scelta nella nostra era nucleare sarebbe la prova finale del nostro fallimento politico – o del nostro desiderio collettivo di morte per il mondo.

Per garantire questi obiettivi, le armi americane sono non provocatorie, attentamente controllate e progettate per questo scopo scoraggiare e adatto per un uso selettivo. Nostro militare le forze sono impegnate per la pace con disciplina e autocontrollo. Ai nostri diplomatici viene chiesto di evitare inutili irritazioni e pura retorica ostilità.

Perché possiamo cercare di ridurre le tensioni senza abbassare la guardia. E da parte nostra non abbiamo bisogno di usare le minacce per dimostrare che siamo determinati. Non abbiamo bisogno di interferire con le trasmissioni straniere per paura di essere colpiti. Non siamo disposti a imporre il nostro sistema a persone riluttanti, ma siamo disposti e in grado di impegnarci in una competizione pacifica con tutte le persone sulla terra.

Nel frattempo cerchiamo di rafforzarci FN per aiutare a risolvere i problemi finanziari dell'organizzazione, renderla uno strumento di pace più efficace e svilupparla in un vero sistema di sicurezza per il mondo, un sistema in grado di risolvere le controversie sulla base delle leggi. Vogliamo rendere il mondo sicuro per giovani e anziani e creare le condizioni affinché le armi possano finalmente essere abolite.

Allo stesso tempo, cerchiamo di mantenere la pace nel mondo non comunista, dove molte nazioni – tutte nostre amiche – sono divise su questioni che indeboliscono l’unità occidentale, che invitano all’intervento comunista – o che con la conseguenza scoppiano in guerre. . I nostri sforzi nella Nuova Guinea occidentale, nel Congo, nel Medio Oriente e nel subcontinente indiano sono stati persistenti e pazienti nonostante le critiche provenienti da entrambe le parti. Abbiamo anche cercato di dare l’esempio agli altri, sostenendo di correggere le piccole ma significative differenze con i nostri vicini più prossimi in Messico e Canada.

Creare le condizioni affinché le armi possano finalmente essere abolite.

Parlando di altre nazioni, voglio chiarire un punto. Siamo legati a molte nazioni con alleanze. Queste alleanze esistono perché le nostre preoccupazioni e le loro si sovrappongono sostanzialmente. Il nostro impegno per difendere l’Europa occidentale e Vest-Berlino, ad esempio, sono incrollabili e basati sui nostri interessi vitali condivisi. Gli Stati Uniti non stipuleranno alcun accordo con l’Unione Sovietica a scapito di altre nazioni e popoli, non solo perché sono nostri partner, ma anche perché i loro interessi e i nostri coincidono.

Tuttavia i nostri interessi coincidono non solo perché difendiamo i confini della libertà, ma perché vogliamo seguire la via della pace. La nostra speranza – e lo scopo della politica dei nostri alleati – è convincere l’Unione Sovietica che anche lei dovrebbe lasciare che ogni nazione scelga la propria strada, purché le loro scelte non interferiscano con quelle degli altri. La spinta comunista a imporre i sistemi politici ed economici altrui è oggi la causa principale delle tensioni mondiali. Perché non vi è dubbio che se tutte le nazioni potessero astenersi dall’interferire nell’autodeterminazione degli altri, la pace sarebbe molto più sicura.

Ciò richiederà una nuova impresa per crearne una legislazione globale – un nuovo contesto per le discussioni mondiali. Ciò richiederà una maggiore comprensione tra noi e i sovietici. E una maggiore comprensione richiederà maggiori contatti e comunicazioni. Un passo in questa direzione è la proposta di una linea diretta tra Mosca e Washington, per evitare pericolosi ritardi, incomprensioni e interpretazioni errate delle azioni dell'altro che possono verificarsi in un momento di crisi.

A Ginevra abbiamo parlato anche di altre misure di controllo degli armamenti di prima fase, progettate per limitare la corsa agli armamenti e ridurre il rischio di guerre indesiderate. Tuttavia, il nostro principale interesse a lungo termine a Ginevra è il disarmo generale e completo, progettato per essere attuato per fasi, consentendo politiche politiche parallele.
sviluppi per costruire le nuove istituzioni di pace che prenderanno il posto delle armi.

la caccia a disarmo è stato un problema per i governi degli Stati Uniti sin dagli anni ’1920. È stato molto richiesto dalle ultime tre amministrazioni. E per quanto deboli siano oggi le prospettive, intendiamo continuare questo lavoro, in modo che tutti i paesi, compreso il nostro, possano comprendere meglio i problemi e le opportunità del disarmo.

