Cisgiordania ovest


Il conflitto tra Israele e Palestina è più difficile che mai da risolvere, afferma uno scienziato mediorientale in un nuovo libro.

Fafner è un critico regolare in TEMPI MODERNI. Risiede a Tel Aviv.
E-mail: fafner4@yahoo.dk
Pubblicato: 2 maggio 2018
I limiti della terra. Come la lotta per la Cisgiordania ha plasmato il conflitto arabo-israeliano

Quando gli Accordi di Oslo furono firmati nel settembre 1993, c'erano 111.600 coloni israeliani in Cisgiordania. Tra cui Gerusalemme Est, la Striscia di Gaza e le alture del Golan, il numero era 281.800.

Oggi, il numero di israeliani che vivono nei territori occupati ha da tempo raggiunto i 600.000 marchi. Gli Accordi di Oslo, che descrivono in modo ottimistico l'istituzione di uno stato palestinese indipendente entro un periodo di cinque anni, sono considerati dalla maggior parte come un fallimento del passato, e nel complesso è difficile vedere come una soluzione a due stati al conflitto israelo-palestinese può essere trasformato in realtà.

Conflitto inceppato. I molti coloni sono un esempio tangibile di quanto sia bloccato il conflitto. Un altro sono i circa 6 milioni di rifugiati palestinesi che continuano a chiedere il loro diritto di tornare a casa. Elementi come questi dipingono il quadro di un conflitto su un paese che sta diventando sempre più difficile da condividere perché due persone stanno combattendo per lo stesso paese e perché la fede e l'ideologia essenziale svolgono un ruolo sempre più importante.

Ti senti tentato di supporre che una volta era più facile scoprirlo. Che un compromesso potrebbe essere raggiungibile. Dalla prima guerra in Medio Oriente a seguito dell'istituzione dello Stato di Israele nel 1948 fino al destino del 1967, la Cisgiordania era lì. L'area, leggermente più grande della Contea di Akershus, era ben sotto l'occupazione giordana, ma non c'era un solo colono, e questo è, in effetti, ciò che abbiamo in mente quando parliamo di un futuro stato palestinese oggi.

Oggi, il numero di israeliani che vivono nei territori occupati ha da tempo raggiunto i 600.

[ihc-hide-content ihc_mb_type = ”show” ihc_mb_who = ”1,2,4,7,9,10,11,12,13 ″ ihc_mb_template =” 1 ″]

Extra palestinesi. Nel suo nuovo libro, Avshalom Rubin, un analista del Medio Oriente presso il Dipartimento degli affari esteri degli Stati Uniti, descrive come il conflitto sulla Cisgiordania durante questi 19 primi anni abbia contribuito a dar forma al conflitto. Il punto di partenza è la popolazione locale, i palestinesi. Sin dall'inizio, erano più o meno assegnati al ruolo di comparse. L'OLP e il movimento nazionale palestinese hanno visto per la prima volta la luce in ritardo nel processo, quando la Cisgiordania stava lanciando palle al gioco di interessi completamente diversi.

Fu un tempo in cui il leader egiziano, Gamal Abdel Nasser, entrò in comunione nazionale con la Siria e cercò di affermare la sua influenza regionale. Sullo sfondo, la Guerra Fredda infuriava, con gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica in lotta per il dominio nella regione, motivo per cui tutti hanno giocato uno contro l'altro. Nel mezzo di questa guerra, la Giordania era un regno impoverito che poteva essere investito in qualsiasi momento da un Iraq espansionista, ma riuscì comunque a tenere la lingua in bocca.

La guerra dei sei giorni: una redenzione? Gli israeliani vacillarono. Stipularono taciti accordi di non aggressione con il re Saddam Hussein di Amman, che a sua volta assicurò la pace in Cisgiordania. Ma l'idea che la Giordania potesse cadere nelle mani degli iracheni, o dell'alleanza egiziano-siriana, ha parlato agli occhi di diversi politici per una conquista della Cisgiordania, per contrastare questa minaccia strategica. Fu anche al servizio di questo caso che in quegli anni Israele impilò i suoi programmi nucleari in piedi. La guerra del 1967, quindi, arrivò come una specie di redenzione, contemporaneamente all'inizio dell'attuale tragedia di Israele. E adesso?

La leadership politica del paese era fortemente divisa. Un'ala sosteneva che il paese aveva finalmente acquisito profondità strategica e quindi doveva mantenere la Cisgiordania. O, in ogni caso, parti dell'area. E d'altra parte, sono stati avvertiti delle conseguenze dell'occupazione e della sottomissione di una vasta popolazione palestinese.

Gli accordi di Oslo si presentano come uno spettacolo diplomatico con buone intenzioni che sono andate per il bene.

Nessun nuovo problema. Ciò che è interessante, tuttavia, è che questo non era un nuovo problema. Per diversi anni prima del 1967, questo dilemma era stato parte del dibattito politico di Israele. Pertanto, gli atteggiamenti erano già cementati e, in molti modi, la leadership israeliana era paralizzata. Il Menachem Begin dell'ala destra temeva che l'annessione della Cisgiordania avrebbe isolato Israele a livello internazionale, mentre lo Yigal Allon del Partito Laburista insisteva che almeno la Valle del Giordano fosse bloccata per avere una zona cuscinetto contro i futuri attacchi dall'est.

Ciò ha fornito libertà per le forze che volevano qualcos'altro. Nessuno aveva lo spirito politico di fermare i primi coloni mentre si preparavano a creare fatti nel paesaggio. Per molti aspetti erano gli unici a non avere dubbi. Avevano un obiettivo chiaro.

Conflitto complicato con radici storiche. Per la stragrande maggioranza, la Cisgiordania non era affatto il problema principale. Hai visto il dilemma morale dell'occupazione e hai visto le sfide strategiche, ma fondamentalmente riguardava il paese a ovest della Cisgiordania - cioè Israele stesso. Lo fa ancora. Ma le opinioni condivise del passato e la conseguente indecisione hanno creato le basi del conflitto oggi diventando ancora più insolubile. In tal senso, gli Accordi di Oslo costituiranno quindi una dimostrazione diplomatica con belle intenzioni che si incagliò perché il problema è molto più che il risultato della guerra di sei giorni del 1967. E bisogna anche tenerlo presente, parlando di una soluzione a due stati al conflitto israelo-palestinese oggi.

[/ ihc-hide-content]
Abbonamento NOK 195 quarti