Teatro della crudeltà

Informatori: nemici pubblici?

NON SICURO / Una democrazia vivace, una stampa vivace e lo Stato di diritto sono collegati e dipendono dal fatto che gli informatori vengano presi sul serio. Ny Tid ha intervistato l'informatore e avvocato Kari Breirem, attuale con il libro Promuovere il diritto e prevenire l'ingiustizia – su corruzione, certezza del diritto e denuncia di irregolarità.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il 5 giugno la filiale norvegese dell'organizzazione per la libertà di espressione PEN ha celebrato la Giornata degli informatori sostenendo il fondatore del sito web degli informatori WikiLeaks Julian Assange, che è attualmente incarcerato nel Regno Unito in attesa dell'udienza di estradizione prevista per febbraio del prossimo anno. Lo stesso giorno, l'informatore e avvocato Kari Breirem ha presentato il suo libro Promuovere la giustizia e prevenire l'ingiustizia – su corruzione, certezza del diritto e denunce. Kari Breirem è senza dubbio il precursore più importante della Norvegia. Non ha avuto paura di alzarsi in piedi, né con la propria notifica né in difesa degli altri. Ny Tid incontra Breirem a Bondeheimen.

«Gli informatori sono onorati nel discorso della festa, ma pugnalati nel vicolo dietro la sede della festa.» È una caratteristica che condividi?

"Sì in realtà."

"So cosa significa notificare", afferma Breirem. "Mi ha portato in conflitto con molte persone potenti del paese: ho denunciato la frode dello studio legale BA-HR e del miliardario Kjell Inge Røkke con una fattura falsa [vedi caso quadro p. 4 nel giornale]. La BA-HR mi ha accusato di essere coinvolto nel suicidio dell'ex ministro della Sanità Tore Tønne. Non può essere più difficile di così. C'è anche il fatto che i leader aziendali e i principali politici si sono messi in fila per condannare."

È giunto il momento di una rivolta degli informatori per riavere la stampa e la società?
in pista?

Il redattore di Stavanger Aftenblad Sven Egil Omdal ti ha chiamato «la vecchia contro il ruscello sporco'. Ibsen probabilmente ti chiamerebbe «un nemico del popolo»? Riconosci te stesso?

“Ecco cosa vuol dire essere un informatore. Bisogna essere preparati al peggio, perché il potere ha tante armi e tanti amici. Gente di soldi, politici, primi ministri! Ma per fortuna c'è sempre stato qualcuno che ha visto la verità e mi ha sostenuto, che non si è lasciato raffreddare dalle minacce. Aiuta a pensarci. Ma fa male quando le persone da cui ti aspettavi di meglio non si presentano.

Lo scorso inverno il primo ministro Erna Solberg ha parlato brillantemente di lei al World Economic Forum ne volevo uno Anch'io contro la criminalità economica. Con un solido background nel NOU 2018: 6 del Comitato Whistleblowing, Solberg ha avuto l'opportunità di dare seguito a questo aspetto. Ma la proposta avanzata dal governo è stata una delle cose più vili che abbia mai visto, mi ha detto uno dei membri della commissione. Nessun cambiamento di sistema. Solo la codificazione della normativa vigente e una proposta a cui i dirigenti fossero tenuti a dare seguito con un bando. Era lontano dai pomposi discorsi di partito”.

Sì, cosa succede se la notifica riguarda un abuso o un reato da parte di un manager?

"Ci sono spesso culture di cui i leader sono esponenti. Ma non tutti gli avvisi sono legittimi. Potrebbe essere conveniente per alcuni sfogare le proprie frustrazioni. E facciamo bene a stare attenti. È sempre importante esaminare la segnalazione e dare la propria autorizzazione al segnalante motivandola. Ma ciò non deve mai portare gli informatori a sentirsi insicuri rispetto alle ritorsioni. Poi buttiamo via il bambino con l'acqua sporca.

Molte culture di leadership imbavagliano gli informatori. Ma poiché non disponiamo di buone misure per aiutare i legittimi, c’è un’inflazione in coloro che possono definirsi così. Oppure impedisce alle persone legittime di farsi avanti. Il redattore Sven Egil Omdal ritiene che troppi informatori non si facciano avanti perché costa troppo. Lo dimostrano le indagini della FaFo e del sindacato Lederne Il 50% dei dirigenti e dei dipendenti non si presenta per paura di ritorsioni», dice Breirem.

La notifica ha il suo prezzo. Devi asciugare. Per diventare un informatore bisogna essere disposti a farlo å entrare in uno scontro. Sei una persona difficile, litigiosa, «contrario», Breirem?

