Teatro della crudeltà

I paesi della NATO erano davvero consapevoli dei pericoli che li minacciavano?

Più emozionante di un romanzo. Una rappresentazione in prima persona della crisi cubana, delle tensioni interne, delle dinamiche. Nessuno tranne Robert F. Kennedy avrebbe potuto scrivere questo thriller condensato di vita reale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Robert F. Kennedy: 13 giorni in cui il mondo si è fermato.
Tradotto da Per Egil Hegge, 150 pp. con documenti e immagini Cappelen. 1969.

Così l'editore descrive 13 giorni in cui il mondo si fermò di Robert F. Kennedy, che ora è stato pubblicato in norvegese con le migliori prospettive di diventare un bestseller. Moralismo americano, storie superficiali, drammatizzazioni e rivelazioni personali sono ingredienti che garantiscono un'elevata diffusione. È quindi importante approfondire la percezione della realtà di Robert F. Kennedy e guardare al contenuto politico insieme al compiacimento sentimentale che caratterizza gran parte del libro.

Robert McNamara dà il tono nella sua prefazione, con svolte liriche che vanno perse nella traduzione: Dopo averlo letto, un resoconto commovente e sensibile, posso solo ripetere con parole ora umide di lacrime, ciò che ho scritto: "Ha mostrato allora, come L'ho visto fare in molte occasioni, sia prima che dopo, una straordinaria combinazione di energia e coraggio, compassione e prudenza."

Cuba – solo est/ovest?

STATI UNITI D'AMERICA. New York City. 1966. Ritratto di Robert KENNEDY nel suo appartamento. Scanpix NTB.

In questo libro, per semplicità, la "crisi di Cuba" inizia nell'estate del 1962, quando gli aerei spia americani scoprirono che l'Unione Sovietica stava costruendo lanciamissili a Cuba. Il conflitto viene catturato semplicemente come un thriller Est/Ovest, con il cattivo e la polizia. La rivoluzione di Fidel Castro, il tentativo di strangolamento economico degli Stati Uniti e il tentativo di invasione degli Stati Uniti nell'aprile 1961, tutto questo non esiste nella versione trasmessa ai lettori norvegesi sotto forma di romanzo poliziesco. Quanti di coloro che seguono con entusiasmo la lotta snervante dell'eroe contro il destino, un gioco divertente con il destino del mondo nelle sue mani, svegli e responsabili mentre la clessidra finisce, ecc., conoscono i veri retroscena? Quante persone capiscono che Cuba aveva motivo di sentirsi minacciata, militarmente ed economicamente, ogni singolo giorno? Quante persone sanno che gli Stati Uniti hanno alle spalle una lunga storia di peccati quando si tratta di combattere i tentativi di liberazione sociale in America Latina? L’unica cosa trasmessa in questo libro è la consapevolezza che un certo numero di importanti politici americani – “erano tutte persone molto intelligenti, laboriose e coraggiose” – hanno tentato soluzioni pacifiche. Quando Robert F. Kennedy ha indubbiamente interpretato il ruolo della colomba, cioè voleva un blocco prolungato invece di un rapido attacco nucleare, lo ha giustificato dicendo che altrimenti la posizione morale degli Stati Uniti sarebbe stata minacciata. "La storia e le tradizioni degli Stati Uniti non consentivano una simile linea di condotta."

— I paesi della NATO hanno sostenuto gli Stati Uniti, ma questi paesi erano in realtà pienamente consapevoli dei pericoli che li minacciavano? chiede Robert Kennedy. Per coloro che ancora sostengono che la Norvegia ha preservato la sua sovranità, e che sono gli organi costituzionali norvegesi a decidere in ogni momento la nostra politica estera e di sicurezza, la risposta di Kennedy è rivelatrice. Anche l’immagine che otteniamo degli strateghi militari e dei politici che contribuiscono a decidere il destino del mondo è rivelatrice e inquietante.

