TAG

ordinamento politico

Un pianeta che noi stessi abbiamo portato in uno squilibrio radicale

TERRA: Antropocene significa molto di più che scrivere di ecologia, storia ambientale o riscaldamento globale. Che ne dici dell'effetto serra che riscalda il mare a una velocità tale da equivalere a versare nel mare un miliardo di tazze da tè bollenti ogni secondo?

Ecologia libidinosa

CRISI La natura nella sua essenza è erotica? E il capitalismo – che ci farà desiderare di più di tutto – ha abusato della nostra stessa capacità di desiderio?

La Cina come leader di una civiltà ecologica

POLITICA AMBIENTALE: Il futuro del mondo dipende dal fatto che la Cina prenda sul serio i suoi impegni ambientali

La violenza è politicizzata e la politica diventa violenza

VIOLENZA IN TEORIA E PRATICA: Il mondo è violento. Siamo impantanati dalla retorica della violenza?

L'età del panico

Stanza KATE:  Noi umani abbiamo perso il controllo dello sviluppo che abbiamo avviato. Il disastro è un avvertimento in ritardo e le élite si stanno rendendo sensibili ai segnali di pericolo. Possiamo evitare il panico dai problemi comuni?

Semplicemente terrestri

migranti: Quanto ci si può aspettare che sia ospitale? Coloro che non appartengono a nessun luogo diventano poeti, perché devono inventare una nuova forma di cittadinanza mondiale, scrive Alain Badiou.

La democrazia liberale è messa insieme in modo che l'intera idea sia autodistruttiva

DEMOCRAZIA: Secondo Adrian Pabst, fondamentalmente stiamo sbagliando con una visione sbagliata della democrazia liberale.

Critica del capitalismo oggi

Il contesto di crisi: un'analisi coerente del dominio è una delle maggiori sfide che l'antitapitalismo deve affrontare oggi.

Pazienza storica

VARIE: Manuel Castells dipinge un quadro del declino democratico di oggi che è tanto riconoscibile quanto desolante.

Un contrappeso alla crudele mancanza di solidarietà di oggi

Il totalitarismo? Il critico anarco-comunista Franco Berardi crede che abbiamo sopravvalutato la ragione e l'intelligenza come una forza che cambia il mondo.

La paura dell'invisibile

Dietro sia lo Stato islamico che i gruppi di destra, esattamente gli stessi meccanismi agiscono come una forza trainante, sottolinea l'autore e giornalista tedesco Carolin Emke. Nel suo libro, attinge alle grandi prospettive.

Grande domanda della fame – correttamente posta

In un piccolo libro conciso, Eric Holt-Giménez mostra che i problemi della fame sono diversi da come pensiamo di solito.

Verso un'umanità unita

Viviamo nel mezzo di un dramma storico mondiale in cui la speranza rivoluzionaria deve essere mantenuta uguale. Solo in questo modo possiamo costruire la civiltà per tutti, afferma il filosofo Alain Badiou.

Idiozia artificiale e intelligenza naturale

Il vero pericolo dell'intelligenza artificiale è che ci arrendiamo ai burocrati soffocati che non sanno infrangere le regole.

La nuova cultura dell'incertezza

La ricerca di Mary Kaldor mostra che le strategie di sicurezza delle autorità mantengono e aggravano le guerre invece di fermarle, e creano buone condizioni per i profittatori di guerra.

Pronto soccorso per le ultime persone

Laddove Nietzsche sostenne una geofila di buon umore e profetica 150 anni fa, Latour continua con polemiche sia poetiche che concrete sugli accordi climatici e sulle condizioni generali del pianeta. 

Quando i guerrieri siriani tornano a casa

Centinaia di giovani europei hanno viaggiato per unirsi alla guerra in Siria – alcuni da allora sono tornati. Nel libro The Returned, il giornalista francese David Thomsons afferma che molti di loro riportano la jihad a casa e cercano di spiegare come e perché. 

Onniscienza invisibile

Il 1984 di George Orwell è ancora rilevante, ma "Big Brother" è una metafora obsoleta e fuorviante per la sorveglianza odierna, secondo l'autore David Lyon. Afferma che "Big Data" è un quadro linguistico più aggiornato.

La crisi migratoria può essere risolta?

Il problema della migrazione e dei rifugiati potrebbe essere radicalmente ridotto, afferma l'avvocato inglese e la professoressa Jacqueline Bhabha di Harvard nel suo nuovo libro.

I mercati liberi sono un'illusione

John Mikler afferma che le più grandi aziende del mondo sono così economicamente superiori ai loro concorrenti che è sbagliato parlare dei mercati globali e della libera concorrenza.

Vita iperattiva!

Quando la credenza nelle narrazioni condivise svanisce, mentre la vita dell'individuo diventa più frenetica, il tempo stesso perde direzione e significato, crede Byung-Chul Han.

La crisi dell'Europa è filosofica

L'Europa soffre di una crisi poco chiara: le forze che ci unirebbero sono assenti, mentre le contraddizioni che spingerebbero qualcosa di nuovo sono troppo vaghe. È necessario un chiarimento filosofico della malattia per preparare una sana lotta politica. 

La ricerca sul cervello non incontra l'uomo come essere pensante

La moderna ricerca sul cervello ha oggi una guida indiscussa nella recente politica scientifica e di ricerca. Markus Gabriel mette in discussione questo status e questa posizione e dimostra che non è in gioco niente di meno che la nostra libertà.

Media digitali: strumenti di lotta politica democratica o repressiva?

La teorica inglese dei media Natalie Fenton mette in guardia dall'equare i social media con la democrazia.

ONU: una realtà che il mondo ha lasciato

Non possiamo fare a meno delle Nazioni Unite, ma sarebbe auspicabile un'organizzazione più creativa ed efficiente.