"Forse, ma soprattutto ho voglia di verità. Non posso vivere con la mia riflessione se ho affrontato la corruzione e la frode senza fare nulla”.

Vuol dire che lo rifaresti? Questa è una domanda che ricevono spesso gli informatori?

“Sì, lo farei, ma forse farei le cose diversamente. Ho imparato. Ma in qualità di direttore del prestigioso studio legale BA-HR dovevo parlare apertamente, non potevo essere costretto a imbrogliare solo perché "qui facciamo così". È una questione di moralità e di ciò che è giusto, e non solo che un audit potrebbe rivelare una fattura falsa e che potrei essere giustamente punito se la approvassi”.

Indagini della FaFo e del sindacato
I dirigenti mostrano che il 50% sia dei dirigenti che dei dipendenti non si presenta per paura di ritorsioni.

Un giorno di giugno del 2015. Breirem era uno dei tanti informatori presenti fuori dallo Storting. Daniel Ellsberg, lui stesso l'icona dell'informatore, è stato l'oratore principale. Fu definito "l'uomo più pericoloso d'America" ​​dal presidente Nixon e dal segretario di Stato Kissinger. Gli informatori hanno chiesto al presidente dello Storting Olemic Thommessen di invitare l'informatore Edward Snowden alla Norvegia. Avrebbe potuto essere un buon seguito ai numerosi discorsi celebrativi di Thommessen sul 1814 e sulla libertà di espressione. "Per mettere i soldi dove si dice", ha detto il redattore dell'Aftenposten Harald Stanghelle . Infuriato, Thommessen lasciò il posto.

A Ellsberg era costato mettere in guardia sui crimini di guerra americani 50 anni fa, così come costa ad Assange portare la verità sulle guerre in Iraq e Afghanistan ai nostri giorni. Da allora Ellsberg non è mai riuscito a trovare un lavoro negli Stati Uniti. Il matrimonio è andato in pezzi. Assange è minacciato di estradizione negli Stati Uniti e di essere punito come spia. Snowden è in esilio a Mosca.

Dopo aver bombardato a tappeto il Vietnam e la Kampuchea per diversi anni, Kissinger ricevette il Premio Nobel.

La verità non è molto richiesta, nemmeno negli Stati Uniti di Daniel Ellsberg, nella Gran Bretagna di Assange o nella Norvegia di Kari Breirem? BA-HR è stato condannato?

"Sì, BA-HR è stata condannata a pagare una piccola multa dopo che il procuratore generale ha inspiegabilmente archiviato il caso, anche se era già stato fissato. Il mio piccolo ruolo è stato quello, in qualità di direttore dello studio legale, di rifiutarmi di pagare una fattura falsa. Una notifica interna che qualcosa non andava. BA-HR avrebbe potuto interrompere il processo, ma invece ha scelto di sospendermi e poi licenziarmi. Tuttavia, la multa ricevuta è stata inferiore al 3% dell’importo della frode. Inizialmente si rifiutarono di pagarlo. Sono diventati più forti e potenti che mai. In Norvegia è così."

Lei ha a che fare anche con l'ex leader del partito laburista Jens Stoltenberg?

"Jens Stoltenberg non dice la verità sul caso Tønne nella sua autobiografia del 2016. Attribuisce la colpa al fatto che le regole non erano chiare e ritiene che il nocciolo del caso fossero gli arretrati. L’indennità di fine rapporto ingiustificata era lontana dalla mia immaginazione. La verità era semplice: una fattura era stata falsificata per nascondere incompetenza e riciclaggio di denaro. Non deve essere abbellito o oscurato. Dato che ho avviato il caso Tønne, ho ovviamente il diritto di descrivere le circostanze reali!"

I Un nemico del popolo Ibsen permette sia a Stockmann che a sua figlia di perdere il lavoro. Nel tuo libro menzioni che anche tua figlia è stata licenziata dalla BA-HR?

"Ho difficoltà a perdonare il trattamento riservato a mia figlia. Le è stato chiesto di inviare un documento per conto del socio amministratore dell'azienda, ma in seguito è stata accusata di aver fatto ciò che le era stato chiesto, cosa che l'ha portata al licenziamento. Vergognoso! Ha vissuto un’esperienza di vita che non avrebbe dovuto avere”.

Ma c'erano voci che ti hanno sostenuto? Christian Borch e Sven Egil Omdal della NRK a Stavanger Aftenblad. Mettono in guardia contro le persone al potere che controllano la stampa nei casi di denuncia?

"Sì, c'erano più persone che mi sostenevano. Borch credeva che la stampa avrebbe dovuto portare avanti il ​​caso. Omdal ha scritto che la collusione tra gli industriali più potenti del paese e i massimi politici è stata effettivamente nascosta. Ha affermato che avvertimenti come "Ricorda cosa è successo a Tore Tønne" hanno un effetto calcolato e raggelante sui giornalisti e portano a non scoprire le illegalità. Allora la stampa non adempie alla sua missione sociale."

Non è rimasta particolarmente colpita dalla reazione della stampa dopo la morte di Tønne?

"NO. Il capo dell'NHO Ulltveit-Moe ha affermato che la stampa ha ucciso Tønne. La stessa Associazione della stampa svedese ha istituito un comitato separato per esaminare il caso Tønne. La paura dell’élite dominante ha chiaramente avuto il sopravvento in questa selezione. "Il caso è stato esagerato rispetto alla realtà che è stata scoperta", hanno detto tra l'altro a proposito della copertura del Dagbladet. Una conclusione ovviamente folle. Una svista evidente, poiché i fatti del caso che erano ben noti erano molto gravi, mentre molti fatti non si sapranno mai poiché le indagini si sono interrotte quando Tønne si è tolto la vita. »

Scrivi ben oltre la tua vita, torni indietro nella storia e metti in luce il caso contro il leader del Milorg Oliver Langeland?

"Sì, Langeland andò dritto con la soluzione bellica stessa dopo la guerra. Ha scritto due libri che sono stati confiscati e distrutti”.

Non si potrebbe definire traditore l’eroe di guerra Langeland. Aveva guidato il dipartimento 13 di Milorg a Oslo e dovette fuggire. Ma dopo la guerra protestò dicendo che i profittatori di guerra nell'amministrazione statale e negli affari non venivano puniti, mentre venivano punite le persone con un'appartenenza passiva al NS.

Langeland fu effettivamente messo a tacere facendo confiscare e distruggere i suoi libri.

È tempo di guardare a questi lati meno affascinanti della nostra storia, ritiene Breirem. Scrive dello Stato di diritto e della pratica dei tribunali, che conosce in prima persona fino ai nostri giorni. Ha dubbi sull'eccellenza della magistratura norvegese.

Il caso della botte

Tore Tønne era un leader aziendale norvegese
e Ministro della Sanità nel governo di Jens Stoltenberg dal 2000 al 2001. L'anno successivo Økokrim denunciò Tønne per aver ricevuto illegalmente 1,5 milioni di corone norvegesi per un lavoro di consulenza per il miliardario Kjell Inge Røkke attraverso una fattura contraffatta di
studio legale BA-HR. Tønne si è tolto la vita
nel dicembre 2002 e il caso contro di lui fu archiviato. Il direttore della BA-HR Kari Breirem ha denunciato la fattura falsa ed è stato costretto a lasciare l'azienda. BA-HR è stata multata di 50 NOK.

Una democrazia vivace, una stampa vivace e lo Stato di diritto sono collegati e dipendono dal fatto che gli informatori vengano presi sul serio. Sia la storia che il nostro presente hanno pietre che devono essere ribaltate. Allora abbiamo bisogno di informatori. Norske PEN e Kari Breirem non sono i soli a pensarlo. Ma spesso sembra lontano dalle voci di supporto. E le forze e gli interessi che lo impediranno sono potenti. Troppi informatori vengono minacciati e ridotti al silenzio. Ne ha scritto Ibsen Un nemico del popolo mentre la Norvegia era ancora sotto la Svezia. E 130 anni dopo, stiamo ancora lottando con lo stesso problema.

In un incontro di giornalisti di Akershus nella primavera del 2019 è stato discusso il caso in corso della scomparsa di Ann-Elisabeth Hagen. È emerso che la polizia ha minacciato a lungo la stampa di essere perseguita se avesse scritto sul caso. La polizia non aveva l’autorità legale per farlo. È stata la sindrome del “Ricordate cosa è successo a Tore Tønne” a colpire e a far tacere i giornali mese dopo mese? Dagli Stati Uniti, il New York Times riferisce che, a causa di tutte le critiche, lo faranno basta con le caricature. Le caricature sono più antiche della stampa stessa e dell'arma sicura degli sciocchi dal basso. Le caricature sono odiate dai dittatori e dai demagoghi. L'autocensura del New York Times è terrificante. La vittoria finale per i potenti. È giunto il momento di una rivolta degli informatori per rimettere in carreggiata la stampa e la società?

Kari Breirem ha un nipote di nove anni. Il suo nome è ovviamente Justin. Vorrebbe che un giorno lui potesse leggere la verità sul caso scatenato da sua nonna, se un giornalista o uno storico in un dato momento dovessero occuparsi del caso in tutta la sua ampiezza.

John Y Jones
John Y. Jones
Cand. philol, giornalista freelance associato a MODERN TIMES

Articoli Correlati