L’ambito principale di questi negoziati che ora vediamo giungere al termine, ma in cui è assolutamente necessario un nuovo inizio, è un accordo che vieti i test sulle armi nucleari. La conclusione di un simile accordo, così vicino e allo stesso tempo così distante, eviterebbe che la corsa agli armamenti vada fuori controllo in una delle aree più pericolose che abbiamo. Ciò consentirebbe alle potenze nucleari di affrontare in modo più efficace uno dei maggiori pericoli che l’umanità si trova ad affrontare nel 1963, la crescente proliferazione delle armi nucleari. Aumenterebbe la nostra sicurezza e ridurrebbe le possibilità di guerra. Sicuramente questo obiettivo è sufficientemente importante da esigere che ci impegniamo a raggiungerlo e che non cediamo né alla tentazione di abbandonare l’intero sforzo né alla tentazione di abbandonare la nostra insistenza su salvaguardie vitali e responsabili.

Colgo quindi l'occasione per annunciare due importanti decisioni al riguardo.

Primo: il Primo Ministro Krusciov, il Primo Ministro Macmillan ed io abbiamo convenuto che presto inizieranno a Mosca discussioni ad alto livello in vista di un rapido accordo su un accordo di cessate il fuoco sperimentale globale. La nostra speranza deve essere temperata dalla cautela della storia, ma con la nostra speranza arriva la speranza di tutta l’umanità.

Secondo: per dimostrare la nostra buona volontà e la nostra solenne convinzione in questa materia, dichiaro ora che gli Stati Uniti propongono di fermarsi esplosioni di test nucleari nell’atmosfera finché altri Stati non riusciranno ad attuarlo. Non saremo i primi a continuare le esplosioni. Tale dichiarazione non sostituisce un accordo formalmente vincolante, ma spero che ci aiuterà a raggiungerne uno. Né un simile accordo potrà sostituire il disarmo, ma spero che ci aiuterà a realizzarlo.

Infine, amici americani, esaminiamo il nostro atteggiamento nei confronti della pace e della libertà anche qui a casa nostra. La qualità e lo spirito della nostra società devono giustificare e sostenere i nostri sforzi all’estero. Dobbiamo dedicare la nostra vita a questo lavoro, come molti di voi studenti che si diplomano oggi avranno un'opportunità unica di fare, prestando servizio senza retribuzione nei Corpi di Pace all'estero o nei proposti corpi di servizio nazionale qui in patria.

Ma ovunque siamo, nella nostra vita quotidiana dobbiamo tutti essere all’altezza dell’antica convinzione che pace e libertà vanno di pari passo. In troppe delle nostre città oggi la pace non è assicurata, poiché la libertà è incompleta.

È responsabilità del potere esecutivo a tutti i livelli di governo – locale, statale e nazionale – garantire e proteggere questa libertà per tutti i nostri cittadini con tutti i mezzi nell’ambito della loro area di responsabilità. È responsabilità dell'autorità legislativa a tutti i livelli e, laddove tale autorità non sia sufficiente, occorre conferirle tale autorità. Ed è una responsabilità che tutti i cittadini hanno ovunque nel nostro Paese, rispettare i diritti di tutti e rispettare le leggi del Paese.

Niente di tutto ciò è privo di significato Pace nel mondouno. "Quando le vie di un uomo piacciono al Signore", dice la Scrittura, "egli fa vivere in pace anche i suoi nemici". E la pace non è fondamentalmente una questione di diritti umani – il diritto di vivere una vita senza paura della distruzione? Il diritto di respirare l'aria così come la natura ci dà – e il diritto delle generazioni future a una vita sana?

Una pace in cui i deboli sono al sicuro e i forti sono giusti.

Quindi, mentre continuiamo a difendere i nostri interessi nazionali, difendiamo anche gli interessi di tutte le persone. Eliminare la guerra e le armi è chiaramente nell’interesse sia degli Stati Uniti che dell’Unione Sovietica. Nessun accordo, non importa quanto avvantaggi tutte le parti, non importa quanto strettamente formulato, può fornire garanzie assolute contro l’inganno e la frode. Ma può – se applicata in modo sufficientemente efficace e se tiene sufficientemente conto degli interessi di tutti i paesi firmatari – offrire molta più sicurezza e molti meno rischi di una corsa agli armamenti incontrollata e imprevedibile.

Gli Stati Uniti non inizieranno mai, come il mondo sa, una guerra. Non vogliamo la guerra. Non ci aspettiamo la guerra. Questa generazione di americani ne ha già avuto abbastanza – più che abbastanza – di guerra, odio e oppressione. Ma saremo preparati se altri vorranno la guerra. Saremo vigili per cercare di fermare le guerre.

Allo stesso tempo, faremo anche la nostra parte per costruire un mondo di pace in cui i deboli siano al sicuro e i forti siano giusti. Non siamo impotenti di fronte a questo compito, né dubitiamo che avrà successo. Siamo fiduciosi e impavidi e lavoriamo non verso una strategia di annientamento, ma verso una strategia di pace.

Tradotto da John Y. Jones. Guarda anche https://www.jfklibrary.org/archives/other-resources/john-f-kennedy-speeches/american-university-19630610

Articoli Correlati