Teatro della crudeltà

Nominerà gli stupratori

L'organizzazione Menn mot vold vuole pubblicare i nomi di tutti i condannati per stupro.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[gapestok] Il leader uscente di Menn mot vold (MMV), Markus Sorge, fa la proposta in un saggio in questo numero di Ny Tid. Ritiene che il tribunale, come parte della punizione, dovrebbe pubblicare i nomi di tutti gli stupratori per un periodo limitato sul sito web del tribunale.

- Non è lo stesso del bastone spalancato medievale?

- Sento un certo disagio nel proporlo, ma dobbiamo fare qualcosa. Secondo la nostra ricerca, solo il cinque percento di tutti gli stupri viene denunciato e solo una frazione finisce con una condanna. Oggi non c'è praticamente alcun rischio legale nello stupro. Rendere visibili gli aggressori avrà un effetto preventivo, ritiene Sorge.

"Ora state attenti a quale uomo portate a casa", è il monito che i genitori lanciano oggi alle loro figlie, scrive Sorge nel saggio. Forse bisogna andarci, crede, come consiglia un padre al figlio: "Non andare da solo con donne sconosciute, potresti rischiare di essere denunciato per stupro". Perché se c'è una cosa da cui gli autori di reati rifuggono è il pubblico, dice Sorge. Spiega che se dalla proposta di pubblicazione sui siti dei tribunali non uscirà nulla, la MMV prenderà seriamente in considerazione la possibilità di riesumare e pubblicare i nomi sui propri siti.

L'avvocato Mona Høiness ha lavorato molto sui casi di stupro e crede che in futuro ci sarà un'impennata di tali divulgazioni su Internet.

- Il gape stick che è stato abolito nel 1800° secolo è tornato in una nuova veste e avremo un dibattito su tutte le sofferenze e i suicidi che questa forma di gape stick infliggerà alle persone colpite, dice.

Anche il segretario generale dell'Associazione norvegese della stampa, Per Edgar Kokkvold, è scettico nei confronti della proposta della MMV.

- In alcuni casi può essere giustificato nominare gli autori di abusi condannati, ma non è vero che tutti i condannati meritano di avere il loro nome stampato, dice Kokkvold, che sottolinea che i siti web delle organizzazioni sono al di fuori dell'area della stampa responsabilità.

Høiness ritiene che la pubblicazione sul sito web di MMV non sarà illegale, ma dubita che la proposta avrà un effetto positivo sulla sicurezza giuridica delle donne.

- La certezza del diritto è più importante prima del processo che dopo, afferma Høiness.

Ha sperimentato che i casi vengono spesso archiviati se la vittima non ha osato resistere fisicamente, più recentemente nel tanto discusso caso di Caledonia in cui lei era un avvocato di patrocinio a spese dello Stato.

- Allora cosa pensi che si possa fare?

- Il ministro della Giustizia dovrebbe dare istruzioni all'accusa di essere più severa in questo caso e di correre il rischio di perdere alcune cause. L'impotenza che provano le vittime perché i casi non vengono nemmeno processati in tribunale è molto traumatizzante per la maggior parte delle persone, dice Høiness.

Menn vviolence propone che il procedimento penale e la questione del risarcimento di diritto privato siano trattati in modo coerente in un unico caso, in modo che l'accusa possa formulare accuse su base tattica. Markus Sorge commenta nel saggio anche il cosiddetto caso Marianne Aulie e scrive: "Di tanto in tanto verrà accusato l'uomo sbagliato, ma forse questo è il prezzo che bisogna pagare per aumentare la certezza giuridica delle donne?" ■

Fatti

Stupri in Norvegia

■ Il 2006 è stato un anno record per il numero di stupri denunciati. L'anno scorso sono stati denunciati 840 stupri.

■ Il 9% dei casi – 77 – si sono conclusi con una sentenza.

■ Negli ultimi anni il numero delle denunce è aumentato, ma non sappiamo se ciò sia dovuto all'aumento del numero degli stupri o all'aumento della percentuale degli stupri denunciati.

■ È opinione comune presupporre che venga denunciato 1 stupro su 10.

■ Men Against Violence è un'organizzazione indipendente che lavora contro la violenza contro le donne.

Potrebbe piacerti anche