Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

La pace è nella Repubblica centrafricana?

Le parti in conflitto nella Repubblica Centrafricana hanno firmato un accordo di pace. Non è la prima volta che le parti in guerra nel paese hanno fatto proprio questo, ed è quasi l'ultima.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

La Repubblica Centrafricana (SAR) è, come suggerisce il nome, nel cuore dell'Africa. Il paese è stato sottoposto a notevoli violenze da quando un gruppo ribelle con un centro di gravità nella parte orientale ha limitato il potere presidenziale nel 2013. A febbraio, il governo centrafricano e quattordici gruppi armati del paese sono riusciti a raggiungere un accordo di pace.

Gran parte delle basi del conflitto odierno è al di fuori di ciò che un trattato di pace tra il proprietario e le forze ribelli può risolvere.

Il negoziatore e commissario per la pace e la sicurezza presso l'UA, Smail Chergui, ha dichiarato alla firma della lettera di intenti in Sudan che l'accordo offre ai centrafricani l'opportunità di intraprendere un lavoro di riconciliazione e sviluppo tanto necessario. Tuttavia, la cronologia del SAR potrebbe indicare che non è corretto. Gran parte della base del conflitto di oggi si trova al di fuori di ciò che un accordo di pace tra il governo e le forze ribelli può risolvere.

Nessuna garanzia

Molti dei gruppi armati che hanno firmato l'accordo di pace sono organizzazioni libere senza una struttura di comando che possa garantire che le fazioni delle forze non continueranno i combattimenti. Lo stesso vale per il governo. Mentre Erna Solberg ha un apparato statale in grado di attuare la politica su cui i rappresentanti eletti del paese concordano, il presidente Touadera e la RAS mancano sia degli strumenti che dei mezzi per sollevare il paese dalla sua difficile situazione. sotto coloniale francese
regola e non è mai stato concepito per funzionare per tutti. Agli stessi centrafricani piace dire che lo stato finisce dove iniziano i sobborghi della capitale Bangui. Per un paese che geograficamente ha le dimensioni della Francia, ciò significa che enormi aree sono state lasciate a se stesse. Molti anni di abbandono delle condizioni al di fuori della capitale hanno creato impotenza e frustrazione e aiutano a spiegare come i colpi di stato siano diventati la norma per un cambio di governo nella RAS.

Conflitto regionale

Un altro problema è che la soluzione alla situazione in SAR non risiede solo in SAR. Il conflitto ha una dimensione regionale ed è caratterizzato da disordini nei paesi vicini, tra cui la Repubblica Democratica del Congo, il Nord e il Sud Sudan e il Ciad. Molti di questi hanno anche forti interessi nella RAS ed esercitano un'influenza sulla politica del paese. Così fa l'ex potenza coloniale Francia, che, insieme ad un'altra potenza internazionale, la Russia, era presente ai colloqui di pace in Sudan.

- annuncio pubblicitario -

Se la pace deve durare nella RAS, le forze sia nazionali, regionali che internazionali devono essere disposte a contribuire con risorse e competenze alla costruzione di un apparato statale funzionante e sovrano in grado di prendersi cura di tutti i suoi abitanti. Ciò offre ai centrafricani l'opportunità di intraprendere il lavoro per creare riconciliazione e costruire una pace duratura.

tomasroen@gmail.com
Røen insegna studi sulla pace e sui conflitti al Bjørknes University College.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.