"Northern Wind" – un esercizio alle condizioni della NATO?

"Finché facciamo parte della NATO, dobbiamo usare la nostra posizione per prendere una posizione chiara contro gli armamenti e le bufale di guerra", ha detto Marianne Gulli di Red, che ritiene che la Norvegia dovrebbe rimanere a casa sotto il vento del nord.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Rødt ritiene che l'esercitazione militare "Vento del Nord", che si terrà nel nord della Svezia questo marzo, sia problematica. La leader internazionale del partito, Marianne Gulli, dice a Ny Tid che è positivo che Norvegia e Svezia stiano praticando insieme, ma non nell'ambito della NATO. "Formalmente, questa è un'esercitazione di difesa svedese, ma i paesi della NATO sono stati invitati. Il sito web della NATO, invece, non dice quasi nulla sull'esercitazione. Il rapporto con la NATO si rafforza e questo va sotto il radar. Questa "raccolta anticipata" è molto problematica. Questa è la prima volta che la Norvegia invia l'esercito in Svezia. Anche durante 'Aurora' nel 2017, la Norvegia è stata invitata a partecipare. Il rosso vuole un'alleanza di difesa nordica che sia neutrale ".

"L'opposizione alla NATO e al lavoro contro la guerra è la spina dorsale della Rossa".

Il partito vuole che la Norvegia si ritiri dalla NATO e preferirebbe che l'intera organizzazione cessasse di esistere. Ma fino a quando la Norvegia non se ne andrà, è importante utilizzare la posizione che hai come paese membro, dice Gulli: "Finché facciamo parte della NATO, dobbiamo usare la nostra posizione per prendere una posizione chiara contro gli armamenti e l'incitamento alla guerra e non solo essere una bambola per gli Stati Uniti. Quando gli Stati Uniti spingono la Svezia, che è un paese indipendente, a non firmare l'accordo sulle armi nucleari, dobbiamo usare la posizione di adesione per resistere ".

Niente scuse

Il fatto che la Spagna possa diventare il primo Stato membro a firmare l'accordo sulle armi nucleari delle Nazioni Unite mette in pessima luce il rifiuto del governo norvegese di farlo. "La NATO è stata usata come argomento principale, ma non possiamo usare la NATO come scusa per non firmare", ha detto Gulli. "Se la Spagna firma, dimostra che l'adesione alla NATO non è un ostacolo. La Norvegia ha avuto successo nell'avere un tono calmo nei confronti della Russia e ha dato risalto ai quartieri. Ora la deterrenza aumenta, a scapito di questo quartiere. Poi vediamo che il quadro della minaccia – secondo la NATO – sta aumentando. È autoinflitto, dato che ci stiamo attrezzando. Quindi l'intera discussione sulle armi nucleari ricade sulla sua stessa irragionevolezza. Medici contro le armi nucleari ha pubblicato un rapporto lo scorso autunno che mostra chiaramente che l'argomento contro la firma del divieto di armi nucleari è politicamente e non legalmente fondato ".

"L'argomento contro la firma del divieto nucleare è politicamente e non legalmente basato". Gulli

Alla domanda su come Rødt immagina che la Norvegia ora operi nei confronti della Russia, Gulli sottolinea anche il dialogo e la cooperazione: "Crediamo che le sanzioni contro la Russia non siano state una buona idea in primo luogo, poiché creano una rottura nel rapporto; siamo abituati a invitarci a vicenda per avere una buona conversazione e occuparci della cooperazione che esiste tra i paesi. Non vogliamo armi nucleari qui sulla Terra e la firma dell'accordo sarà un buon passo nella giusta direzione. E, naturalmente, lo smantellamento della NATO ".

- annuncio pubblicitario -

Il 4 aprile di quest'anno, la NATO compie 70 anni. Questo deve essere contrassegnato. "L'opposizione alla NATO e al lavoro contro la guerra è la vera spina dorsale di Red", dice Gulli. "Abbiamo frequentato una scuola l'anno scorso e tenuto riunioni e conferenze tematiche [in connessione con l'esercizio NATO" Trident Juncture "]. Quel lavoro continuerà e ora è il 70 ° anniversario del turno della NATO – il 70 ° "giorno della vergogna" della NATO ".

Leggi anche: La Svezia è un passo avanti verso l'adesione alla NATO

Kaisa Ytterhaug
Ytterhaug è un libero professionista a Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?