Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Viviamo su un pianeta danneggiato

Valori selvaggi. Filosofia naturale nell'età dell'uomo
Forfatter: Sigurd Hverven
Forlag: Dreyer (Norge)
NATURA / In un momento in cui gli obiettivi nazionali sulla natura e gli accordi internazionali sulla natura sono finalmente entrati nell'agenda, le formulazioni dei problemi ei concetti di valore come quelli contenuti in questo libro di Sigurd Hverven sono molto importanti.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'Antropocene è il punto di svolta nel libro di Sigurd Hverven Valori selvaggi. Natura-
La filosofia nell'età dell'uomo.
Il libro è basato sulla sua tesi di dottorato alla NTNU, dove ha difeso la sua tesi la scorsa estate. È un progetto ambizioso. Secondo Hverven, l'era storicamente situata in cui ci troviamo ora mette gli esseri umani in una posizione di responsabilità che non avevamo prima. Tali richieste l'Antropocene in reorientering su più livelli ed è di per sé disorientante, in quanto esprime una nuova svolta identitaria, esistenziale e morale. "Di fronte a una terra che in breve tempo ha cominciato ad apparire fragile e ferita dall'intervento umano, gli occidentali moderni si pongono tra le mani una mappa concettuale che non assomiglia al terreno". Per contrastare ilorientering abbiamo bisogno di una visione di sé e di un'immagine realistica di ciò che ci circonda. Questo è ciò a cui Hverven intende contribuire con una (ri)eticaorientering dopo l'oggetto morale, che qui è di natura non umana – principalmente dal riconoscimento che può essere danneggiato (o negro).

Riconoscimento e responsabilità

Hverven invita a riflettere attraverso otto capitoli, che possono essere letti come un "esame delle condizioni per l'emergere di una responsabilità per la natura non umana". Ancora a responsabilità nell'uomo in un'argomentazione concreta, come "assumere la prospettiva di persone che si preoccupano di se stesse e di se stesse senza riconoscere alcuna natura attiva o indipendente. […] Come possono diventare consapevoli o incuriositi dalla natura non umana?”.

Hverven crede che la risposta risieda nell’esperienza con ciò che chiama negazione, e come esempio cita la balena dal becco d’oca che si incagliò a Sotra nel 2017 con lo stomaco pieno di plastica. La balena ha provocato una tempesta mediatica. La scoperta della plastica quotidiana in un luogo a cui la maggior parte delle persone concorda sul fatto che non dovrebbe appartenere è scioccata e ha rappresentato un campanello d'allarme per molti con l'obiettivo di comprendere ciò che l'Antropocene comporta. È diventato concreto.

Hverven sostiene la natura selvaggia.

La tesi principale del libro è che l’Antropocene pone l’uomo al comando della natura non umana in un modo che è storicamente nuovo: "Io sostengo che le persone nell'Antropocene possano e debbano riconoscere la natura non umana come attiva, indipendente e preziosa in sé." Hverven propone un'etica storicamente situata, a causa della situazione in cui ci troviamo ora, che si riferisce al fatto che viviamo su un pianeta danneggiato. In questo sostiene la natura selvaggia: la sua capacità di sorprendere, sorprendere e superare l'uomo e i suoi progetti. Gli imperativi da lui formulati "traggono il loro contenuto normativo da esperienze negative con oggetti concreti, storici e vulnerabili", mentre allo stesso tempo proibiscono piuttosto che imporre. Vivere esperienze negative con la natura non umana aiuta a disfare una relazione strumentale e dominante con essa. Allo stesso tempo, bisogna essere consapevoli che la natura è negata, cioè non gli è permesso completare i suoi processi, essere ostacolato, ecc. L'imperativo articolato da Hverven recita: "Devi agire, e il tuo pensiero e la tua pratica devono essere allineati, in modo che non contribuisci ulteriormente a far sì che la natura non umana perda la sua integrità, indipendenza, valore e capacità di produrre e mantenere la diversità”.

Per articolare i punti principali

Hverven cerca di fondare il suo pensiero sull'umiltà, tenendo conto di tutto ciò che nella natura non conosciamo e non possiamo conoscere, della complessità della natura e proprio della sua natura selvaggia. Egli sostiene che possiamo esprimere al meglio un'ontologia (che deve essere provvisoria e che è la base dell'etica) adattata a ciò con un atteggiamento poetico cfr. il fenomenologo francese Maurice Merleau Ponty. Hverven dice: "Facciamo violenza alla natura se proviamo a identificarla completamente con i nostri concetti e pratiche, o se proviamo a forzarla irrevocabilmente in una logica creata dall'uomo, cristallina e non contraddittoria". Allo stesso tempo, aderisce all'idea di Merleau-Ponty secondo cui l'articolazione è di per sé un atto creativo, dove le espressioni non sono mai identiche a ciò a cui mirano.

È importante ricordarlo quando Hverven successivamente categorizza la natura, poiché si può facilmente pensare che lui stesso abbia perso di vista questa prospettiva. Soprattutto quando si tratta della distinzione tra materiali inanimati e rocce, il che mi porta a chiedermi se la geologia sia un ramo trascurato della stima interdisciplinare su cui si basa. La categorizzazione è altrettanto necessaria per articolare i punti di vista che ritiene possano contribuire a una revisioneorientering che infine approda a concetti di valore.

Se vuoi articolare, devi mettere le cose in parole e di conseguenza rischiare di inciampare, quindi è bello avere questo modo poetico e umile disclaimer intendevo all'inizio: "Chi chiede una certa conoscenza sulla natura attiva pone una domanda alla quale non è possibile rispondere. Questa domanda chiude la possibilità che la comprensione da articolare abbia anche una fonte esterna al soggetto umano. Questa fonte sfugge proprio al pieno controllo delle persone e nella sua imprevedibilità ha il carattere di un dono. […] Riconoscere i veri progetti non umani significa accettare il dono”.

Valori selvaggi

Hverven dedica un intero capitolo alla differenziazione della natura, per evitare l'omogeneizzazione, cioè un rapporto con la natura in cui l'uomo domina la natura. Gli individui hanno valore intrinseco, e le strutture materiali hanno valore di indipendenza. Ma per quanto riguarda valori selvaggi, qual è il termine più completo e più importante di Hverven?: "Nessuno verdiè nella natura non umana che supera il valore storico e selvaggio della capacità della terra di produrre e mantenere un'esistenza diversificata che in parte supera noi umani e in parte sfugge ai nostri tentativi di comprensione e articolazione."

In un momento in cui gli obiettivi naturali nazionali e gli accordi internazionali sulla natura sono finalmente all’ordine del giorno, tali articolazioni e il riconoscimento che comportano sono molto importanti. Hverven è però consapevole che il riconoscimento non nasce dal “lavoro d'ufficio”, ma nasce dalle esperienze di fronte alla natura non umana.

Tina Kryhlmann
Tina Kryhlmann
Revisore letterario regolare in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche