Ordina qui l'edizione estiva

Insegnerà al Brasile lo stato di diritto

La nota di fondo di Erik Solheim per il viaggio in America Latina è accolta con risate e scuotendo la testa in Brasile.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[visita] – Probabilmente è meglio che lo risolviamo noi stessi, dice ridendo Silvia Costa, che coordina la campagna elettorale del partito PT al governo di Lula a Bahia, nel nord-est del Brasile.

Costa ha appena sentito parlare di come il ministero degli Esteri norvegese descrive il suo paese nel documento di base per il viaggio di studio del ministro dello Sviluppo Erik Solheim in Brasile e Bolivia. Solheim parte per il suo viaggio di una settimana lunedì 14 agosto. Nella nota del Ministero degli Affari Esteri si legge:

"Nel lavoro per rafforzare le istituzioni statali, gli sforzi contro la corruzione e il lavoro per il consolidamento della democrazia in Sud America, le esperienze dello stato di diritto e della società civile nel 'modello norvegese' possono essere rilevanti. Le esperienze norvegesi possono probabilmente essere incluse anche in un dialogo sul rapporto tra il settore pubblico e quello privato nel mondo degli affari, nel diritto del lavoro e in relazione alle organizzazioni e alle istituzioni private e sociali".

Al testo del documento della Farnesina reagisce anche il cacciatore di corruzione e direttore di Transparencia Brasil, Claudio Weber Abramo.

- Pensi che un "modello norvegese" nella lotta alla povertà e alla corruzione possa aiutare il Brasile?

- Quale modello norvegese? Dubito che il ministro abbia detto qualcosa del genere. Non sembra una cosa sensata da dire, dice Abramo.

Transparencia Brasil è un'organizzazione non governativa che opera per la trasparenza e contro la corruzione.

- Nei documenti di base, viene specificamente menzionato che il modello norvegese potrebbe essere rilevante...?

- Beh, sono sicuro che anche se, ad esempio, Norvegia e Svezia sono abbastanza simili, non puoi esportare sistemi politici e modi di lavorare. Il Brasile è molto diverso dalla Norvegia e deve sviluppare una propria politica. Il Brasile è un paese ricco. Ora dobbiamo iniziare a comportarci come un paese ricco. La più grande minaccia alla democrazia è la disuguaglianza sociale. E solo noi possiamo fare qualcosa al riguardo, dice Abramo.

- Abbiamo sicuramente qualcosa da imparare, e forse qualcuno ha qualcosa da imparare anche da noi, puntualizza Costa.

Nel documento del ministero degli Esteri, datato 27 giugno, si afferma che la delegazione vuole "ascoltare e imparare" e discutere "cosa può offrire la Norvegia". Il vicedirettore Hege Araldsen del Ministero degli Affari Esteri ha contribuito a scrivere il rapporto sull'America Latina.

- Il Ministero degli Affari Esteri dovrebbe ora recarsi in Brasile per predicare per il "modello norvegese"?

- No, non credo sia questo il messaggio principale della relazione. L'obiettivo in primo luogo è andare laggiù per ascoltare e imparare, dice Araldsen.

Esprime chiaramente che il Ministero degli Affari Esteri dovrebbe conoscere il Brasile per aiutarlo, non il contrario. Il rapporto afferma inoltre che "la Norvegia può contribuire al consolidamento delle democrazie in Sud America mostrando come sia possibile ottenere una migliore distribuzione della ricchezza, delle risorse e delle opportunità".

- In Bolivia, speriamo di raccontare la gestione delle risorse naturali della Norvegia. Offriremo ciò che possiamo fare meglio, dove è rilevante, afferma Araldsen di UD.

Sostegno ai senza terra

[forum] Il Ministero degli Affari Esteri ritiene inoltre che sia importante istituire un forum congiunto norvegese-brasiliano, in cui Movimento Sem Terra ("contadini senza terra") sia menzionato specificamente e come unica organizzazione nominata. Ma le forme di azione del MST sono contestate da ampi strati della popolazione. Rappresentano l'occupazione della terra, il vandalismo e il saccheggio. n

Di Roar Nerdal, Salvador post@nytid.no

Potrebbe piacerti anche