Ordina qui l'edizione estiva

Il thriller elettorale

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Le elezioni generali di quest'anno non sono state come le altre elezioni generali.

Il thriller elettorale di lunedì sera è stato, in cifre, anche più drammatico di quanto testimonia il numero finale dei rappresentanti allo Stortingen.

Su base nazionale, il Partito del progresso e i partiti di governo borghese hanno effettivamente ottenuto circa 21.700 voti in più rispetto ai nuovi partiti di governo, il Partito Laburista, SV e il Partito di Centro. Tenendo presente che sono stati espressi più di 2,6 milioni di voti, ciò indica una preponderanza borghese di poco meno dell'otto per mille.

Il sistema elettorale in Norvegia è ormai tale che non tutti i voti contano allo stesso modo: i distretti hanno ricevuto più mandati nello Storting come compensazione, tra l'altro, della distanza fisica dal potere nell'area della capitale. Pertanto, la borghesia si è ritrovata con 82 politici Storting contro gli 87 rappresentanti dei rossoverdi.

Le elezioni generali norvegesi di quest'anno hanno quindi due parallelismi con le elezioni presidenziali americane del 2000: in primo luogo, quando si tratta di risultati elettorali estremamente uniformi tra la destra e la sinistra. E in secondo luogo, che il sistema elettorale significa che il potere del governo è determinato dal calcolo del mandato, non dal semplice numero di voti.

Ci sono molte ragioni per cui il sistema elettorale in Norvegia è così com'è. E altrettanti motivi per cui lo schema dovrebbe continuare. In un momento in cui lo sfollamento dalle aree rurali è un vero pericolo per il diritto di esistere di molte comunità locali, il problema è che le prospettive delle aree centrali non possono influenzare sia lo scambio di parole che la politica in questo Paese.

Inoltre la campagna elettorale in tutti gli anni è stata pensata proprio pensando a questo sistema elettorale. Lo ha sottolineato indirettamente lo stesso primo ministro uscente Kjell Magne Bondevik nella sua sintesi di martedì mattina, quando ha sottolineato che il predominio borghese nei voti puri "non è importante" nella valutazione del potere politico in Norvegia. Se non altro, l'accordo sul mandato garantisce che i politici si spostino fuori dai centri commerciali nella Norvegia orientale.

Il nuovo governo rossoverde ha dunque conquistato il suo potere politico proprio grazie al sostegno delle circoscrizioni. Sarebbe innaturale e contrario al mandato politico se questo governo non seguisse ottenendo risultati concreti nell'ambito dell'investimento distrettuale.

La storica nuova collaborazione di governo tra il Partito Laburista, il Partito Socialista della Sinistra e il Partito di Centro offre sia nuove sfide che nuove opportunità. Il tempo mostrerà come un partito di opposizione dedicato come SV può riuscire a diventare un partito di posizione con responsabilità e potere.

Anche per i media e Ny Tid, l'imminente triangolo governativo costituirà una situazione nuova. Orientering, Il predecessore di Ny Tid, dalla fine degli anni '1950 divenne l'aiutante alla nascita di quella che sarebbe diventata SF, poi SV.

Negli ultimi sette anni, tuttavia, Ny Tid è stato politicamente indipendente, come la maggior parte degli altri giornali norvegesi. La tradizione critica verrà mantenuta. Alcune cose non possono essere cambiate dai thriller elettorali.

DH

Potrebbe piacerti anche