Teatro della crudeltà

La partita di Usa e Russia sulla Siria

Gli Stati Uniti hanno bombardato a lungo le basi dell'organizzazione terroristica ISIS in Siria, ma reagiscono con forza quando la Russia ha iniziato a fare lo stesso.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Gli americani affermano che i russi non stanno bombardando solo l'Isis, ma anche civili e gruppi ribelli moderati che hanno ricevuto addestramento dalla CIA. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, da parte sua, afferma che la Russia sta solo bombardando l'Isis, al-Nusra (che è la filiale di al-Qaeda in Siria) e "altri gruppi che l'Onu e la Russia hanno designato come gruppi terroristici". Il presidente siriano Bashar al-Assad, dal canto suo, ha invitato i curdi ei ribelli moderati a unire le forze con l'esercito siriano nella lotta contro l'Isis e al-Nusra.

Differenze tra ISIS e Nusra. Ny Tid ha chiesto alla ricercatrice mediorientale Cecilie Hellestveit se sarebbe possibile formare un'alleanza del genere contro l'Isis e al-Nusra. Hellestveit ritiene che sia al-Nusra che il regime debbano essere inclusi in una futura soluzione di pace.
"ISIS e Nusra sono diversi", afferma. "Mentre l'Isis ha un'ambizione regionale e nessun interesse per la Siria come Stato, il Fronte Nusra sta combattendo per rovesciare il regime di Damasco e per un nuovo regime islamico in Siria. Anche loro sono costituiti principalmente da siriani. Nusra e Isis non possono quindi essere trattati sullo stesso piano in questa materia", dice Hellestveit. "Escludere tutti i gruppi arabi musulmani sunniti con varie forme e gradi di ideologie radicalizzate, considero un colpo nell'aria se si vogliono cessate il fuoco e processi di pace".
Tuttavia, in un'intervista al quotidiano Al-Monitor del 2 ottobre, il leader curdo Salih Muslim afferma quanto segue: "Al-Nusra e Ahrar al-Sham non sono diversi dall'Isis. Sono organizzazioni terroristiche, tutte, e hanno la stessa mentalità estrema”. Muslim lamenta il sostegno della Russia al regime, ma afferma che è disposto a combattere al fianco di chiunque combatta l'Isis e che può accettare che Assad continui come presidente per un periodo di transizione. E aggiunge: "La Russia è il principale sostenitore del piano di pace dell'inviato Onu per la Siria Steffan de Mistura. Ma Qatar, Arabia Saudita e Turchia si oppongono al piano di pace. Se gli Stati Uniti vogliono lavorare per una soluzione, devono fare pressione su questi Stati”.
Il Qatar e l’Arabia Saudita sono i principali fornitori di armi ai ribelli in Siria dal 2012, mentre la Turchia ha permesso ai ribelli di stabilire basi nel paese e di attraversare liberamente il confine siriano-turco. Il regime, dal canto suo, ha ricevuto il sostegno militare della Russia, dell’Iran e della milizia sciita libanese Hezbollah.

Disaccordo sul sostegno della Russia al regime. Il primo ministro britannico David Cameron accusa la Russia di “sostenere il macellaio umano Assad”. È indubbiamente vero che, fin dall’inizio della ribellione, la Russia ha fornito sostegno militare alla Siria e ha posto il veto alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che aprivano la strada agli Stati Uniti per intervenire militarmente a fianco dei ribelli. Già in una conferenza stampa nel dicembre 2012, tuttavia, Vladimir Putin aveva affermato che la Russia “non è preoccupata per ciò che accadrà al regime di Assad”. Secondo Putin, la Russia era piuttosto preoccupata per quello che sarebbe successo dopo: "Siamo sostenitori di una soluzione che salverà il Paese e la regione dal crollo, da una guerra civile che non finirà mai".
Nell’aprile 2012 Haytham Manna, capo del Comitato di coordinamento non violento per il cambiamento democratico, ha visitato Mosca. Ha poi dichiarato ad Al Arabiya che il governo russo non mira a mantenere la dittatura in Siria: "Parlano della necessità di cambiamenti democratici, e questo è importante per noi". Ancora nell'agosto di quest'anno, Khaled Khoja della Coalizione nazionale sostenuta dall'Occidente aveva affermato che l'obiettivo principale della Russia non era preservare il regime, ma la struttura statale e l'integrità territoriale della Siria. Tuttavia, dopo i bombardamenti sulle zone controllate dai ribelli, Khoja afferma che la Russia è “intervenuta per sostenere il regime, per garantire che le uccisioni continuino”.
Cecilie Hellestveit, da parte sua, esprime la speranza che la maggiore presenza militare russa possa contribuire alla realizzazione di una soluzione di pace accettabile. "La presenza russa è l'unica cosa che può ridurre la pesante presenza iraniana, che è una delle cose che finora ha reso molto difficile per la Turchia e l'Arabia Saudita accettare qualsiasi soluzione in Siria", ritiene.

