Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Una società costruita sull'intelligenza artificiale

UTOPI O FUTURO: L'intelligenza artificiale e l'automazione sono un'ancora di salvezza o una minaccia per la società?

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Sono passati più di 500 anni da quando Sir Thomas Moore ha trovato l'ispirazione per il libro Utopia passeggiando per Anversa. A maggio ho persino viaggiato da Dubai alla città belga per tenere una lezione di intelligenza artificiale (AI) e non ho potuto fare a meno di tracciare il parallelo con Utopia- il personaggio di Raphael Hythloday, che nel XVI secolo intrattiene due inglesi con storie di un mondo migliore.

Dubai ha il primo ministro dell'intelligenza artificiale al mondo oltre a musei, accademie e fondazioni dedicate a studi futuri e hanno intrapreso il loro viaggio simile a Hythloday. Mentre i paesi europei sono generalmente diventati più ansiosi di come i progressi tecnologici possano minacciare posti di lavoro, gli Emirati Arabi Uniti hanno abbracciato con entusiasmo il potenziale di risparmio di lavoro inerente all'intelligenza e all'automazione artificiali.

Le culture arabe vedono il lavoro come qualcosa che fanno per vivere; non si vive
lavoro

Ci sono ragioni pratiche per questo. C'è uno squilibrio tra manodopera locale e importata negli stati del Golfo, con il lavoro locale che rappresenta il 67 percento in Arabia Saudita, ma solo l'11 percento negli Emirati Arabi Uniti. Poiché il paesaggio desertico della regione non è sostenibile per l'ulteriore crescita della popolazione, la possibilità di sostituire il lavoro umano con le macchine è molto interessante.

Ma c'è anche una differenza culturale più profonda. A differenza dell'Europa occidentale, dove la rivoluzione industriale e l '"etica del lavoro protestante" videro la sua luce, le culture arabe vedono il lavoro come qualcosa che fanno per vivere; non si vive per lavorare. Tali atteggiamenti non sono particolarmente compatibili con i sistemi economici che richiedono sempre più produttività dai lavoratori, ma si adattano bene a un'era di intelligenza artificiale e automazione.

Contratto sociale

- annuncio pubblicitario -

Nell'occidente industrializzato, la tecnologia minaccia il contratto sociale che ha fatto affidamento sui tre pilastri di capitale, lavoro e stato. Per secoli il capitale ha consentito investimenti in macchinari; i lavoratori hanno gestito le macchine e fabbricato beni e servizi, e lo stato ha incassato le tasse e ridistribuito le risorse secondo necessità. Ma questa divisione del lavoro ha creato una società più complicata rispetto ai paesi arabi e alle economie non industrializzate.

Gli stati arabi hanno nazionalizzato le risorse naturali, acquisito la grande industria, condotto scambi internazionali e distribuito i profitti alla società. Fino a poco tempo fa, la crescita della popolazione e la riduzione del reddito derivante dalle risorse naturali costituivano una minaccia per il contratto sociale. Ma con la tecnologia in grado di produrre e distribuire i beni e i servizi richiesti da una società orientata al tempo libero, il contratto sociale può effettivamente essere migliorato.

In Occidente, la rivoluzione tecnologica ha apparentemente aumentato le differenze sociali tra quelli con capitale e il resto della popolazione. Sebbene la produttività sia aumentata, la quota di guadagno dei lavoratori è diminuita. Oltre ai proprietari di capitali, una classe di ricchi eredi orientata al tempo libero e altre ricchezze hanno assicurato una parte significativa dei profitti generati attraverso la tecnologia di miglioramento della produttività. I grandi perdenti sono quelli con basso reddito e bassa istruzione.

Tuttavia, è a breve termine per evidenziare l'effetto che la tecnologia (e l'IA) ha sulla relazione tra capitale e lavoro. Dopotutto, il populismo è aumentato in molti paesi occidentali, in un momento di disoccupazione storicamente bassa. L'insoddisfazione di oggi è un'espressione del desiderio di una migliore qualità della vita, non di più lavoro. Il giallo ovest della Francia inizialmente si oppose a una politica che aumentasse la spesa; Gli inglesi che hanno votato per lasciare l'UE speravano che i soldi spesi nell'Unione sarebbero stati ridistribuiti nel loro paese d'origine. Gran parte della retorica sull'antiglobalizzazione e la resistenza all'immigrazione è dovuta ai timori di criminalità, ai cambiamenti culturali e alle questioni relative alla qualità della vita, non ai posti di lavoro.

Il problema è che nel contratto sociale occidentale, un desiderio di più tempo libero sarà impossibile da soddisfare. Gli elettori vogliono redditi più alti e orari di lavoro più brevi e si aspettano che lo stato riceva abbastanza denaro fiscale per fornire pensioni, istruzione e sanità. Non c'è da meravigliarsi che la politica occidentale sia caduta in un vicolo cieco.

Stato più grande

L'intelligenza artificiale e l'innovazione guidata dal computer possono essere una via d'uscita dal vicolo cieco. In quella che può essere vista come una sorta di utopia dell'intelligenza artificiale, paradossalmente uno stato più grande sarà compatibile con un budget inferiore, poiché il governo avrà gli strumenti e i mezzi per aumentare l'offerta di servizi e beni pubblici a costi molto bassi.

L'ostacolo maggiore sarà culturale: già nel 1948 il filosofo tedesco Joseph Pieper aveva messo in guardia contro la "proletarizzazione" delle persone e pensava che il tempo libero dovesse essere il fondamento della cultura. I lavoratori in Occidente devono scartare la loro ossessione per l'etica del lavoro e il loro profondo risentimento per i poveri. Devono iniziare a distinguere tra lavoro necessario per vivere una vita dignitosa e lavoro orientato verso lo status e l'acquisizione di ricchezza.

In un'utopia dell'intelligenza artificiale, l'interferenza statale sarebbe la norma e l'eccezione della produzione di proprietà privata.

Con il giusto atteggiamento, tutte le società saranno in grado di scrivere un nuovo contratto sociale basato sull'intelligenza artificiale, in cui lo stato prende una quota maggiore dei profitti e li distribuisce ai cittadini. Le macchine di proprietà statale saranno in grado di produrre gran parte dei beni e dei servizi, dai medicinali agli alimenti, all'abbigliamento e all'alloggio, ai trasporti e alla ricerca.

Alcuni vedranno questo come un intervento statale nei meccanismi di mercato, altri si preoccuperanno se lo stato sarà in grado di soddisfare le richieste della gente per vari beni e servizi. Ma tali argomenti sono a breve termine. Il ritmo di sviluppo dell'intelligenza artificiale e dell'automazione, combinato con unità di produzione statali che operano ininterrottamente, forniranno insieme una capacità di approvvigionamento quasi illimitata. L'unico vincolo saranno le risorse naturali, ma questo vincolo guiderà gli sviluppi tecnologici in una direzione più sostenibile.

In un'utopia di intelligenza artificiale, l'interferenza statale sarà la norma e l'eccezione di produzione privata. Il settore privato fungerà da aiuto correttivo in caso di fallimento dello stato o della comunità, poiché lo stato deve intervenire in caso di fallimento del mercato.

Immagina Rising to the Future, fino al 2071 e l'anniversario degli Emirati Arabi Uniti: un futuro Raphael Hythloday da Dubai visita Anversa e afferma quanto segue: dove vivo, è lo stato che possiede e gestisce tutti i macchinari che producono i beni e i servizi più necessari . Permette alle persone di trascorrere il loro tempo in attività di svago, attività creative o spirituali. Qualsiasi preoccupazione per il lavoro e le tasse è qualcosa del passato. Puoi avere un mondo del genere.

©Project Syndicate, 2019
Traduzione di Iril Kolle

sami@nytid.com
Mahroum è direttore della strategia e della ricerca presso la Dubai Future Foundation e membro del Consiglio di Lisbona. Ha scritto il libro Black Swan Start-Ups: Understanding the Rise of Successful Technology in posti improbabili.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato