Un norvegese a Napoli


KORONA: La piazza è vuota e le pizzerie sono chiuse, ma il napoletano (sopra) vive.

Hansen è professore di studi sociali presso UiS e revisore periodico in TEMPI MODERNI.
E-mail: ketil.f.hansen@uis.no
Pubblicato: 2020-04-16

Mentre scrivo, ho Napoli stato chiuso per molte settimane. Il 10 marzo, le caffetterie, i ristoranti e i negozi hanno chiuso. I primi giorni, molti pensavano che fosse permesso fare una passeggiata, i giornali scrissero che era persino permesso fare jogging. Ma domenica 15 marzo, il primo ministro Giuseppe Conte ha ricevuto un messaggio bellicoso: "È vietato vivere in tutta la vita all'aperto in tutta Italia".

I treni hanno smesso di funzionare, non si poteva guidare fuori città. Nemmeno in città, del resto. Dovevi solo andare a fare la spesa per cibo e medicine o mandare in aria il cane. Sfogarsi era diventato definitivamente illegale. Ho anche perso la multa di 206 euro perché non avevo portato la nuova direttiva con me. Ma volevo che la polizia se ne andasse, non correre di nuovo a casa quando mi sono fermato al Lungomare, il lungomare di Napoli. Dopo alcuni giorni, sono diventato molto irrequieto per la totale mancanza di attività fisica - quando mi sono sdraiato una notte, il mio telefono ha mostrato che quel giorno avevo fatto solo 127 passi. Per un po 'ne cercavo uno cane. Si diceva che i proprietari di cani affittassero "Fufy" - il "Fido" locale - per 15 euro l'ora. Ma poi mi è stato permesso di accarezzare il cane entro un raggio di 500 metri da casa mia e il mio interesse per i cani è diminuito.

Margherita, in cima alle scale prima di essere presi dalla polizia. (Foto: Hansen)

"Un caso!"

Margherita (37) mi ha detto che la polizia non ha mai salito le scale, ha sempre guidato una moto o un'auto nei luoghi in cui controllava le persone. Ci sono oltre 200 bellissime scale pubbliche a Napoli. L'UNESCO ha persino messo le scale Pedamentina con i suoi 414 gradini, iniziati nel 1400, nella lista dei siti del patrimonio mondiale. Siamo andati insieme a Pedamentina alcune volte, ma dopo che siamo stati portati dalla polizia in cima alle scale e ho evitato di dover pagare i 206 euro solo perché il poliziotto era stato a Lofoten con suo padre molti anni fa, i miei viaggi sono diventati sempre più brevi. Margherita aveva un bagaglio a mano di cibo e aveva un luogo di residenza in fondo alle scale, quindi era fuori per affari legali. Tuttavia, la vecchia coppia di sposi che era stata in farmacia ha dovuto accettare la multa. ...


Caro lettore. Ora hai letto i 3 articoli gratuiti del mese. Quindi neanche accedi se hai un abbonamento o supportaci abbonandoti Abbonamento per libero accesso?

Abbonamento NOK 195 / trimestre