Falchi militari

Ci sono molte lezioni politiche da imparare dai “13 giorni in cui il mondo si è fermato”. Il primo è lo sconfinato cinismo degli strateghi militari, il secondo è la posizione vulnerabile dei partner della NATO. Le forze degli Stati Uniti – in tutto il mondo – furono rapidamente messe in allerta e quattro squadroni di aerei tattici erano pronti ad attaccare quando la discussione doveva iniziare.

Mentre le navi sovietiche erano in viaggio verso Cuba, il presidente Kennedy fu sottoposto a forti pressioni nella direzione di un’invasione militare totale, con armi nucleari e preparazione. Tra i sostenitori di una rapida azione militare c'erano, ad esempio, William Fulbright, presidente della commissione per le relazioni estere del Senato. Il direttore della CIA John McCone disse che tutti dovevano capire che un'invasione sarebbe stata un'impresa molto più seria di quanto si pensasse in precedenza. “Hanno un sacco di attrezzature. Ed è fermamente condannato fucilarli da queste colline: questo lo abbiamo scoperto in Corea, ha detto. Il presidente inizialmente rifiutò di utilizzare come base per i negoziati il ​​ritiro dei missili dalla Turchia, come proposto dai sovietici. Tuttavia, Robert F. Kennedy scrive che la proposta sovietica non era irragionevole. In diverse occasioni, il presidente aveva tentato in precedenza un accordo con la Turchia sul ritiro dei missili Jupiter. "Erano ovviamente obsoleti e i nostri sottomarini Polaris nel Mediterraneo avrebbero fornito una protezione molto migliore."

I partner della NATO erano consapevoli della minaccia?

Nell’argomentazione contro la NATO il punto centrale è che il rapporto di alleanza con gli USA può facilmente portare le piccole nazioni in una situazione di guerra che non le riguarda. Una situazione di crisi a Cuba, sorta soprattutto perché Castro è stato costretto a chiedere aiuto contro l'invasione e le minacce di invasione degli Stati Uniti, avrebbe potuto trascinare molto rapidamente il nostro paese nella guerra nucleare. La prova più chiara è data dallo stesso Robert F. Kennedy: "I paesi della NATO hanno sostenuto la nostra posizione e ci hanno consigliato di restare fermi. Ma, come disse il presidente Kennedy, non si rendevano conto di cosa significasse la situazione per loro. Se attaccassimo Cuba e l’Unione Sovietica rispondesse attaccando la Turchia, tutta la NATO ne verrebbe coinvolta. Immediatamente il presidente dovette decidere se usare le armi nucleari contro l’Unione Sovietica e, in tal caso, tutta l’umanità sarebbe stata minacciata”.

Per coloro che sostengono ancora che la Norvegia ha preservato la sua sovranità e che sono gli organi costituzionali norvegesi a decidere in ogni momento la nostra politica estera e di sicurezza, è anche rivelatore leggere: "I paesi della NATO sostengono gli Stati Uniti, ma se questi paesi fossero in realtà pienamente consapevoli dei pericoli che li minacciano? Queste decisioni ora per ora potrebbero necessariamente essere prese solo dal Presidente degli Stati Uniti, ma potrebbero significare la fine di governi e nazioni altrove”.

La gioia che il presidente Kennedy – in primo luogo – non abbia seguito le richieste immediate dei falchi militari per una guerra su vasta scala contro Cuba, è diminuita se si considera chi è oggi a sedere a Washington e prendere decisioni per la Norvegia. Il presidente Nixon ha affermato nella sua campagna elettorale che i militari dovrebbero avere maggiore influenza sulle decisioni presidenziali. Cosa accadrebbe se la guerra degli Stati Uniti nel Terzo Mondo portasse ancora una volta a grandi scontri di potere?

In questo modo, la leggenda eroica, il romanzo poliziesco e il testamento politico di Robert F. Kennedy possono essere letti anche come un manuale per argomentare contro la NATO.


Vedi anche la serie poliziotto
Kennedy per il presidente andando
su Netflix ora.

toreorientering@nytid.no
toreorientering@nytid.no
Eriksen ha scritto per il predecessore di Ny Tid Orientering.

Potrebbe piacerti anche