Teatro della crudeltà

Le elezioni in Svezia

- E LEZIONI DI NORVEGESE DA ESSO




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In un periodo mutevole in cui in Norvegia sembra essere diventata una richiesta popolare quella di cambiare governo ogni quattro anni, è apparentemente facile comprendere il desiderio di cambiamento del popolo svedese dopo dodici anni. Tuttavia, la tradizione secondo cui le elezioni in Svezia significano solo la rielezione dei socialdemocratici in carica è profondamente radicata: il padre della patria Tage Erlander ha ottenuto il suo miglior risultato elettorale dopo 22 mandati come primo ministro, e in seguito gli elettori sono immediatamente tornati al potere. dei governi socialdemocratici monopartitici dopo aver fatto un’eccezione per le coalizioni borghesi nel 1976-81 e nel 1991-94. A parte le persistenti ricadute politiche del disastro dello tsunami, i socialdemocratici hanno ben difeso la loro posizione di amministratori nazionali sicuri, in un paese in cui tutti i governi di coalizione borghese del dopoguerra hanno avuto più che abbastanza autoamministrazione. L’egemonia dei socialdemocratici in Svezia ha costruito il più grande settore pubblico dell’Europa occidentale e preservato una significativa classe operaia industriale, che fa sì che quote più ampie della popolazione attiva siano sensibili al messaggio della sinistra rispetto a quanto avviene, ad esempio, in Norvegia. In aggiunta a ciò, un movimento sindacale ancora fedele al partito ha mantenuto una posizione forte e ha mantenuto una macchina elettorale superiore. E l’economia svedese è in costante miglioramento negli ultimi anni, aiutata da condizioni economiche favorevoli. Allora perché il partito al governo ha perso le elezioni con un minimo storico di consensi? Un'attenzione critica deve essere posta sull'uomo che prima ha dominato completamente la campagna elettorale dei socialdemocratici e poi si è assunto la piena responsabilità della loro sconfitta, il leader del partito e primo ministro Göran Persson.

La fine della leadership autoritaria?

La gestione centrale e la leadership autoritaria sono state tradizionalmente più forti presso i socialdemocratici svedesi, solo in parte come risultato del fatto che la società svedese a base nobiliare è rimasta molto più autoritaria di quella norvegese. Dal 1907, i socialdemocratici hanno avuto solo sei leader di partito, ed erano tutti uomini forti che rimasero anche primi ministri dominanti per diversi anni. Hjalmar Branting, Per Albin Hansson e Olof Palme rimasero da soli in cima al gruppo finché non crollarono morti. Tage Erlander e Ingvar Carlsson vissero più a lungo e ebbero la lungimiranza politica di dimettersi mentre erano ancora saldamente al vertice. Göran Persson è stato quindi il primo degli uomini forti del partito ad essere rovesciato dagli elettori dal vertice del partito domenica scorsa. Persson nel 2006 divenne, come Einar Gerhardsen nel 1965 e Trygve Bratteli nel 1973, in una certa misura il grande leader che non se ne sarebbe reso conto finché non fosse stato troppo tardi, quando il suo apice fosse finito. Tuttavia, dopo la notizia scioccante della morte del ministro degli Esteri Anna Lindh l'11 settembre 2003, Persson è rimasto re del partito senza successione. Forse se Lindh fosse sopravvissuta, la sinistra avrebbe mantenuto il potere di governo e la Svezia avrebbe avuto il suo primo primo ministro donna. Ma poiché la situazione si è svolta senza di lei, un lato della verità è stato anche che un Persson con una motivazione visibilmente ridotta ha difeso lealmente un partito sotto pressione e senza alternative migliori. Dal punto di vista dei socialdemocratici la situazione nella primavera del 2006 dovrebbe certamente avere molte pericolose somiglianze con la situazione in cui il conservatore Helmut Kohl perse le sue ultime elezioni in Germania nel 1998. Ma secondo Persson e le scuse del suo partito, la situazione non era del tutto diversa da quella avvenuta quando Tage Erlander e Ingvar Carlsson vinsero le ultime elezioni in Svezia. E nonostante l’adesione all’UE, i socialdemocratici svedesi continuano a cercare consigli nella storia del proprio partito piuttosto che nell’Europa contemporanea.

