Teatro della crudeltà

Escursioni nel "moderno"





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'Oslo Jazz Festival è ancora quello che copre meglio tutti gli stili jazz, ma quest'anno il festival ha fatto un salto nel mondo del rap e del funk incorporando il palco Youth Against Drugs allo Stortorget. Un quarto del programma del festival si è svolto lì.

Così, il festival di Oslo compete con quello che era il festival jazz di Molde, quando è stato criticato per aver navigato sotto falsa bandiera con il suo terzo di "unjazz". Non mi infastidisce che le persone rappino su Stortorget per una buona causa, ma quando viene presentato come parte di un festival jazz, può creare confusione concettuale per la gente comune. Inoltre, questo non mi disturba in un festival dove c'è ancora più buon jazz da ascoltare di quanto una semplice anima possa superare.

Nel reportage del festival di due anni fa, ho cercato di distinguere tra il prevedibile e l'imprevedibile – e naturalmente avevo cercato quest'ultimo. L'anno scorso ho diviso il festival in "riconoscibile" e "in cerca" – cercando entrambi i generi perché entrambi hanno un valore. Quest'anno mi sono semplicemente concentrato su quello che ancora viene chiamato "modern jazz", ovvero la musica con modelli di riferimento nel bop, nel cool e nella rivoluzione degli anni '60; contiene tutto, il prevedibile, l'imprevedibile, il riconoscibile e il ricercatore.

A ciascuno il suo posto

Come altri festival, Oslo ha per lo più luoghi separati per ogni tipo di musica. Ho menzionato Stortorget con il rap e il rock. Il vecchio palco principale del festival, Stortorvets Gjæstgiveri, è dedicato al jazz antico, mentre Blå, Herr Nilsen e Scene West Victoria sono i palcoscenici più importanti per il jazz moderno. Pertanto, questi tre sono diventati i più visitati. Ciò non mi ha impedito di fermarmi in altri dieci locali durante la frenetica passeggiata di questa settimana sulla strada sonora della capitale.

Tutti e tre i palcoscenici principali del jazz moderno sono accolti da un pubblico interessato e in ascolto. A Victoria, Solveig Slettahjell è riuscita a ottenere un meritato ascolto per il suo canto non sofisticato davanti al suo minimalista "quintetto lento". Poca pressione anche nell'incontro tra Carsten Dahl, Lars Danielsson e Cæcilie Norby. Quest'ultimo, tuttavia, non è del tutto esente dalla sua dizione danese-inglese. Il concerto con gli anniversari Einar Iversen (75), Tore Jensen, Bjørn Pedersen e Totti Bergh (70) ha dimostrato che l'età non è un ostacolo per una musica significativa, anzi il contrario. Il trombettista tradjazz Tore Jensen era chiaramente emozionato dall'incontro con un bop comp, ma quel mix di stili non era affatto un problema.

Il quintetto di Brødrene Nymo, di età compresa tra i 26 ei 30 anni, ha dato una forte dimostrazione di giovane jazz di strada. Il batterista Håkon Mjåset Johansen si è distinto con una miscela di morbidezza e intensità che è speciale. Nell'elegante incontro con Lee Konitz e un terzo del vecchio New Cool Quartet, l'arte dell'improvvisazione melodica si è mostrata ad un livello avanzato. La sera prima al Cosmopolite Konitz era un po' più goffo e dava un'impressione non del tutto edificante, che è stata quindi riparata l'ultima sera del festival.

Nilsen e Blu

Al Herr Nilsen si è aperto lunedì con un quartetto danese con Jesper Thilo in testa, un'età di circa 40 anni e con il maggiore Alex Riel come batterista incredibilmente vitale. Sabato, Dick Hyman ha dato una dimostrazione solista di oltre due ore di arte pianistica storica prima che il trio di Maria Kannegaard desse un concerto a tarda notte con i suoi caratteristici timbri serrati all'interno di una sezione limitata della tastiera; raramente si spostava al di sopra della scala a colpo singolo.

Nel frattempo, Nilsen era stato visitato dai gruppi contemporanei "Revolver" e "Dingobats", entrambi con il bassista Mats Eilertsen. Senza che io lo abbia contato attentamente, probabilmente è stato votato come uno dei frequentatori abituali più stimolanti del festival. Oltre ai due menzionati (martedì e mercoledì), martedì pomeriggio ha suonato con Solveig Slettahjell, venerdì con Lee Konitz, e all'inizio della settimana è stato il leader del progetto "Youth & Jazz 2005", che al Blue Saturday pomeriggio ha dimostrato cosa avevano imparato. I giovani hanno terminato con versioni gratuite di "Evidence" di Monk e "Haitian Fight Song" di Mingus, opere chiave del centro della storia del jazz.

Klubben Blå ha offerto ai gruppi giovanili all'aperto cinque pomeriggi ed è stato un bel punto d'incontro in riva al fiume. La mia grande esperienza serale è stata la band di dieci elementi di Peter Brötzmann con quattro sax, tromba, tuba, violoncello, basso e due percussionisti. Una scarica di energia!

Come già scritto: non c'è motivo di entrare nei dettagli in un settimanale tanto tempo dopo che i quotidiani hanno detto la loro. Naturalmente ingiusto nei confronti di tutto il resto del bel jazz che varrebbe la pena descrivere.

Potrebbe piacerti anche