Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

- Abbiamo documentato che avevamo tutto pronto per uno stato palestinese

L'ALLEGATO PALESTINO / Salam Fayyad, ex Primo Ministro della Palestina, Ramallah 2014




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

- Cosa ne pensi oggi, se la Norvegia ha contribuito all'accordo di Oslo nel 1993-95?

- A quel tempo, la nostra leadership palestinese era piuttosto incompetente. La chiamo tutta una trappola asimmetrica. Abbiamo finito per diventare sempre meno, dove il divario asimmetrico è diventato più grande. Non eravamo uguali, ma eravamo considerati inferiori. Come tutti gli altri, preferisco che gli altri mi vedano come un pari.

- È interessante notare che il francese "libertà, uguaglianza, fraternità", qui in Medio Oriente si dice prima con l'uguaglianza?

- È esattamente quello che ti ho detto sull'essere diversi, ma uguali. Possiamo accettare le nostre differenze, ma dobbiamo allo stesso tempo accettare la necessità del principio di uguaglianza. Vuol dire considerarci uguali fin dall’inizio. Dei tre, uguaglianza, libertà e fraternità, nessuno dei due può stare da solo, senza gli altri.

- Ma è successo a Oslo?

- Nonostante ci siano stati alcuni miglioramenti negli ultimi 20-30 anni, non possiamo accettare di vivere in un Paese come cittadini senza tutti i diritti come gli altri. Questo era probabilmente ciò che Oslo stava cercando di fare.

- La questione è se la realizzazione graduale, passo dopo passo, di uno Stato palestinese sia corretta. Israele ha dimostrato di sfruttare la situazione, prendendo sempre di più. Devi stare attento a ciò a cui dici di sì. E i fatti sul campo hanno mostrato una grande differenza tra ciò che fa Israele e ciò che facciamo noi.

L’ONU, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale hanno confermato che abbiamo lavorato.

- L'israeliano Ehud Barak ti ha menzionato in una recente intervista che ho fatto in termini positivi. Sei cambiato molto nel tuo tempo come manager sul campo, e soprattutto a livello finanziario?

- Nel 2009 abbiamo documentato che avevamo tutto pronto per uno Stato palestinese, con le necessarie istituzioni richieste. Abbiamo implementato 2800 programmi e progetti di sviluppo locale in tutto il Paese. Come scuole, ospedali, strutture sanitarie e fornitura di energia elettrica, per soddisfare le esigenze delle persone. Sia l’ONU che la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale hanno confermato che abbiamo lavorato.

- Sì, all'epoca anche il nostro ministro degli Esteri Jonas Gahr Støre scrisse la stessa cosa sul New York Times.

- Sì, ma chiaramente per Israele non era sufficiente dimostrare di essere "degni" di governare il nostro Stato. Chiaramente non meritavamo come popolo libero e orgoglioso un paese per noi stessi!

- Barak ha anche detto che a Camp David aveva offerto ai palestinesi fino al 92%, ma Arafat non ha accettato. Perché?

- Ma il 92% del territorio occupato nel 1967 corrisponde a circa il 22% della Palestina storica. Tuttavia, intorno al 1998 eravamo disposti ad accettare qualcosa del genere.

- Allora perché non è successo a Camp David?

- Penso che il motivo principale sia stata la proposta su Gerusalemme. Anche se non ero presente, credo che questo fosse il punto chiave su cui Arafat non era d'accordo. Ciò che Israele ha raggiunto come massimo era troppo lontano dal minimo palestinese che poteva essere accettato.

Intervista cinematografica inedita. Dal supplemento Palestina di giugno 2020.

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Articoli Correlati