Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Elezioni nello Zimbabwe

Nonostante le misure positive come un nuovo sistema di registrazione elettorale e osservatori elettorali stranieri, si dubita che un'elezione libera ed equa in Zimbabwe sia realistica.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

 

Quando Emmerson Mnangagwa è diventato presidente dopo il colpo di stato contro Mugabe nel novembre 2017, ha chiarito presto che non è un nuovo Mugabe e vuole scrivere la sua storia politica. Mnangagwa ha segnalato una grande disponibilità ad affrontare l'economia degli scacchi e ad aprire investimenti stranieri. Ha sottolineato in diverse occasioni che garantirà elezioni libere ed eque a luglio 2018. Le prossime elezioni saranno la cartina di tornasole per verificare se i diritti umani sono rispettati e non si verificano frodi elettorali.

Misure positive Vi è una forte pressione sullo Zimbabwe da parte di attori nazionali, regionali e internazionali affinché facciano elezioni libere ed eque. Il desiderio di Mnangagwa di legittimità e assistenza da parte di questi attori può fungere da motore per l'elezione democratica. Per la prima volta dal 2002, lo Zimbabwe apre la partecipazione agli osservatori elettorali dell'UE e degli Stati Uniti. La Norvegia e altri 61 paesi, tra cui l'Unione africana e la Comunità di sviluppo dell'Africa australe, sono invitati a inviare osservatori elettorali.

Durante le elezioni del 2013, è stato riferito che in alcuni ambienti il ​​doppio degli elettori è stato registrato come residente. Allo stesso tempo, è stato stimato che centinaia di migliaia di elettori – principalmente dall'opposizione – sono stati espulsi dai seggi elettorali a causa di errori di registrazione elettorale. Per evitare tali irregolarità nelle prossime elezioni, è stato lanciato un sistema di registrazione elettorale biometrica (BVR), che è ancora in fase di sviluppo. Se questo sarà un successo, richiederà un miglioramento e una vera democratizzazione nel processo elettorale.

- annuncio pubblicitario -

Ma ... Mnangagwa ricoprì diverse posizioni politiche di rilievo sotto Mugabe e appartiene allo stesso partito politico, Zanu-PF, ma un'altra ala. Mnangagwa ha forti legami con i militari e ha nominato un certo numero di vecchi membri della banda, alcuni dei quali ex picchi militari, al governo.

La Commissione elettorale (Commissione elettorale dello Zimbabwe) è un'organizzazione indipendente che è responsabile di assicurare che le elezioni si svolgano a tutti i livelli. Tuttavia, molti credono che la sua indipendenza da Zanu-PF sia solo sulla carta: è il presidente che nomina i membri della commissione.

La libertà di espressione e la stampa sono un prerequisito per garantire scelte libere ed eque. Le leggi repressive che incidono sulla libertà di espressione, il diritto di dimostrare e ostacolare molti giornalisti nel loro lavoro non sono stati abrogati o modificati dall'inaugurazione di Mnangagwa. I canali dei media statali sono ancora usati come strumento per promuovere la propaganda Zanu-PF. Reporter senza frontiere ha classificato lo Zimbabwe numero 128 su 180 paesi in libertà di stampa nel 2017, in parte a causa di leggi sui media oppressive e molestie nei confronti dei giornalisti.

La maggiore militarizzazione dello Stato dopo il colpo di stato contro Mugabe parla contro un'elezione democratica. È stato riferito che circa 5000 soldati sono stati dispiegati nei villaggi di tutto il paese per osservare le imminenti elezioni. È stato riferito che i soldati stanno minacciando la gente del posto di votare per Zanu-PF. I gruppi di opposizione hanno chiesto di fermare le elezioni libere per tutti dello Zimbabwe.

margrethes8@gmail.com
Makosir è membro del consiglio editoriale di Africa.no del Joint Council of Africa.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.