Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Stiamo affogando nelle notizie

Quante notizie hai colto oggi? Riesci a respirare?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[news] Sono le 07.00:XNUMX. Hans Henrik Torgersen è seduto qui da mezzanotte. Il duty manager Arve Vassbotten è arrivato un'ora fa e ha aperto una Coca-Cola Light. In cima c'è un caso di minacce all'economia norvegese, tace

TV 2 Locali di Nettavisen. Fuori dalle finestre svolazzano i primi ombrelloni della giornata.

Da sabato 3 giugno Nettavisen può diventare uno dei pochissimi media norvegesi a non scioperare. Ma oggi è tutto al completo.

La notizia si riversa agli occhi del pubblico. Tre dei quattro più grandi giornali online norvegesi – Dagbladet, Nettavisen, Aftenposten – pubblicano insieme circa 550 articoli in prima pagina in un giorno, secondo i loro stessi dati. VG dice che hanno i dati, ma non li rilascerà.

- La qualità di un sito web di notizie – o quanto sia attraente – dipende molto più del numero di casi pubblicati, dice il redattore Torry Pedersen su VG Nett.

Certo, certo, ma è anche un po' divertente contare, pensa Ny Tid e ci conta. I giornali del mercoledì della scorsa settimana, ad esempio, contano, contano. Nationen, Vårt Land, Dagsavisen, Klassekampen, Dagens Næringsliv, Aftenposten, VG e Dagbladet contano in totale circa 380 articoli e avvisi, una tenda un po' informale. Ci sono 262 giornali in questo Paese, 182 dei quali hanno un servizio di notizie online. Recentemente abbiamo due nuovi siti web per la finanza in Norvegia, NA24 e N24. TV 2 crea il proprio canale di notizie TV con trasmissioni in diretta XNUMX ore su XNUMX. La radio NRK ha "Sempre notizie" e notizie su assolutamente tutti i canali ogni ora. La CNN e la BBC trasmettono notizie XNUMX ore su XNUMX. La competizione per essere i primi a diffondere la notizia si fa sempre più dura. Non ci sono mai stati così tanti giornalisti e così tanti operatori dell'informazione in Norvegia. In questo piccolo paese sta realmente accadendo abbastanza per difenderlo?

"Notizie proprie"

Coloro che sono impiegati in un posto di lavoro principale in un mezzo di informazione in Norvegia dicono tutti che l'attenzione dovrebbe essere sulle "notizie proprie". Proprio, le buone notizie sono dei. La buona notizia viene esaltata e adorata. E premiato.

Sono ormai le 07.30 nella sede di Nettavisen. Il fondo dell'acqua è a metà della bottiglia Cola Light. Le sedie vuote e le tazze di caffè vengono riempite. Le notizie si riversano sempre più velocemente, il caso della Cina e delle miniere è fuori discussione. Quando è esplosa la disputa sull’UDI, Nettavisen ha tirato fuori problemi tutto il giorno. Hanno esaurito ogni angolo che nella preistoria online poteva riempire i giornali per un'intera settimana. Hanno avuto le reazioni, hanno avuto Osmundsen, Nordby, tutti i politici. Hagen ha chiesto una revisione all'ora di pranzo.

- La giornata si è conclusa da qui con il caso che VG ha pubblicato il giorno successivo. La maggior parte è stata svuotata! dice il capo del dipartimento comunitario, Ole Berthelsen.

Suoni di tastiera, chiave, chiave in tutta la stanza adesso.

- C'è qualcosa nelle notizie del mattino che non abbiamo?

- Le idropulitrici si scrivono con una o due s? grida uno.

- Trono! Potresti controllare la ragazza di Kristiansand? Geir vuole un nuovo caso. La P4 ha riferito che ci sono due uomini che lo hanno fatto. Se è vero, è un nuovo piolo.

Quando arriva la notizia

Da dove vengono tutte le notizie? Sugli schermi di Nettavisen compaiono box con notizie da tutto il mondo.

- Se si verifica una rottura dell'AP, lampeggia e provoca il caos! dice Vassbotten.