Il sostegno agli armamenti degli Stati Uniti fallì. Un rapporto recentemente declassificato dell’intelligence militare americana mostra che gli americani sapevano già nel 2012 che i salafiti, i Fratelli Musulmani e al-Qaeda erano “le forze principali dietro la rivolta in Siria”. Tuttavia, dal 2012, gli agenti della CIA hanno partecipato alla direzione delle spedizioni di armi dal Qatar e dall’Arabia Saudita alla Siria, e dal 2013 gli Stati Uniti hanno addestrato e fornito armi ai ribelli siriani. In un'intervista con The Telegraph l'anno scorso, il sacerdote siriano Elias Hanout ha implorato l'Occidente di "smettere di fornire armi ai terroristi". Il documento fa riferimento a quando la città di Ghassaniyeh cadde in mano alle forze ribelli nel 2012: un paio di settimane dopo che i ribelli laici avevano preso la città, i loro alleati islamici li seguirono. Hanno rapito ed espulso uomini cristiani, hanno distrutto la chiesa e ucciso il prete locale. Al-Nusra e altri gruppi ribelli islamici hanno commesso diversi massacri di minoranze religiose in Siria. Nel giugno 2013, i ribelli hanno ucciso 60 sciiti a Hatla, nel novembre 2013, 45 cristiani sono stati uccisi a Sadad, nell’agosto 2013, 190 alawiti sono stati uccisi a Latakia e nel giugno 2015, 20 drusi sono stati uccisi a Idlib.

In un'intervista dello scorso anno, il sacerdote siriano Elias Hanout ha chiesto all'Occidente di "smettere di fornire armi ai terroristi".

I tentativi degli Stati Uniti di creare gruppi ribelli laici non hanno avuto successo. Nell’ottobre 2014, la Hazzembrigade, finanziata dalla CIA, ha scelto di sciogliersi e di unirsi al Fronte del Levante, guidato dagli islamisti di Ahrar al-Sham. In diversi casi, quantità significative di armi americane sono state sequestrate da al-Nusra. Durante un’audizione al Congresso a settembre, il senatore repubblicano Jeff Sessions ha descritto lo sforzo americano di costruire un esercito ribelle moderato in Siria come “un fallimento totale”.

Trattative ricominciate? La Russia ha ufficialmente respinto le richieste degli Stati Uniti affinché Assad si dimettesse. Ma secondo l’ex presidente finlandese Martti Ahtisaari, l’ambasciatore russo all’ONU ha proposto nel febbraio 2012 un piano di pace che prevedeva tre cose:
1) Non dare armi all'opposizione. 2) Creare un dialogo tra il regime e l'opposizione. 3) Trovare un modo "elegante" affinché Assad si dimetta dopo l'inizio dei colloqui di pace.
Ahtisaari ha affermato che la proposta è stata respinta da Stati Uniti, Regno Unito e Francia "perché erano convinti che Assad sarebbe stato cacciato dagli uffici governativi nel giro di poche settimane", scrive The Guardian.
In un articolo del Carnegie Endowment del 2014, Robert Mood, ex capo delle forze di osservatori delle Nazioni Unite in Siria, scrive che la sua impressione e la sua esperienza in Siria è che la crisi avrebbe potuto essere risolta se la comunità internazionale avesse offerto al presidente e al suo governo un «progresso onorevole nell'estate del 2012». Scrive inoltre: “Quando i leader politici di Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno rilasciato dure dichiarazioni pubbliche condannando le azioni del presidente Bashar al-Assad, questi insulti pubblici hanno effettivamente chiuso le porte della diplomazia e del dialogo. Quindi la pressione straniera, le minacce implicite e la condanna verbale probabilmente hanno aumentato il livello di violenza, mentre Kofi Annan lavorava per creare una soluzione politica”.
Quando Ny Tid chiede a Cecilie Hellestveit se la guerra sarebbe stata così brutale e prolungata se i paesi esterni non avessero sostenuto i ribelli armati in Siria, e non avessero insistito sulle dimissioni del presidente Assad come prerequisito per una soluzione negoziata, la risposta è chiara e inequivocabile " NO". "È stato soprattutto il segnale inviato dagli esterni ai siriani che li avrebbero sostenuti fino alla fine che ha contribuito allo scoppio del bagno di sangue in Siria", dice Hellestveit. "I siriani si sono opposti a un regime brutale e militarizzato, e avrebbero potuto farlo solo se avessero creduto nel sostegno esterno. Glielo avevano promesso. E quel supporto non è mai arrivato”.
Il 17 agosto di quest'anno, la Sicurezza
per la prima volta il consiglio ha approvato all'unanimità una risoluzione a favore dell'istituzione di un governo di transizione con rappresentanti sia del regime che dell'opposizione. La risoluzione non conteneva richieste di dimissioni di Bashar al-Assad.


Storaker è membro del Comitato Internazionale di Rødt e collabora regolarmente con Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche