Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Considerando nuove regole

L'internamento dei bambini al Trandum Immigration Center può essere interrotto.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

- La cosa più critica in relazione a Trandum è la detenzione di bambini e l'uso delle celle di sicurezza, afferma il ministro della Giustizia Knut Storberget (Ap).

Il ministro della Giustizia suggerisce che la sua visita al Convitto per l'immigrazione di Trandum potrebbe avere delle conseguenze.

- Non ho ancora concluso, ma voglio prendere una decisione in merito già prima di presentare un nuovo regolamento per Trandum prima dell'estate, afferma Storberget.

La visita al campo di detenzione – descritta da molti come la risposta della Norvegia a Guantánamo – è avvenuta venerdì 5 maggio. L'incontro con una famiglia con un bambino di due anni e mezzo è stato ciò che ha colpito maggiormente il ministro della Giustizia durante la visita al controverso campo di internamento di Gardermoen.

- Non è contro la legge norvegese rinchiudere i bambini di età inferiore ai 15 anni?

- Ecco perché voglio entrare subito in questo. Rinchiudere i bambini è solo l'ultima risorsa assoluta, risponde Storberget.

- Perché il Convitto per l'Immigrazione di Trandum è una prigione?

- Sì, è per coloro che vengono messi lì contro la loro volontà, afferma Storberget.

Quando si tratta dell'uso delle celle di sicurezza, ci sono diverse questioni che il ministro della Giustizia vuole affrontare.

- È problematico, ad esempio, che non ci siano finestre nelle celle. Non escludo modifiche riguardanti l'uso delle celle di sicurezza e la detenzione dei bambini. Ma in questi casi dobbiamo fare compromessi difficili, dice.

Cita ad esempio le critiche contro i controlli notturni degli stranieri. L'unità immigrazione della polizia, che gestisce il campo di Trandum, documenta essa stessa questa relazione nella sua lettera di risposta al difensore civico la settimana scorsa. In allegato alla lettera c'è un registro dell'ispezione di uno dei detenuti. Qui emerge che le guardie di polizia di Trandum hanno controllato la persona in questione complessivamente 60 volte nella notte tra il 24 e il 25 maggio dell'anno scorso.

- Ma mi piacerebbe vedere cosa hanno scritto i media se alcuni detenuti si fossero suicidati perché non sono stati effettuati controlli, dice Storberget, il quale sottolinea che anche a Trandum ci sono diversi aspetti che secondo lui sono positivi.

- Peggio della prigione

- Vengo dal Marocco e sono confinato qui da due mesi. Di notte ci svegliano ogni 15 minuti, dice l'uomo a Ny Tid attraverso due alte recinzioni a rete con filo spinato in cima.

Il ministro della Giustizia Knut Storberget (Ap) ha appena terminato la sua ispezione e ha lasciato Trandum Utledingsinternat all'aeroporto di Gardermoen. Mentre il resto della stampa lascia la scena alle calcagna del ministro della Giustizia, Ny Tid ha fatto il viaggio nel retro del campo.

Ciò che vediamo dall'esterno ha poca somiglianza con un collegio. Monitorati da una telecamera, troviamo due stranieri in uno dei tre piazzali recintati annessi al vecchio edificio militare. Qui vengono imprigionati gli stranieri, sia adulti che bambini. Alcuni di loro hanno avuto la “pensione” come dimora forzata da più di un anno.

- Questo è per molti versi peggio di una prigione. Non so perché mi tengono qui, dice l'altro uomo nel cortile d'aria.

Ai due stranieri indesiderati non viene detto altro attraverso il filo spinato prima che la polizia interrompa la conversazione e ordini loro di rientrare nell'edificio. Apprendiamo che le interviste con i detenuti di Trandum devono essere organizzate in anticipo.

Potrebbe piacerti anche