"Probabilmente ci sarà un terribile clamore per la mostra."

Edvard Munch. La tempesta. Volume 1
Forfatter: Ivo de Figueiredo
Forlag: Aschehoug, (Norge)
BELLE ARTI / La persona sola è un prerequisito per l'artista mondiale espressivo che venne alla ribalta con Edvard Munch negli anni Novanta dell'Ottocento. Una nuova biografia è ora disponibile: secondo de Figueiredo, la realtà frivola invocata dai bohémien di Kristiania negli anni Ottanta dell'Ottocento si concretizzò nella Berlino degli anni Novanta dell'Ottocento, dove Munch faceva parte di un ambiente che parlava di "naturalismo e socialismo, decadenza e darwinismo". e psicologia – oltre a una piccolissima dose di satanismo”.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il decadimento sempre presente e una madre defunta in attesa che la famiglia si riunisca nell'aldilà hanno lasciato un segno profondo nel bambino Edvard e lo hanno formato come adulto. Ma per quanto riguarda il resto della crescita? Che persone ha incontrato, cosa ha fatto la famiglia?

I più grandi definivano il ruolo di artista per i più giovani.

Anche la nuova biografia di Munch di Ivo de Figueiredo non cerca di irrompere nella famiglia, a loro è permesso di vivere in pace la loro vita del XIX secolo. Forse a volte devi leggere tra le righe. Dopo la morte di sua madre Laura, poi Edvard Sgranocchiare aveva cinque anni: la sua sorellina Karen arrivò a ricoprire un ruolo femminile nella famiglia. Ma non c'è mai stato alcun gioco erotico tra il padre Christian Munch e la cognata Karen Bjølstad. Almeno non che qualcuno lo sappia. Si può immaginare che crescere in una casa in cui il fare l'amore sembra essere stato riservato ai defunti abbia avuto un impatto sul rapporto piuttosto complicato di Munch con l'amore corporeo. Come spesso accade, l'amore appare anche in modo piuttosto vago nella biografia di Munch – e spesso viene descritto il bacio che la cognata Milly di Frits Thaulow gli diede a Borre nell'estate del 1885. Aveva allora 22 anni ed era stato esposto più volte. Certamente si trattava di una relazione extraconiugale che si protrasse per un certo periodo, ragionevolmente imbarazzante per la parentela da tutte le parti.

Fra Utstillingen La magia del Nord, Som Nå Vises I Berlin I Berlinische Galerie – Museo di arte moderna. Foto: Truls Lie

Le biografie

Le prime due biografie di Edvard Munch arrivarono nel giorno del suo cinquantesimo compleanno, nel 50. Entrambe furono scritte da persone che conoscevano l'artista: lo storico dell'arte e direttore della Galleria Nazionale, Jens Thiis, e l'artista visiva Pola Gauguin. Quest'ultimo non era solo il figlio di Paul Gauguin ed egli stesso un abile pittore e insegnante di scuola di pittura, ma anche un diligente scrittore d'arte sulla stampa quotidiana. Ciò che Thiis e Gauguin hanno in comune è che conoscevano l'artista, ma si trovavano comunque di fronte a un'offerta di fonti molto più scarsa di quella esistente oggi, anche se la maggior parte delle persone menzionate nei libri erano ancora vive – con tutti i vantaggi e gli svantaggi che potrebbero comportare. Tuttavia dovremmo poterci chiedere se esiste ancora Stoff per scavarne o di nuovi prospettive su materiale noto che giustifica l'opera in due volumi di de Figueiredo. Il primo volume si chiama La tempesta ed è ora disponibile.

La terza generazione

C'è una forte tradizione nel vedere la vita e l'arte di Edvard Munch nel loro contesto. Una parte interessante della sua vita si svolge nel tempo che intercorre tra le due grandi opere della sua giovinezza: Studio dal 1886 – che dal 1889 si chiama Ragazza malata - e dal 1927 Il bambino malato – e Grido, 1893. De Figueiredo fa alcune interessanti osservazioni su come Munch Il bambino malato "ha rotto i confini della percezione delle persone di cosa potrebbe essere un'opera d'arte". Il naturalismo o il realismo che caratterizzarono la cosiddetta terza generazione nella storia dell’arte norvegese stavano per svolgere il loro ruolo? E tra le righe ci sembra di intravedere anche una seconda generazione, che conta gli esponenti dell'età dell'oro stessa: Thaulow, Krohg, Werenskiold, che in fondo se la cavarono spudoratamente bene, almeno come artisti, il che significava che 'i giovani', dove Munch in fondo è l’unico nome rimasto come pilastro nella narrazione dell’arte, ha dovuto usare tutte le sue forze per raggiungere l'eccesso.

Munch è arrivato a una forma pittorica in cui la semplificazione pittorica consente una forma suggestiva.

Krohg concluse che solo Munch rappresentava la terza generazione dell'arte norvegese. Quando pensiamo alle speranze dei pittori un po' più anziani per i più giovani, non si tratta solo di un interesse educato. Quella generazione di pittori si era posta il compito di creare un ambiente artistico sul suolo norvegese – con istituzioni vive e persino un pubblico interessato – e lo sforzo che hanno profuso in questo avrebbe potuto trarre vantaggio da un radicamento più profondo a de Figueiredo. Il più vecchio definito il ruolo dell'artista per i più giovani, compresa la trasmissione dell’idea che il nuovo non viene mai compreso dal grande pubblico – come affermava Ibsen in Un nemico del popolo.

