Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La nostra visione degli Stati Uniti

A noi socialisti spesso riceviamo opinioni chiare sugli Stati Uniti e sulla politica americana, scrisse Sigurd Evensmo nel 1963. Un dibattito USA polarizzato del tipo che vediamo prima delle elezioni del 2016 è una tradizione con forti radici.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

22 giugno 1963.
A noi socialisti spesso vengono assegnate opinioni quadrate sugli Stati Uniti e sulla politica americana. I nostri oppositori, sia socialdemocratici che borghesi, vorrebbero far credere alla gente che siamo generalmente "antiamericani" (intesi: e corrispondentemente filo-russi), che negli USA non vediamo altro che neri, reazione capitalista, guerrafondai imperialisti, oppressione razziale e una cultura di frigoriferi, automobili, programmi TV scadenti e film anche peggiori.

Per alcuni dei nostri attaccanti c'è un elemento di scusa. Per decenni essi stessi hanno considerato l'altra delle due superpotenze del mondo, l'Unione Sovietica, come un inferno enorme e immutabile. E poi concludono indiscriminatamente che i socialisti devono avere una percezione simile della potente nazione leader del capitalismo.

Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica hanno ciò che hanno in comune è che sono entrambi qualcosa di molto diverso e più che nazioni nel vecchio senso europeo. Stiamo parlando di continenti con una moltitudine di popoli molto diversi che si uniranno nelle grandi confederazioni di Stati, e ciò in un momento in cui queste società stanno attraversando una trasformazione tecnica senza precedenti nella storia. Va poi da sé che lo sviluppo che si realizza in qualunque nazione, indipendentemente dai sistemi sociali, deve essere spesso caratterizzato da una tensione particolare, che affonda le sue radici profonde nelle diverse istanze dei gruppi etnici. In questi giorni, il conflitto razziale negli Stati Uniti mostra un’esplosione esplosiva di antagonismi così radicati che ci vorranno molte generazioni per appianarsi e calmarsi, anche se la superficie si stabilizzasse nuovamente.

Così come l’Unione Sovietica sotto il comunismo, gli Stati Uniti sotto il capitalismo sono una società che ha trovato la sua forma definitiva e immutabile. Gli sconvolgimenti sociali assumono forme diverse che in Europa, ma anche negli Stati Uniti nella vita sociale si svolge una lotta ininterrotta tra le forze liberali e quelle conservatrici, con il sopravvento presto dell'uno, presto dell'altro.

Lo vediamo come debolezza significativa per la democrazia americana il fatto che non può fare affidamento su un movimento politico operaio e che il sindacato – che è quasi diventato ostaggio della grande finanza – non solo è rimasto stagnante, ma è addirittura regredito negli ultimi anni. È un fatto triste che gli americani comuni si siano abituati da tempo a disprezzare la politica considerandola un “affare sporco”, con il risultato che lasciano questo sporco affare a persone che prosperano nella terra e non di rado ci camminano dentro – con ulteriore compromesso. di qualsiasi attività politica. Abbiamo incontrato più di un leader sindacale americano che ha alzato le spalle sconsolato e ha affermato che solo un’altra grande crisi economica sarà in grado di porre fine alla passività politica delle masse. Tutto sommato, questo approccio rappresenta forse il pericolo più serio per lo sviluppo degli Stati Uniti – in quanto costituisce un punto interrogativo permanente sullo stesso governo popolare.

Ma queste condizioni non ci hanno mai portato a trascurare o sottovalutare le forze radicali e liberali che esistono e che spesso hanno le loro posizioni più forti nelle università e nei college. Furono loro che, con grande sacrificio personale, intrapresero la lotta più coraggiosa contro McCarthy negli anni ’1950 e alla fine superarono la parte peggiore di questa piaga, mentre il presidente Eisenhower mostrò una pietosa negligenza. Sono le stesse forze liberali che di volta in volta fanno la svolta verso un governo popolare più vero e per una politica estera che possa offrire opportunità di allentamento della tensione invece di una corsa agli armamenti senza fine. Fu l'ampiezza di vedute e la tolleranza del liberalismo americano che Kennedy interpretò nel suo sensazionale discorso del 10 giugno.

Durante la prolungata sfortuna della Guerra Fredda, la propaganda non solo ha dipinto di nero l’Unione Sovietica, ma gli Stati Uniti sono così bianchi che molte significative sfumature di colore sono scomparse.

Naturalmente c'è guerrafondai negli USA – e basta con l’odio razziale, basta con le molteplici forme di intolleranza, basta con la miopia che rende piuttosto problematica la leadership americana delle “nazioni libere del mondo”. Ma c’è un contrappeso su cui Kennedy può costruire se scommette abbastanza coraggiosamente, ed è giunto il momento per una scommessa del genere sia in relazione alla guerra razziale nel paese che alla politica estera. Noi stessi riponiamo la nostra speranza in questo “altro”, gli Stati Uniti liberali, che siano abbastanza forti da garantire l’uguaglianza dei diritti umani per tutti i cittadini del paese e allo stesso tempo creare le condizioni per una soluzione seria e pacifica del conflitto mondiale tra Est e Ovest. Decisivo è il riconoscimento che l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti, nonostante tutte le loro differenze, devono coesistere fianco a fianco – se si vuole che il mondo continui ad esistere.

crediamo che I popoli europei avrebbero potuto aiutare le forze liberali sia negli Stati Uniti che nell’Unione Sovietica molto più di quanto sia avvenuto. Durante la lunga sfortuna della Guerra Fredda, la propaganda non ha solo dipinto di nero l’Unione Sovietica, ma anche gli Stati Uniti così bianchi che molte significative sfumature di colore sono scomparse, a scapito di una valutazione realistica delle condizioni del paese e dell’economia americana. politica. Tipico di questa idealizzazione è il fatto che il conflitto razziale è stato sistematicamente sottovalutato, anche dalla stampa norvegese, che spesso ha potuto riferire che il conflitto era praticamente fuori dal mondo. Un fatto significativo come il fatto che anche gli stati del nord hanno ancora un problema razziale molto serio da risolvere non è quasi mai venuto alla luce. Si supponeva che tutto andasse bene con il nostro grande mecenate, in qualche modo non potevamo permetterci critiche, e così i politici e le pressioni norvegesi hanno deluso anche il liberalismo americano nella sua lotta.

Lo stesso tradimento viene praticato contro la liberalizzazione da parte dei russi finché la valutazione dell’Unione Sovietica appare cruda e irrealisticamente nera come lo era stata bianca nei confronti degli Stati Uniti.


La rubrica con testi importanti e tuttora attuali del precursore del New Times Orientering (1953-1975) è edito da Line Fausko.

Sigurd Evensmo
Sigurd Evensmo
Evensmo è stato in precedenza editore di Orientering, precursore di MODERN TIMES.

Potrebbe piacerti anche