Resta da verificare se la caduta di Persson segnerà la fine del bastione maschile autoritario e controllato centralmente su cui sono rimasti i socialdemocratici in Svezia. Ma la maggior parte delle indicazioni sono che il partito ora sceglierà un nuovo tipo di leader, più attento al proprio partito e più orientato alla cooperazione verso la sinistra in generale. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che la crescente opposizione ai leader autoritari è diventata sempre più visibile anche in Svezia, in modo più drammatico attraverso il no della gente all’UEM. E ciò è inversamente proporzionale al fatto che Persson è apparso, per molti versi, più autoritario nel corso degli anni. Ma anche perché la Svezia politica oggi potrebbe apparire completamente diversa se Persson avesse seguito il classico consiglio di Franklin D. Roosevelt: “Guardate alla Norvegia”. Dopo il no di Persson al tentativo del Partito dei Verdi di creare un’alternativa maggioritaria a sinistra, le elezioni del 2006 in Svezia si sono rivelate una versione invertita delle elezioni del 2005 in Norvegia: i borghesi hanno ottenuto una vittoria di misura con meno del 50% dei voti. in gran parte perché solo loro avevano un’opzione di maggioranza credibile.

L’inizio di un cambiamento di sistema?

Lo stratega più dinamico Fredrik Reinfeldt aveva fatto tesoro della lezione delle elezioni norvegesi del 2005, ma soprattutto di quelle delle elezioni svedesi del 2002. Fu allora che il suo partito, i moderati, subì una schiacciante sconfitta, con un'inconfondibile politica di destra che ha risposto a quasi tutte le domande con "agevolazioni fiscali". Al contrario, nel 2006 la destra svedese è stata il partito che ha fatto più sacrifici politici e ha conquistato più elettori per l'alleanza di cooperazione. Se Reinfeldt sia a conoscenza delle lezioni storiche del grande stratega del Partito conservatore norvegese John Lyng è probabilmente molto più incerto: i 28 giorni di Lyng come primo ministro sono terminati due anni prima della nascita di Reinfeldt, e nemmeno a destra in Svezia esiste una forte tradizione trarre lezioni dalla storia di altri paesi. Nonostante la distanza temporale, tuttavia, ci sono molti paralleli istruttivi tra la situazione dopo le vittorie elettorali borghesi in Norvegia nel 1965 e in Svezia nel 2006. È vero che Lyng non è mai stato un leader del partito, e all’epoca non divenne primo ministro. nel 1965. Ma, come Reinfeldt, apparve come rappresentante di un nuovo partito conservatore azzurro, e come Reinfeldt divenne la forza trainante più importante dietro il raduno della borghesia. I leader conservatori in Norvegia molto prima di Lyng avevano affermato di essere in linea di principio favorevoli a un incontro civico, ma Lyng è stato il primo a coglierne le conseguenze pratiche spostando la politica del partito verso il centro. In questo Reinfeldt, consciamente o inconsciamente, seguì le vecchie orme di Lyng come primo leader svedese della destra. E così gli sembrò che anche a lui conducessero fino alla tavola del re.

Il più carismatico Carl Bildt, di cui Reinfeldt sarebbe poi diventato un forte critico, nel 1991 divenne il primo primo ministro della destra svedese nel dopoguerra. Ma la presa del potere nel 1991, a differenza di quella del 2006, si è basata sulla forza personale del primo ministro e su un buon risultato elettorale del suo partito, e non sulla costruzione di una più ampia alleanza borghese. I giorni di Bildt al potere sono finiti, a titolo esemplificativo, dopo soli tre anni, anche se il suo stesso partito ha difeso il suo sostegno, perché i partner della coalizione hanno pagato il prezzo per questo e altro ancora. In questo modo il nome del partito Moderata samlingpartiet, che ha quasi 40 anni, copre la realtà oggi più di quanto lo fosse mai stato sotto Bildt o altri ex leader del partito.

