Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Un internazionalismo che non dovrebbe essere nazionalista

POPULISMO: Antonio Gramsci avrebbe unito autonomia e internazionalismo. MODERN TIMES parla con il filosofo Diego Fusaro in relazione a una nuova uscita norvegese.
>
(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Diego Fusaro è professore di filosofia all'istituto di ricerca IASSP di Milano. È uno dei maggiori esperti di Gramsci nel suo paese d'origine e ha pubblicato numerosi libri e articoli su Antonio Gramsci. Come filosofo, egli stesso considera Gramsci tra le sue più importanti fonti di ispirazione, insieme a Hegel, Marx e Giovanni Gentile. Fusaro partecipa attivamente al dibattito sociale in Italia e si è affermato come critico di sistema particolarmente critico nei confronti del capitalismo globalizzato.

Gramsci criticava il capitalismo anglo-americano, ma allo stesso tempo non era privo di ammirazione per la modernità che esisteva negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Come spiegare questo atteggiamento apparentemente ambivalente nei confronti del mondo capitalista?

Diego Fusaro

- Gramsci vedeva il capitalismo come qualcosa di negativo, ma allo stesso tempo anche come qualcosa di positivo, in modo dialettico. Così è stato con Marx. Il capitalismo ha portato con sé sfruttamento, sofferenza e barbarie, ma anche sviluppo tecnologico, progressi nella produzione e molto altro ancora. C'è una dualità qui che troviamo anche in "Prison Records", dove Gramsci ha scritto molto sull'americanismo e sul "fordismo". Da un lato, Gramsci vedeva tutti i problemi del "fordismo", ma vedeva anche che in un certo senso si avvicinava al socialismo. Questa è la classica ambiguità marxista quando si parla di capitalismo e modernità, dove il positivo è che il potere umano e il potere della tecnologia sono liberati. Detto questo, vorrei anche dire che Gramsci aveva più rispetto per l'agricoltura in Italia rispetto agli altri marxisti. Questo è qualcosa che esiste in Gramsci e che non ho visto allo stesso modo in nessun altro marxista. Gramsci credeva che fosse importante dare valore alla vita semplice. Ha criticato gli intellettuali perché non avevano contatti con la gente, e questo è un tema di attualità anche nel nostro tempo. Secondo Gramsci, dovrebbe esserci uno stretto rapporto tra gli intellettuali e la gente, e ha scritto che era un problema che gli intellettuali sentissero di essere più vicini ad Aristotele dei contadini calabresi.

- Cosa avrebbe detto Gramsci sull'attuale situazione politica in Europa?

- annuncio pubblicitario -

- Avrebbe detto che oggi ci sono due alternative, entrambe in realtà fittizie. Da una parte abbiamo il liberalismo cosmopolita, dall'altra abbiamo il nazionalismo alla Le Pen o Salvini. Gramsci voleva un internazionalismo che non fosse nazionalista, ma né cosmopolita né liberale. Voleva unire autonomia e internazionalismo, cioè populismo e cooperazione tra Stati democratici. Avrebbe scelto una terza opzione, e non una delle due tra cui dobbiamo scegliere oggi. Certamente avrebbe rotto con l'UE, non per tornare a Stati-nazione che sono in guerra tra loro, ma per aprire una comunità di Stati socialisti in stretta collaborazione tra loro.

Gramsci è stato il più importante intellettuale in Italia nel XX secolo

- Cosa c'entra il populismo oggi con le idee di Gramsci?

- Gramsci era sinceramente preoccupato per le persone, e in "Prison Records" le persone erano un argomento su cui continuava a tornare. Il nazional-popolare era un concetto centrale per lui e scriveva, tra le altre cose, sulla letteratura popolare. L'obiettivo era far sì che le persone recitassero il ruolo principale nella storia e uscissero dalla passività a cui erano sempre state condannate. In questo modo possiamo dire che era un populista, un populista comunista, potremmo dire.

