Esplosione di candeggina con detergenti in Vietnam

I piani statunitensi erano reali, ma il ministro della difesa non risponderà ancora


ORIENTAMENTO 6 SETTEMBRE 1969 Lunedì scorsa settimana, la rivista tedesca "Stern" potrebbe annunciare di aver ricevuto, tra l'altro, un piano americano segreto. La guerra dell'ABC in Europa. Indica in dettaglio come utilizzare armi nucleari, chimiche e biologiche nell'Europa occidentale e orientale. Secondo Arbeiderbladet, questo ha attirato una "notevole attenzione" sul continente.

E-mail: lars@nytid.com
Pubblicato: 2019-09-10

A casa, la presentazione dello stesso piano non ha certamente attirato alcuna attenzione significativa. Vale a dire, nel n. 25, il 28 giugno di quest'anno, pubblicato Orientering uno dei documenti del "COMSOTFE OPLAN n. 10-1" - o del piano operativo del n. 10-1 del comandante per "Task force di supporto alle operazioni Europa". Il piano, che consiste in un documento di quattro pagine con 29 pagine dell'allegato, delinea le linee guida per la "guerra non convenzionale", basate sull'uso di armi nucleari, armi chimiche e biologiche e tattiche di guerriglia.

Gli americani confermano

Un portavoce militare americano ha confermato a Stern che il piano è autentico. Anche la Norvegia rientra nel campo di applicazione del piano e solleva una serie di domande fondamentali sull'adesione della Norvegia alla NATO, sui diritti costituzionali delle autorità costituzionali norvegesi in tempo di guerra e sulle nostre politiche nucleari e di base.

Questo piano di "guerra non convenzionale" include anche l'uso
di armi biologiche e chimiche.

Come noto pubblicato Orientering nel suo numero di Natale del 1967 estratto di un altro piano americano top secret (USCIN CEUR OPLAN n. 100-1). In quel caso, erano le linee guida e le bozze per una regolare occupazione degli Stati membri della NATO negli Stati Uniti. E la Norvegia era in cima alla lista dei paesi in cui gli Stati Uniti avrebbero ritenuto necessario intervenire in caso di compromissione della subordinazione militare del nostro paese agli Stati Uniti.

Ma il ministro della difesa è ancora in silenzio

Questo piano è noto da un anno e mezzo, ma il ministro della Difesa Otto Grieg Tidemand non ha ancora commentato. La questione è stata sollevata nello Storting il 13 giugno 1968, in relazione all'annuncio della partecipazione della Norvegia alla NATO e quattro giorni dopo, il 17 giugno, in relazione alle Linee guida principali per l'organizzazione della difesa. Quindi Grieg Tidemand ha affermato che "con e con Mr. Gustavsen ha affrontato la questione nello Storting, nel caso in cui fosse ora possibile chiarirlo a livello responsabile ”.

Ma non sembra così. Dal 21 giugno dell'anno scorso, il Ministro della Difesa ha avuto ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?
Abbonamento NOK 195 / trimestre

Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)