Che cosa si può dire del trampolino di lancio per il mandato di Reinfeldt sui suoi presupposti per poter governare più a lungo e influenzare lo sviluppo sociale più di quanto abbia fatto Bildt? Le condizioni sono ovviamente molto migliori quando i borghesi con un menu comune già pronto possono ora sedersi finanziariamente a un tavolo apparecchiato, senza temere i violenti litigi su questioni di cuore che hanno paralizzato i precedenti governi borghesi. Il partito di centro, che tradizionalmente è stato l'anello debole della cooperazione borghese in Svezia, dopo la brusca svolta a destra del leader del partito Maud Olofsson appare ora come un quarto muro su cui il governo può tranquillamente appoggiarsi. In parte a seguito del cambiamento di rotta del partito di centro, la questione dell'energia nucleare ha perso la sua esplosività politica nella politica svedese. E con quattro partiti favorevoli all’UE, sembra esserci un disaccordo significativo sulla politica estera solo in materia di aiuti, il che dovrebbe significare troppo poco perché i moderati possano rischiare il potere del governo su proposte di tagli drastici.

Da questo punto di vista, il cielo sopra il nuovo governo borghese può sembrare azzurro e senza nuvole. Una nuova tempesta civile, tuttavia, non deve essere lontana. Il problema più grande di Reinfeldt come primo ministro potrebbe, paradossalmente, essere il suo successo come leader del partito. Perché come John Lyng, Reinfeldt deve ora, dopo quattro anni di lavoro politico, mantenere l'equilibrio tra le richieste di un'impaziente ala destra nel suo stesso partito e le necessarie concessioni ai partner della coalizione. Qualcosa che diventa particolarmente impegnativo dopo che il solo partito di destra è diventato più grande di tre partiti centristi, che collettivamente sono arretrati in modo significativo. A differenza del Partito conservatore norvegese, i moderati sono il partito più a destra all’interno dell’assemblea nazionale, si tratta quindi di un gruppo ampio e complesso che dalla sua ala destra spingerà per maggiori riduzioni fiscali e maggiori tagli ai regimi di welfare socialdemocratici. . Finora tutti i partiti borghesi sono lieti di aver conquistato molte nuove posizioni e di aver aumentato notevolmente l’influenza sulla loro politica, senza che nessuno di loro debba pagare troppo caro per questo. Il pericolo di questo cambiamento sembra maggiore all'interno del Partito popolare liberale, che dopo le elezioni si è ritrovato senza segretario del partito e con un gruppo parlamentare quasi dimezzato, oltre ad un leader del partito molto indebolito. Se ulteriori fughe di elettori spingessero il partito gemello della sinistra svedese ulteriormente verso il limite della barriera, il vecchio scetticismo sulla cooperazione del governo con un grande partito di destra potrebbe rapidamente riaffiorare in superficie. Questo pericolo vale anche per i cristiano-democratici, che nella loro prima elezione senza il patriarca del partito Alf Svensson hanno perso più di un quarto dei loro consensi, diventando di nuovo il fratello più giovane della parte borghese. All'interno di questo partito di lotta culturale gli oppositori di principio più importanti del neoliberismo dei moderati si trovano anche nella politica sull'alcol. E proprio come c’è un’ala destra all’interno del Partito di Centro norvegese che è ancora tacitamente scettica riguardo alla cooperazione governativa in corso, c’è un’opposizione latente di sinistra all’interno del Partito di Centro svedese che seguirà sia la leadership del proprio partito che il resto del partito. la coalizione di governo con occhi discutibili. Per la cooperazione civica, il 2006 è stato un anno di giubilo senza precedenti nella storia svedese, e l’atmosfera di festa prevale ancora in tutti i nuovi partiti di governo. Sarà emozionante vedere come sarà possibile preservare l’unità all’interno e tra i quattro partiti quando la vita di tutti i giorni avrà inizio e i conti dovranno essere pagati, al di là degli anni di lavoro politico del 2007, 2008 e 2009.

