Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Un norvegese a Napoli

CORONA: Le piazze sono vuote e le pizzerie sono chiuse, ma i napoletani (sopra) sono vivi.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Mentre scrivo, ho Napoli stato chiuso per molte settimane. Il 10 marzo, le caffetterie, i ristoranti e i negozi hanno chiuso. I primi giorni, molti pensavano che fosse permesso fare una passeggiata, i giornali scrissero che era persino permesso fare jogging. Ma domenica 15 marzo, il primo ministro Giuseppe Conte ha ricevuto un messaggio bellicoso: "È vietato vivere in tutta la vita all'aperto in tutta Italia".

I treni hanno smesso di funzionare, non si poteva guidare fuori città. Nemmeno in città, del resto. Dovevi solo andare a fare la spesa per cibo e medicine o mandare in aria il cane. Sfogarsi era diventato definitivamente illegale. Ho anche perso la multa di 206 euro perché non avevo portato la nuova direttiva con me. Ma volevo che la polizia se ne andasse, non correre di nuovo a casa quando mi sono fermato al Lungomare, il lungomare di Napoli. Dopo alcuni giorni, sono diventato molto irrequieto per la totale mancanza di attività fisica – quando mi sono sdraiato una notte, il mio telefono ha mostrato che quel giorno avevo fatto solo 127 passi. Per un po 'ne cercavo uno cane. Si diceva che i proprietari di cani affittassero "Fufy" – il "Fido" locale – per 15 euro l'ora. Ma poi mi è stato permesso di accarezzare il cane entro un raggio di 500 metri da casa mia e il mio interesse per i cani è diminuito.

Margherita, in cima alle scale prima di essere presi dalla polizia. (Foto: Hansen)

"Un caso!"

Margherita (37) mi ha detto che la polizia non ha mai salito le scale, ha sempre guidato una moto o un'auto nei luoghi in cui controllava le persone. Ci sono oltre 200 bellissime scale pubbliche a Napoli. L'UNESCO ha persino messo le scale Pedamentina con i suoi 414 gradini, iniziati nel XV secolo, nella lista del patrimonio culturale mondiale. Abbiamo camminato insieme a Pedamentina alcune volte, ma dopo essere stati portati dalla polizia in cima alle scale e ho evitato di dover pagare i 1400 euro solo perché il poliziotto era stato a Lofoten con suo padre molti anni fa, i miei viaggi sono diventati sempre più brevi. Margherita aveva una borsa da viaggio con cibo e un indirizzo residenziale in fondo alle scale, quindi era fuori per una commissione legale. Tuttavia, la vecchia coppia che era stata in farmacia ha dovuto accettare la multa. Vivevano dalla parte opposta delle scale e si erano ingannati per prendere il sole prendendo una deviazione a casa. La settimana successiva, la multa è salita a un minimo di 206 euro e potrebbe raggiungere i 500 euro se venissi catturato per la terza volta. Ero già stato preso due volte.

La multa potrebbe raggiungere i 4000 euro.

- annuncio pubblicitario -

I viaggi diventarono sempre più brevi anche perché c'erano più persone che gridavano "A casa!" fino a noi mentre passavamo sotto le loro finestre. È stato un po 'provocatorio quel giorno una signora ben vestita su un'enorme terrazza sul tetto si fermò al sole e gridò "a casa" al mio amico che vive in un angusto appartamento al piano terra dove i raggi del sole non lasciano mai entrare – come tanti altri, di solito vive la vita per strada, fuori tra la gente. Ma in questo giorno, la ricca signora ricevette una cortese discussione sul perché fosse importante avere aria fresca e sole per un'ora ogni giorno per sua figlia di quattro anni e mezzo che aveva una rara malattia agli occhi. D'altra parte, ho avuto la sincera reazione di Margherita quando siamo scesi di nuovo al piano di sotto e la signora era fuori dalla vista: vaffanculo, afammocca, brutta stronza ... Un mix di italiano e napoletano che non è certamente adatto alla traduzione, ma che può tornare utile se un giorno mi arrabbio davvero con qualcuno.

Il mercato alimentare di Pignasecca

Nel quartiere di Montesanto, dove vive Margherita, si trova il famoso mercato alimentare Pignasecca. Qui, la vita va quasi come al solito durante la crisi della corona. Molte persone sono fuori. Era così affollato qui che dovevi fare una gomitata verso le bancarelle. Montesanto ospita poco più di 30 persone, distribuite su un chilometro quadrato. Tuttavia, la stragrande maggioranza ora riesce a mantenere un metro di distanza dagli altri quando sono fuori a fare shopping per necessità – indossando maschere e guanti usa e getta. E un po 'di spazio migliore è stato creato dal fatto che tutte le bancarelle con vestiti e souvenir sono sparite – non sono necessità.

Gli articoli necessari, invece, sono calamari e vongole, tonno e acciughe, pesce spada e scorfano, gamberoni e gusci di coltello che arrivano quotidianamente ai pescivendoli. Né la selezione e la qualità di Macelleria Lubrano – il negozio di alimentari – non hanno nulla da dire. Uno dei figli Lubrano, che ha prodotto un prodotto grasso Pignasecca per diverse generazioni, è quasi indignato quando compro più mozzarellas e ricotta di bufala di quanto pensi di poter mangiare in un giorno. "Siamo nuovi, freschi domani presto", dice. "Piuttosto fermati e compra più allora." Anche i limoni di Sorrento e i pomodorini delle fattorie alla periferia di Napoli arrivano ogni giorno a Pignasecca. Le ricariche di vino per le enoteques e le sigarette per i chioschi di tabacco sono meno frequenti, ma vendono anche le necessità e rimangono aperte mentre il resto d'Italia è chiuso.

Piccoli negozi nel quartiere

Il mercato alimentare Pignasecca è diventato noto in tutto Italia dopo che i giornali nazionali, con sede a Roma e Milano, iniziarono a criticare le autorità regionali di Napoli per non aver chiuso i mercati alimentari. Le fotografie di Pignasecca con folle di mercantili napoletani sono diventate il simbolo che la gente del sud non prendeva sul serio il coprifuoco; che loro – come al solito – hanno fatto come desideravano. Ha fatto infuriare i napoletani. Le parole che avevo imparato da Margherita mi sono tornate utili quando ho parlato con le persone al mercato questa settimana. "Qui gli italiani del nord hanno portato la corona a sud, a Napoli, nel tentativo di salvarsi, e poi ne danno la colpa a noi, noi che acquistiamo il nostro cibo su Pignasecca, che siamo i responsabili della diffusione dell'infezione" Non riesco a spezzare la palla! Cazzo! Vaffanculo! "

E hanno un punto: per le prime due settimane dopo l'epidemia di corona, è stato permesso di viaggiare in Italia senza essere messo in quarantena. Molti italiani si trasferirono dal nord nelle loro case vacanza o parenti nel sud e contribuirono notevolmente all'aumento delle infezioni a Napoli e nel resto del Mezzogiorno (Italia meridionale). Inoltre, non ci sono supermercati a Napoli come ce ne sono a Milano. Qui, le persone acquistano tutto ciò che mangiano, in piccoli negozi nel loro quartiere o nei mercati di cibo all'aperto. Nel mio quartiere di Forcella, c'era un enorme striscione con la scritta "Nord e sud – insieme per combattere la corona". Ora è andato.

Napoli

Il coprifuoco

"Ho paura", ha detto Cinzia, 47 anni. Abita al piano di sotto di me in Via Sant Augustin alla Zecca con una figlia del primo matrimonio e un figlio del secondo, un nipote, un fratello ed entrambi i genitori. Suo padre è stato trasportato a casa dall'ospedale in ambulanza il 10 marzo. Era così malato che era troppo pericoloso per lui restare in ospedale; il rischio di contrarre l'infezione corona era troppo grande. Così ora è accudito a casa da lei e sua madre.

Non sono rimasti turisti a Napoli.

Cinzia non ha visto nessuno tranne quelli con cui vive – e io – nelle ultime tre settimane. Lei osa – finora – visitare. Non ho molti amici a Napoli e sono per lo più solo. Pertanto, sono poco incline all'infezione. Ma per le prime due settimane, non ho indossato una benda o guanti usa e getta quando sono andato a fare shopping. Non le piaceva. Inoltre, sapeva che di tanto in tanto avrei rotto il coprifuoco e fatto una passeggiata. Tuttavia, osa visitarmi per un'ora ogni sera per sentirmi parlare italiano e correggermi.
Da parte mia, è lo psicologo più economico che abbia mai avuto. Soprattutto dopo la chiusura dell'Università dell'Orientale, dove ho lavorato e l'introduzione del coprifuoco, questa conversazione quotidiana è stata assolutamente necessaria per il mio benessere mentale. Le pago felicemente dieci euro per un'ora di chiamata. Ed è molto felice. Perché ho capito solo allora il 32enne ragazzo- l'aiutante – nel negozio di alimentari mi disse quanto guadagnava: tre euro l'ora per portare cibo a casa alla gente dalle otto del mattino alle sei del pomeriggio. Le case qui a Forcella hanno dai cinque ai sei piani e senza ascensore.

"Che cosa vivremo allora? E non ultimo, dov'è finita la vita? ”

Ma Cinzia è ansiosa. Sono passate quasi due settimane da quando il quotidiano locale Il Mattino l'ha scritto ospedali i Campagnia, la regione in cui ha sede a Napoli, erano completamente piene. Tuttavia, ha molta paura che questo non finisca. In primo luogo, le autorità hanno annunciato che il coprifuoco e la chiusura di ristoranti, bar e negozi sarebbero durati fino al 3 aprile. Ora l'ultimo messaggio deve durare fino al 3 maggio. Ma lei non ha fiducia in esso. Non ne ha molti altri, davvero. "Durerà molto più a lungo", dice. "Che cosa vivremo allora? E non ultimo, dov'è finita la vita? ” Si è guadagnata da vivere facendo turni notturni come aiuto extra in un ospedale vicino, ma non osa più farlo per paura di infettare il padre malato. Ha sprecato le sue entrate pulendo gli appartamenti Airbnb nel quartiere. Ora non ci sono più turisti a Napoli e quindi nessun reddito. "Ma spero che andrà bene ..." dice con un po 'di incertezza nella sua voce.

Napoli

I napoletani hanno vissuto con pericoli intorno a loro per generazioni. Il Vesuvio ebbe la sua ultima grande eruzione nel 1944. L'ultimo focolaio di colera in città ebbe luogo nel 1973. Nel 1980, la città fu colpita da un terremoto che uccise quasi 3000 persone. Né dovrebbe covid-19 spaccare Napoli. Solo mentre ho scritto questo articolo (14.4 aprile), il numero di malattie coronariche e decessi a Napoli è aumentato rispettivamente a 813 e 41, ma Andrà tutto bene! Andrà bene!

Hansen è attualmente in ricerca presso l'Università L'Orientale di Napoli.

Kjetil Fred Hansen
Hansen è un professore di scienze sociali presso l'UiS e un revisore regolare presso Ny Tid.

1 commento

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato