Ordina qui l'edizione estiva

Difensori della libertà di parola

Fun-Da-Mental tocca il mio cuore militante musulmano con il suo nuovo album. Ma è buono?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[hip-hop] Quando il pachistano-britannico Aki Nawaz e il suo progetto di band Fun-Da-Mental sono apparsi nei primi anni '1990, non è stato solo questo editorialista che è esploso (!) con orgoglio per la sua eredità musulmana. Con una determinazione intransigente nell'affrontare la superiorità e le bugie occidentali, la band ha impressionato un'intera generazione di giovani musulmani sia musicalmente che dal punto di vista dei testi. Nawaz ha rilasciato nuove affermazioni come "L'Islam era più punk per me che punk", che era musica per le mie orecchie.

Ora Nawaz è di nuovo sotto tiro, mai spaventato dai paroloni nella lotta all'ignoranza e all'islamofobia. Ma con il nuovo album del gruppo All is War (The Benefits of G-Had), Nawaz ha stuzzicato i media britannici. Paragona Osama bin Laden a Che Guevara nella canzone "Che Bin", e ha scritto quello che alcuni percepiscono come un tributo all'attentato suicida in "Cookbook DIY". Due politici britannici vogliono addirittura che l'uomo venga imprigionato. Questo per quanto riguarda la libertà di parola. L'album non viene pubblicato su Nation Records o trovato nei negozi, perché la casa discografica e i distributori trovano l'album troppo controverso. Secondo Nawaz, si tratta principalmente di analizzare le cause del terrorismo: povertà, razzismo e politica estera degli Stati Uniti e del Regno Unito. Dopo gli attentati di Londra del 7 luglio scorso e le rivelazioni del piano per un attacco terroristico su vasta scala un paio di settimane fa, queste sono domande importanti. Ma non c'è dubbio che lo spazio per vedere Osama bin Laden e gli islamisti come qualcosa di diverso da terroristi assetati di sangue è, a dir poco, ristretto nella Gran Bretagna di oggi.

Tuttavia, Nawaz non è il solo a usare il rap per diffondere un messaggio critico sulla lotta in corso contro il terrorismo. Nel febbraio 2004 è apparso il gruppo rap inglese Soul Salah Crew, che ha creato scalpore con una canzone molto orecchiabile in cui, tra l'altro, hanno reso omaggio a Osama bin Laden e alle azioni terroristiche negli Stati Uniti con la canzone "Dirty Kuffars". ("sporchi infedeli"). Il testo recitava così: "Prenderemo il controllo come abbiamo preso il controllo dello Shah / da Kandahar a Ramallah, stiamo arrivando come le stelle / Pace ad Hamas e Hezbollah / OBL mi ha attirato come una stella lucente / Come il modo in cui abbiamo distrutto quelle due torri – ahah!” Il video è uno spettacolo affascinante, che anche i leader arabi possono vedere.

Rap, Islam e terrore. Si potrebbe pensare che i guardiani dell'islamismo sarebbero provocati dal fatto che un genere musicale americano è stato utilizzato nella lotta per l'Islam, ma nella battaglia per le anime musulmane tutti i metodi sono legali.

Ammiro sia l'estetica militante di Soul Salah Crew che quella di Aki Nawaz, ma ci sono diversi aspetti del messaggio di Nawaz con cui ho sempre avuto problemi: il suo abbraccio al sogno migratorio portato avanti dagli attivisti afroamericani più estremi sin dagli anni '1960: il sogno dell'Africa. Per Nawaz, questo significa il sogno del Pakistan. Ma questo va contro l'ideologia cosmopolita di base che dobbiamo portare con noi se vogliamo avere l'opportunità di creare un mondo migliore (per prendere in prestito un cliché). L'idea del ritorno è una pericolosa illusione romantica, che contribuisce a far sì che i giovani musulmani europei non diventino parte dell'Europa. È un percorso che non abbraccerò. Non ho una patria a cui giurare fedeltà. Sono felice per questo. Ma la maggioranza dei musulmani emergenti nasce nelle rispettive nazioni europee, e devono essere incoraggiati a diventare cittadini critici e partecipi. Ciò non si ottiene rappando sul ritorno a casa. Ma nonostante i dubbi, Aki Nawaz osa prendere una posizione chiara a favore dell'Islam e della libertà di espressione dei musulmani. Non è estetica rock'n'roll, ma serietà.

Potrebbe piacerti anche