Sarà anche emozionante vedere chi, l'ancora giovane e finora un po' camaleontico Reinfeldt, si rivelerà ben avanzato nella più alta posizione di potere della Svezia. "Fredrik Reinfeldt – vem är det?", era per molti versi un titolo appropriato per uno dei primi libri sull'ormai entrante primo ministro. Una sua generazione molto più impaziente ed estrema attirò l’attenzione nazionale nel 1993 con un attacco frontale allo stato sociale, motivato ideologicamente. Questa generazione più ribelle di Reinfeldt è stata visibile anche in scorci sparsi durante la campagna elettorale di quest'anno, in modo più evidente quando ha parlato della rimozione del prestito gratuito di libri nelle biblioteche svedesi. Il suggerimento principale è che Reinfeldt al potere rimarrà il vero amico moderato del welfare state che sembrava essere nella campagna elettorale di quest'anno, ma forse più per considerazione del governo che per le sue stesse opinioni? Lo stesso John Lyng si trovava così a sinistra del Partito conservatore, se non addirittura a sinistra del Partito conservatore, che le concessioni ai partner della coalizione raramente lo preoccupavano. Potrebbe sembrare diverso per Reinfeldt. E le promesse ottimistiche fatte in campagna elettorale di creare decine di migliaia di nuovi posti di lavoro nel settore privato e allo stesso tempo di rafforzare la scuola e l’assistenza sanitaria, possono trasformarsi in boomerang politici, soprattutto se l’economia gira rapidamente.

Il fatto che John Lyng portò con sé la destra in una scivolata politica verso il centro aprì lo spazio per un nuovo partito di protesta di estrema destra, che nel 1973 finì quasi sull'altalena tra i blocchi dello Storting. Anche questa è una lezione che Reinfeldt fa bene a sottolineare. Perché all'ombra della vittoria dell'alleanza borghese, i democratici svedesi hanno ottenuto quasi il 3% di consensi. Oggi i partiti dell’alleanza a livello nazionale in Svezia possono mantenere gratuitamente il loro no di principio alla cooperazione con questo partito di protesta xenofobo e spesso di estrema destra. Ma cosa faranno se i neo-nazionalisti, rafforzati da diversi disertori della destra moderata, scavalcheranno la barriera del 4% e le elezioni di fine autunno 2010 si troveranno tra il fare affidamento sul sostegno dei Democratici svedesi e la consegna del governo? il potere ritorna ai socialdemocratici?

In breve, sarà molto emozionante vedere se Fredrik Reinfeldt riuscirà a fare ciò che John Lyng non è riuscito a fare: costruire un’alternativa duratura alla maggioranza borghese, che possa garantire che il cambio di governo di quest’anno diventi l’inizio di un cambiamento di sistema a lungo termine. Le condizioni sono indubbiamente buone, ma le sfide sono ancora molte.

INSEGNAMENTI NORVEGESI

Fin qui le elezioni in Svezia e quali lezioni può trarre Fredrik Reinfeldt dalla storia di John Lyng. Quali lezioni possono trarre i politici norvegesi di oggi dai risultati elettorali in Svezia? La reazione spontanea di Oslo è stata un comprensibile giubilo da parte del Partito conservatore. Il mal di testa nell'Høyres Hus nei giorni successivi era come riuscire a realizzare qualcosa di simile da soli. Il partito conservatore non può semplicemente seguire le orme di Reinfeldt verso il centro, altrimenti volterebbe le spalle al partito che in Svezia non esiste, ma che è chiaramente il più grande a destra in Norvegia. Ogni anno in cui la leadership del partito conservatore fa sulla cooperazione con il FrP, porta a violenti attacchi di tosse da parte dei gruppi centrali intraprendenti all'interno delle fila del proprio partito. E ogni piccolo passo che il Partito conservatore fa verso il FrP fa sì che i partiti centristi si ritirino con paura istintiva almeno altrettanto lontano. È chiaro che ci sono volute alcune ore dopo il giubilo di Høyre, prima che volti molto più seri della sinistra e della KrF ripetessero il loro fermo no a un raduno borghese così ampio che c'è spazio anche per FrP. Il contrasto con il successo di Reinfeldt nel riunire tutti i partiti borghesi è stridente anche quando i conservatori stanno ancora lottando per trovare un leader che possa riunire il proprio partito. E così il grande dilemma del partito conservatore e dei partiti centristi in Norvegia non è stato risolto dal risultato elettorale in Svezia, ma solo reso più visibile.

Paradossalmente, la direzione dei partiti AP e SV può, da parte sua, tirare un sospiro di sollievo per il risultato che è costato il potere ai partiti fratelli in Svezia. Per il governo Stoltenberg è abbastanza vero che il fatto di trovarsi in minoranza rispetto a due governi borghesi costituisce un evidente svantaggio della cooperazione scandinava. Ciò potrebbe avere conseguenze concrete, tra l'altro, in relazione alla proprietà della SAS a proprietà congiunta. Ma il totale fallimento del tentativo di Persson di continuare a guidare da solo in mezzo alla strada rende evidente il fatto che Stoltenberg, come macchinista della sinistra unita in Norvegia, abbia riconquistato il potere governativo. E questo soprattutto perché allo stesso tempo ha criticato il costante calo dell'affluenza alle urne del suo stesso partito. I critici interni all'AP, secondo la tradizione del partito, mantengono un basso profilo, ma possono essere trovati sia all'esterno dell'apparato del partito che all'interno della presidenza dello Storting. I critici interni, che possono ancora presumibilmente licenziare per un governo monopartitico, non hanno avuto le munizioni che avrebbero potuto avere se il partito gemello svedese avesse mantenuto tutti i posti nel governo. Anche per i critici governativi più accesi dell'ala sinistra dell'SV, il risultato elettorale è stato una doccia gelata. Il partito gemello svedese dell'SV, il Vänsterpartiet, si è presentato alle urne con un profilo indipendente e radicale di sinistra, avendo eletto a sua volta un comunista dichiarato alla guida del partito. E di fatto ha spaventato centinaia di migliaia di elettori: essendo un partito al 1998%, il Vänsterpartiet ha ora meno della metà del sostegno che ottenne con un programma meno impegnativo e più cooperativo nel XNUMX – e meno influenza di quasi ogni altro momento nel post. -periodo bellico. La pressione interna sul ministro delle Finanze e leader del partito Kristin Halvorsen non aumenta quindi ulteriormente, come sarebbe successo se il partito gemello svedese avesse ricevuto un maggiore afflusso dietro le sue nuove e più pulite bandiere rosse.

Il destino della leader del partito Vänster, Gudrun Schyman, precedentemente così popolare, alle elezioni in Svezia è stato un ulteriore avvertimento sui possibili costi di una scissione a sinistra. Il suo nuovo partito Feministiskt Initiativ, con lo 0,7% di consensi, non ha avuto alcuna possibilità di autorappresentarsi, ma ha ottenuto voti dai partiti di sinistra affermati che potrebbero costare loro mandati decisivi. Negli ultimi anni, il movimento del femminismo radicale è apparso molto più estremista in Svezia che in Norvegia, e la sua influenza sul governo Persson è stata, per estensione, controversa. Il fatto che le femministe svedesi abbiano comunque formato un proprio partito per protestare contro la presunta svalutazione delle questioni di uguaglianza da parte della sinistra ha dimostrato di spianare la strada a un governo borghese che sarà molto meno reattivo alle richieste del movimento femminista. È una lezione di cui devono tenere conto le femministe radicali e gli altri sottogruppi che potrebbero plausibilmente formare nuovi partiti separatisti di sinistra in Norvegia.

Una nuova richiesta da parte degli elettori deve ora essere accolta da tutti i partiti norvegesi e svedesi: la richiesta di governare governi di maggioranza. Dietro tutti gli anni di governi a maggioranza socialdemocratica, sia la Norvegia che la Svezia nel periodo 1945-85 furono caratterizzate da un persistente tiro alla fune tra due blocchi di dimensioni quasi uguali. I socialdemocratici hanno dominato in entrambi i paesi non tanto per lo schiacciante sostegno alle loro politiche, quanto perché sembravano essere l’alternativa maggioritaria più integrata e governante. Dopo 20 anni caratterizzati da governi di minoranza deboli, gli elettori di entrambi i paesi sembrano ora tornare a tutta velocità verso il sistema a due blocchi – in una nuova versione in cui il partito di centro in Norvegia fa parte del blocco rosso-verde che il suo gemello partito in Svezia sta combattendo. In questa situazione, per l’opposizione si tratterà di una dichiarazione di fallimento politico, se non riuscirà a mettere in campo un’alternativa di maggioranza realistica in tempo utile prima della prossima campagna elettorale. I persistenti problemi dei partiti borghesi nel raggiungere questo obiettivo sono attualmente la migliore carta del governo rosso-verde, nel grande gioco iniziato per il potere in Norvegia dopo il 2009.

Hans Olav Lahlum,

è uno storico con la storia politica scandinava come area speciale.

Potrebbe piacerti anche