La violenza si politicizza e la politica diventa violenza

Violenza e teoria politica
Forfatter: Elizabeth Frazer og Kimberly Hutchings
Forlag: Polity (Storbritannia)
LA VIOLENZA IN TEORIA E IN PRATICA / Il mondo è violento. Siamo ingannati dalla retorica della violenza?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Presidente Donald Trump nel giugno 2020 ha minacciato i cittadini americani con la forza militare e voleva 10 soldati pesantemente armati per le strade di Washington. Ha chiesto ai governatori di non essere "idioti addomesticati" ma piuttosto di reprimere fisicamente i manifestanti. Allo stesso tempo, la polizia federale ha attaccato con gas lacrimogeni e proiettili di gomma un gruppo di manifestanti vicino alla Casa Bianca, compresi membri della stampa. Trump in seguito ha attraversato la stessa piazza con una Bibbia in mano. Prima un po' di violenza, poi un po' di pace sulla terra.

Il presidente Trump è accusato di glorificare la violenza. È aggressivo nella copertura della stampa e molto prima dell'ormai famoso nero americano George floyd è stato ucciso dalla polizia, Trump ha parlato della necessità che la polizia inizi a essere un po’ più dura nei rapporti con gli arrestati. Questo modo di parlare è chiaramente contagioso. Nello stesso momento in cui Trump ha minacciato la sua stessa popolazione con la forza militare, lo ha affermato il repubblicano e deputato della Florida Matt Gaetz le autorità hanno dovuto cercare e uccidere gli americani, "come facciamo in Medio Oriente". Altri membri del Congresso si sono espressi in termini simili. La violenza si politicizza e la politica diventa violenza. Ma cosa dicono in realtà le teorie sulla violenza e sulla politica?

Un discorso accademico

Elizabeth Frazer (professore associato di scienze politiche all'Università di Oxford) e Kimberly Hutchings (professore di scienze politiche e relazioni internazionali alla Queen Mary University di Londra) hanno scritto diverse pubblicazioni accademiche sulla politica e sulla violenza. Ora pubblicano una nuovissima analisi della violenza e della teoria politica. Il libro è stato pubblicato prima delle rivolte che hanno scosso USA og verden, men er desto mer aktuell.

Innanzitutto un avvertimento: questo non è un libro facilmente accessibile. È troppo filosofico e accademico, prolisso e teorico per questo. Ma per chiunque sia interessato alla storia (ideale) e allo sviluppo sociale, ci sono molte buone riflessioni da fare. Non ultimo, conosciamo i pensieri sulla violenza e sulla politica di nomi famosi come Augustin, Machiavelli, Clausewitz, Weber, Marx, Engels, Gandhi, Fanon, Arendt, Galtung, Derrida, Merleau-Ponty, Beauvoir e parecchi Di più. È istruttivo approfondire i diversi punti di vista di questi pensatori, le loro spiegazioni e la loro apertura alla violenza politica. Sono tutti figli del loro tempo e i loro atteggiamenti sono generalmente comprensibili alla luce di un contesto storico. O come avrebbe detto il presidente Mao (riprodotto liberamente): il potere si comprende meglio dalla posizione della volata.

Lafayette Park, da Twitter
Lafayette Park, da Twitter

La violenza può essere giustificata?

Attraverso sette capitoli, la violenza viene analizzata in diverse situazioni e da diverse posizioni. Gli autori tentano di concludere con un ottavo capitolo finale. La politica non deve necessariamente includere anche la violenza? La giustificazione della violenza dipende dal fatto che venga effettuata per difendere o per abolire l’ordine esistente? Oppure tale diritto dipende da il modo viene perpetrata la violenza? La violenza è semplicemente un danno fisico diretto oppure può essere anche strutturale o simbolica?

Noto come i teorici politici tendano a evitare gli aspetti problematici della violenza. Lo fanno riducendo la violenza a uno strumento neutrale o identificando la violenza con un ideale più alto, come la giustizia o la virtù.

Diritti e giustizia

Gli autori concludono che il significato della violenza politica non può essere limitato, ma sarà sempre associato alla violenza fisica diretta. Tuttavia, non è principalmente questo disturbo fisico ciò conduce, che costituisce la chiave per comprendere la violenza politica, ma piuttosto il rapporto e il rapporto tra praticante e vittima, tra conquistatore e conquistato.

Le autrici condividono anche la tesi delle femministe secondo cui diverse forme di violenza politica appartengono a un continuum e si condizionano a vicenda. Per provare a dirla un po’ più chiaramente: gli abusi e le umiliazioni sessisti e razzisti si celano dietro e legittimano gli attacchi fisici – e possono facilmente trasformarsi proprio in questo. Ciò rafforza il valore simbolico e strutturale e le gerarchie di potere.

La giustificazione della violenza dipende dal fatto che venga effettuata per difenderla o per abolirla
ordine esistente?

È allora che arriviamo alla questione di tutte le questioni: la giustificazione della violenza politica. Gli autori distinguono due categorie principali: la prima è la cosiddetta giustificazione strumentale, in cui la violenza è al servizio di una buona causa politica, come la creazione di pace e ordine, il ripristino dei diritti o il raggiungimento della giustizia. La seconda si spiega con la virtù e riguarda la morale buona o corretta. Ma nessuna di queste due spiegazioni funziona abbastanza bene, sostengono gli autori.

Un mondo violento

Il mondo è violento. Non abbiamo allora bisogno della violenza per combattere la violenza? E poi probabilmente è bene avere delle regole che spieghino come, e che dicano quando è troppo? Un po’ come il diritto internazionale? Gli autori non ne sono convinti e ritengono che sia difficile distinguere tra violenza per la buona causa e violenza per il contrario. Sostengono che la violenza non è un mezzo o uno strumento: è una relazione, caratterizzata da asimmetria politica e condizionata da una serie di gerarchie strutturali e discorsive. Il risultato della violenza è quindi sempre incerto, sostengono. Forse dovremmo ascoltare ciò che dice la filosofa Hannah Arendt: il risultato più probabile della violenza è ancora più violenza.

Se combatti la violenza con la violenza, abbracci l’essenza della violenza. Ma anche la nonviolenza può portare a risultati terribili. Tuttavia, un mondo disposto a usare la violenza come strumento e la moralità e la virtù al servizio della violenza è ancora peggio. E poi forse torniamo a Donald Trump?

Il vangelo della violenza ci ha dato armi di distruzione di massa e forse ci ha reso più insicuri che mai. Vediamo anche che in diversi paesi il confine tra lavoro di polizia e guerra è meno netto di prima e che la polizia dispone di attrezzature simili a quelle militari.

Inoltre, il crescente utilizzo dei droni in guerra, la maggiore circolazione di armi tra i civili e l’uso di metodi investigativi più duri, al limite della tortura, hanno reso le nostre società più violente. Ci lasciamo ingannare dal mito della violenza come qualcosa di efficace. Altrimenti noi, come governatori americani, rischiamo di essere definiti “idioti” e deboli.

Normalizzare la violenza come risposta alla violenza è pericoloso. A lungo termine, rischiamo allora di percepire la politica della violenza come politica per definizione. Poi ci siamo lasciati ingannare dalla retorica della violenza.

Abbonamento NOK 195 al trimestre