- Dovremmo avere paura del cosiddetto populismo oggi?

- Il populismo oggi è prima di tutto una richiesta da parte del popolo di entrare nella scena politica. Si tratta dell'insoddisfazione degli strati sociali più bassi di fronte al capitalismo globalizzato. Cioè, il populismo in sé non è né positivo né negativo, perché è un sentimento, e quindi può anche assumere forme molto diverse. Può andare in una direzione democratica o comunista, come avrebbe voluto Gramsci, ma può anche andare nella direzione in cui è andato il nazismo tedesco, e quindi è ovviamente negativo. È importante interpretare il populismo e valutare se è democratico. Tendo a dire che lo stato nazionale può essere democratico, ma l'economia senza politica non può mai essere democratica. Pertanto, l'elemento populista è fondamentale per abbattere il cosmopolitismo liberale, che è il principale nemico del popolo oggi.

- Quando si parla di politica italiana oggi, è corretto dire che la Lega di Matteo Salvini è un partito populista?

- Sì, è un partito populista nel senso che interpreta l'insoddisfazione delle classi oppresse dal sistema globalizzato. I partiti tradizionali di sinistra in Italia sono completamente sordi quando si parla di populismo. Quando sentono parole come populismo o autonomia, iniziano immediatamente a gridare fascismo. Gramsci non aveva mai reagito in quel modo. Non avrebbe mai bollato il popolo come fascista se il popolo avesse voluto un maggior grado di autonomia nazionale. Quanto alla Lega, hanno capito che queste tendenze esistono nella gente, e sanno sfruttare la situazione a proprio vantaggio. Ma il loro programma politico non è socialista, e la cosa peggiore della Lega per come la vedo io è la loro politica estera. Il partito si è completamente subordinato agli Stati Uniti.

I partiti tradizionali di sinistra in Italia sono completamente sordi quando si parla di populismo.

- Qual è la cosa più importante che possiamo imparare da Antonio Gramsci oggi?

- La critica generale del capitalismo, l'importanza di ancorare la politica al nazional-popolare, l'apprezzamento della cultura e l'importanza di capire che la rivoluzione non viene da sola, ma che il cambiamento è qualcosa che deve essere organizzato attraverso la politica e la cultura. Importante è anche la reazione al fatalismo meccanico, così come la politica non economica, cioè l'importanza di guardare alla politica come a qualcosa che non dovrebbe essere sempre subordinato all'economia. Infine includerò la metafisica basata sul significato dell'azione, metafisica che associo all'attualismo di Giovanni Gentile. Secondo me Gentile è stato il filosofo più importante in Italia nel XX secolo, mentre Gramsci è stato l'intellettuale più importante.


Vedi il libro Antonio Gramsci. Testi selezionati 1916-1926 nella serie Gli scritti impopolari di Cappelen, uscito ad agosto. Lima ha anche selezionato i testi, tradotto e avviato il libro.

Geir Lima
Geir Lima è scrittrice e traduttrice.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Come l'effetto si è diffuso nel resto del mondo, gli autori, l'australiano Clive Hamilton e la tedesca Mareike Ohlberg, fanno luce nel libro.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
La forza mimetica / Padronanza della non padronanza nell'era della fusione (di Michael Taussig)Imitare un altro è anche un modo per ottenere potere sulla persona ritratta. E quante volte vediamo un'imitazione del cosmo in un bar in una strada laterale buia?
Radiazione / La maledizione di Tesla (di Nina FitzPatrick)I ricercatori del romanzo trovano la prova definitiva che parti della tecnologia moderna stanno distruggendo la biologia neurologica umana?
Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Notifica / La Svezia e l'Inghilterra erano democrazieIl trattamento di Julian Assange è un disastro legale iniziato in Svezia e continuato nel Regno Unito. Se gli Stati Uniti riusciranno a ottenere l'estradizione di Assange, potrebbero impedire la pubblicazione di informazioni sulla grande potenza in futuro.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato