Teatro della crudeltà

Incivile nella faccenda dell'ambasciata





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Jan Borgen scrive Postazioni accese per creare il panico intorno all'ambasciata Usa su Drammensveien. La sua argomentazione può essere riassunta come segue: "Se Husebyskogen non viene riregolato immediatamente, molte persone moriranno". Chiede che la paura del terrorismo governi lo sviluppo urbano di Oslo. L'informazione pubblica è necessaria nello stato di emergenza di Borgen: non ci sono mai stati attacchi alle ambasciate americane in Europa. Al contrario, i trasporti pubblici di Londra e Madrid sono stati bombardati. Borgen richiederà anche la chiusura della metropolitana? Borgen informa male quando dice che il servizio di sicurezza della polizia raccomanda Huseby. PST non dice una sola parola su Huseby.

Richiede civiltà. Non sappiamo se e dove colpirà il terrorismo. L’imprevedibilità è la natura del terrore. Il panico è lo strumento del terrorismo. Il dialogo, la legalità e la prevedibilità sono la via della civiltà. La gestione del caso dell'ambasciata da parte del consiglio comunale è incivile. È caratterizzato da dettatura, illegalità, fretta e segretezza. Chiediamo una valutazione civile della richiesta di sviluppare 40 acri di spazio aperto a Oslo.

Processo non dovuto. Il processo relativo alla vendita del terreno è stato incivile e illegale. Siamo d'accordo con Akhtar Chaudrhy (SV) del Comitato per lo sviluppo urbano, che il 19 ottobre ha dichiarato a Ullern Avis: "Il processo presenta gravi lacune e non ha seguito le regole del gioco democratiche che altrimenti valutiamo così tanto". Secondo la corrispondenza riservata alla quale il governatore della contea ha dato accesso, il consiglio comunale ha dato il via libera alla costruzione a Husebyskogen dopo tre settimane. Hanno promesso la riregolamentazione statunitense prima della vendita. Borgen deve sapere che questo processo è stato tutt'altro che trasparente.

Nessuna prevedibilità politica. Anche il processo non è stato prevedibile. Se lo avesse fatto, il consiglio comunale avrebbe tenuto conto delle leggi norvegesi, delle decisioni politiche, dei propri dipartimenti municipali e della propria popolazione. Il consiglio comunale ha ignorato quasi 30 organi consultivi che dicono no allo sviluppo. Hanno ignorato il piano municipale di Oslo, il piano verde e venti risoluzioni municipali e nazionali sull'ambiente, lo sport, la natura e le attività all'aria aperta. Si sono erroneamente nascosti dietro la Convenzione di Vienna. La convenzione non conferisce alle ambasciate delle superpotenze il diritto di gestire lo sviluppo urbano nel paese ospitante, né di scegliere il territorio a piacimento. Inoltre non dice che una questione normativa per un'ambasciata debba essere trattata in modo privilegiato.

Nessun dialogo. Un processo civile si basava sul dialogo, non sulla dettatura, sulla scelta del sito. Il consiglio comunale ha solo ascoltato le dure richieste degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti si sono riservati il ​​diritto di respingere qualsiasi buona proposta. In questo modo hanno rafforzato la loro posizione negoziale. La tattica funziona quando l'avversario la accetta. Lo ha fatto il consiglio comunale. In altre città europee, le autorità locali hanno reiterato richieste e trovato soluzioni equilibrate. A Berna e Francoforte l’ambasciata e il consolato si trasferiscono ora in edifici già esistenti. Non c'era bisogno di spazi aperti.

Vita civilizzata. Borgen definisce il caso dell'ambasciata una scelta di valori. Ha ragione lui. Anche nell’era del terrore dobbiamo vivere una vita civile, come ha esortato Tony Blair dopo gli attentati di Londra. L’alternativa è che il terrore governi la nostra democrazia. E poiché siamo civili qui a Huseby, diamo un caloroso benvenuto agli Stati Uniti dall’altra parte della foresta di Huseby, nell’edificio ampiamente vuoto dove era abbastanza sicuro per l’Alto Comando delle Forze Armate. Benvenuti a Huseby USA, ma non nella zona libera.

Margrethe Geelmuyden, Action Protect Husebyskogen

Potrebbe piacerti anche