Le notizie migliori spesso vengono portate alla luce nel tempo. Ma le notizie quotidiane arrivano dalle agenzie di stampa internazionali e nazionali. Provengono sempre più da altri giornalisti. Il ricercatore sui media Arne Krumsvik dell'Università di Oslo afferma che puoi fare una telefonata, ma è raro ricontrollare i fatti nei testi di altri media. Le notizie arrivano anche da consulenti dell'informazione, da reporter e ricercatori, da ronde di polizia, da soffiate esterne. Sono riciclati. Qualcuno ha dato notizia di ciò che sta per accadere o è accaduto – oppure qualcuno o l'altro pensa qualcosa.

- Se altri hanno risolto un caso, allora proviamo a rientrare, dice Vassbotten, e ribadisce che saranno i primi nei casi più grandi.

- Dobbiamo essere i migliori. E prima procurati le foto, dice.

- Si tratta di essere i primi a uscire dal semaforo per le notizie sui grandi eventi, e non 20 minuti dopo gli altri, dice Liv Ekeberg, responsabile del servizio notizie di TV 2 Nettavisen.

Monitorano 650 siti web in patria e all'estero.

La maggior parte all'ora di pranzo

08.06: Lo Storting annulla l'elettroshock. Alle 08.14 sono arrivati ​​al lavoro una ragazza e 15 ragazzi. Concentrazione totale. Bottiglia vuota di Coca Cola Light. Chiave, chiave, martello, martello. Più ombrelli da Karl Johan. Børre Haugli è redattore e responsabile di turno e dice che per i primi giorni di vacanza riesce a fare a meno di internet e dei giornali, poi gli torna la voglia. La voglia di novità. Caffè accanto alla tastiera, e Børre dice che non osa pensare a quante tazze ci saranno. La CNN fissa il muro. E tutti nella sala sanno che Nettavisen ha il maggior numero di lettori all'ora di pranzo e poco prima delle 16. Dalle 18 in poi NRK1, NRK2, TV 2 e TVNorge trasmetteranno un totale di nove notiziari.

Sul tavolo c'è una nuova bottiglia di Coca-Cola Light. Fuori è ormai mattina inoltrata. Sulla via del ritorno vediamo un nuovo escavatore verde che scava nella casa di Rudolf Nilsen. A Schous Bryggeri un uomo pulisce il suo balcone dall'esterno. Un dente di leone è appassito dall'ultima volta. Difficilmente si rompe.

Ruminazione e copiatura

Com’è la produzione di notizie in Norvegia?

Chiediamo al ricercatore.

[produzione] – Ci saranno delle riflessioni e molte copie, dice Arne Krumsvik, ridendo un po' e dicendo che la notizia esclusiva non esiste più, deve essere quella che nessuno si prende la briga di citare.

È ricercatore presso l'Oslo University College e studia il ruolo del giornalismo nella nuova era digitale. Dice che prima non si pubblicavano le notizie che avevano gli altri.

- Ma ora nessuno ha una visione d'insieme. Quindi invece di chiedere se qualcun altro l'ha avuto, ci si chiede come si possa averlo a modo suo, dice Krumsvik.

Krumsvik è stato su diversi lati del tavolo. Ha contribuito a costruire Dagbladet.no ed è stato anche direttore radiofonico di Kanal 24.

- Perché le tue buone notizie sono così alte

stato?

- Dopotutto, sono le notizie che creano numeri di diffusione e quelli che vincono premi. Ma il cacciatore di notizie non è sempre un eroe. Molto spesso lo scoop arriva da una piccola soffiata, da fonti che hanno i propri scopi. Il giornalismo investigativo può essere spettacolare, ma anche noioso e costoso. La moda di investire in questo settore è passata rapidamente. Internamente ci sono spesso altre forme di espressione che hanno uno status più elevato, come scrivere editoriali e commenti, dice Krumsvik.

Dopo 15 anni come giornalista, si emoziona ancora quando vede le vecchie notizie presentate con peso in televisione.

- Le persone vengono aggiornate sulle ultime notizie durante il giorno. È da molto tempo che non si hanno notizie su Dagsrevyen. A loro è stato dato l'obiettivo di riassumere la giornata, dice Krumsvik.

- E se questo caso dovesse avere una copertura giornalistica, essere sollevato, legittimato e citato, cosa farei allora?

Krumsvik ride e basta, eh, eh, prima di singhiozzare e dire "sì, sì, buona fortuna!"

Potrebbe piacerti anche