Fra Utstillingen La magia del Nord, Som Nå Vises I Berlin I Berlinische Galerie – Museo di arte moderna. Foto: Truls Lie

Una rivoluzione senza manifesto

Il bambino malato non è solo il primo lavoro del Munch maturo, ma anche l'immagine di una nuova era, così chiaramente citata attraverso la mancanza di comprensione dell'opera da parte di Hans Jæger. Jæger era insieme a Krohg il centro ideologico del circolo bohémien attorno al quale si radunavano i giovani. Ma questo aveva improvvisamente acquisito su di esso una patina secolare. Il bambino malato era un lavoro che bastava da solo. Qualunque cosa ciò potesse significare, significava in ogni caso che non era un mezzo per qualcos'altro, come lo erano, ad esempio, i dipinti di sipici e prostitute di Christian Krohg.

De Figueiredo definisce l'opera "una rivoluzione senza manifesto", prima di mettere in campo un prato fiorito palesemente artistico che Munch ha preparato per se stesso. Per un breve periodo, se non altro. Gli ultimi anni del 1880 mostrano un'abilità artistica complessa, e negli anni che precedono la sua prima mostra personale – nel 1889 – vediamo un artista con molti modi di dipingere, ma che raramente va oltre ciò che qualcun altro stava già facendo.

Funziona come Zenzero sulla spiaggia, malto i La spiaggia di Asgårde Primavera, dipinto a casa nel soggiorno di famiglia con la governante Betzy Nilsen, che ha anche modellato Studio / Il bambino malato, permette di rappresentare l'uomo più o meno abbandonato ai suoi pensieri – come apparve qualche anno dopo anche Jappe Nilssen in malinconia. In quest'ultimo Munch è arrivato anche a una forma pittorica in cui la semplificazione pittorica consente una forma suggestiva. La persona sola è un prerequisito per l'artista mondiale espressivo apparso negli anni Novanta dell'Ottocento.

E l'arte mondiale degli europei

Il canone di Munch, in particolare, venne creato dopo alcuni anni di lavoro frenetico Berlino e Åsgårdstrand all'inizio degli anni novanta dell'Ottocento. Attraverso la biografia, si può quasi sperimentare che la realtà frivola per la quale i bohémien brulicavano nella Christiania degli anni Ottanta dell'Ottocento, era diventata realtà nella Berlino degli anni Novanta dell'Ottocento, dove Munch faceva parte di un ambiente che – secondo de Figueiredo – conduceva conversazioni che ruotavano attorno a "naturalismo e socialismo". , decadenza, darwinismo e psicologia – oltre a una dose sempre piccola di satanismo”. Tuttavia, ci sono molte prove che la Germania fosse ancora caratterizzata da un pubblico artistico non progressista. Forse ancora più ristretto che nel paese d'origine. Prima che la terza mostra personale di Munch a Berlino potesse aprire il 1890 dicembre 1880, Munch poté scrivere a casa a zia Karen che "probabilmente ci sarà un terribile clamore per la mostra". I suoi laconici giochi di parole colpiscono nel segno. La risposta negativa deve essere stata palpabile. Grido è un'opera iconica, con una storia interpretativa, alla quale si aggiungono molti ingredienti: donne isteriche, macelli, eruzioni vulcaniche – e un'ampia gamma di relazioni personali.

Fra Utstillingen La magia del Nord, SomNå Vises I Berlin I Berlinische Galerie – Museo di arte moderna. Foto: Truls Lie
Fra Utstillingen La magia del Nord, Som Nå Vises I Berlin I Berlinische Galerie – Museo di arte moderna. Foto: Truls Lie

Girato a Åsgårdstrand

Il primo volume di Ivo de Figueiredo si conclude con una situazione poco chiara che porta ad un colpo nella mano sinistra di Munch. Forse non sappiamo esattamente come sia successo: Munch ha impedito il suicidio o il caso gli ha permesso di evitare di diventare un assassino? In ogni caso de Figueiredo cita una data importante: l’11 settembre 1902 – il giorno l'arte avanti la donna nella vita di Edvard Munch. Il rapporto che l'artista ha avuto con Avanti Larsen, ha avuto molto spazio nella letteratura di Munch. Così anche qui, ma contestualizzato con un secolo anch'esso sul punto di scomparire, e con il ruolo dell'artista che nel nuovo secolo dovrà essere diverso.

Munch ha impedito il suicidio o il caso gli ha permesso di evitare di diventare un assassino?

In questo senso, lo scatto di Åsgårdstrand può essere inteso anche come un punto e allo stesso tempo un’apertura verso ciò che sarebbe accaduto.


Attiriamo l'attenzione dei lettori sulla mostra più ampia di Munch magia del nord, sarà in visita a Berlino presso la Berlinische Galerie – Museum für Moderne Kunst fino al 22 gennaio 2024. Se https://berlinischegalerie.de/ausstellungen/vorschau/edvard-munch/

Abbonamento NOK 195 al trimestre